PDA

View Full Version : Media zone


Pages : [1] 2 3

Zamboni
Oct 14th, 2009, 08:31 PM
I thought we could do with a place for interviews, articles and such ;)

afterall, she's a superstar now:angel:

FORZA SARITA
Oct 14th, 2009, 08:34 PM
the first article should be the slutty interview with le iene :hysteric:

Fantasy Hero
Oct 15th, 2009, 01:16 PM
:spit: superstar? :haha:

Zamboni
Oct 17th, 2009, 08:01 AM
yes, Giulio, superstar:angel:


From wtatour.com:
Pennetta, the top seed, followed with a 75 62 win over Ioana Raluca Olaru. It has been a long season but the Italian No.1 looked as fresh as ever, particularly during a strong finish in the second set against the young Romanian.

"I played her in New Haven this year and the match wasn't this tough. She was playing very well today, especially the first set," Pennetta said of Olaru. "It's a very long season and we're all very tired, but I'm hoping to keep playing well, here this week and Moscow next week, and hopefully Doha. Then Fed Cup."


It will be two first-time meetings in the semifinals, as Pennetta faces Wickmayer and Radwanska plays Kvitova.

"I'm really excited to be playing Pennetta for the first time," Wickmayer added. "She has had a great year this year, making it to the Top 10, and I'm going to give everything I have to reach the final."

marinaRU
Oct 17th, 2009, 09:01 AM
and hopefully Doha
She's the optimist :)

FORZA SARITA
Oct 17th, 2009, 12:22 PM
She's the optimist :)

:lol:

marinaRU
Oct 17th, 2009, 05:36 PM
hopefully Doha.

you can forget about it after lost to cow wickmayer :sad:

marinaRU
Oct 17th, 2009, 05:49 PM
From wtatour.com:

Pennetta, seeded No.1, followed Radwanska to the sidelines with a 76(5) 63 loss to No.3 seed Yanina Wickmayer. After losing four of the first five games of the match Pennetta found her range, taking four straight games to lead 5-4 and serve for the first set. Wickmayer regained the momentum though and took the one set lead, cruising to victory in a 39-minute second set.

"She was playing very aggressive. I had some chances in the first set but I just didn't make it. I tried to fight but she was too strong today, that's it," Pennetta said. "Linz is such a good place and everyone has been really nice. The organizers and sponsors do so much for the tournament. We tried our best today and I hope everyone enjoyed the tennis."

marinaRU
Oct 19th, 2009, 12:45 PM
Пеннетта: Марат действительно очень красивый парень!


Итальянка Флавия Пеннетта уже потеряла шансы на поездку в Доху на итоговый чемпионат WTA и поэтому на встрече с журналистами выглядела немного расстроенной, однако вопрос о Марате Сафине развеселил Флавию и дальнейшее общение проходило уже совсем в другой обстановке.

Флавия, несколько дней назад вы потеряли последние шансы на то, чтобы попасть в Доху, вы расстроились?

- Конечно я же я очень сильно расстроилась, что я не попала в Доху. У меня был шанс, вот только воспользоваться им я не сумела. Вообще же, после US Open все выглядят уставшими, “вареными”. Было очень тяжело играть, тем более после этого предстояла поездка в Азию, а это не очень хорошо в плане восстановления сил, поскольку нам предстоял очень тяжелый перелет. Я очень рада тому, что попала в первую десятку мирового рейтинга, ведь до меня ни одной итальянке это не удавалось. Отдыхать я пока не планирую, поскольку нам сейчас предстоит играть финал Кубка Федерации против американок. Только после этого я возьму 10-дневный перерыв.

Флавия, вас называют одной из самых красивых теннисисток WTA-Tour, что вы думаете по этому поводу?

- Всегда приятно когда тебе говорят комплименты. Внешность важна не только для твоей личной профессиональной карьеры, но и для спонсоров. Хочу отметить, что в последнее время появляется много красивых игроков и из России.



Флавия, недавно в мировых СМИ прозвучали ваши слова о том, что вы считаете Марата Сафина одним из самых красивых игроков мирового тура, почему бы вам не сказать ему - Зачем ты уходишь из тенниса - оставайся!

- Что касается красоты Марата, то действительно - он очень красивый парень, да что я вам говорю, вы и так все это видите. Решение Марата уйти из тенниса - это его выбор, надо уважать его! Сейчас он просто устал от многолетнего пребывания в туре. Думаю, что он сделал очень много хорошего для России и прославил ее в мире тенниса. Сейчас он хочет наслаждаться жизнью, я хочу пожелать ему, чтобы он продолжал наслаждаться жизнью уйдя из тенниса.

Когда сборная России играла против Италии в Кубке Федерации, то вы уверенно заявили, что ваша сборная добьется победы, потому что вы играете в таком замечательном месте как Касталането-де-Марино. Насколько для вас важно - где вы выступаете? Где вам больше всего нравится играть?

- Для нас было важно, что именно мы выбирали это место. Там отличная атмосфера, до этого мы сыграли там несколько матчей и во всех добились победы. Когда мы играем дома, то мы имеем преимущество, и то же самое произойдет и в финальном поединке против американок. Мы будем играть на открытых кортах, покрытие будет - грунт. Это самое лучшее покрытие для нас, а для американок - наоборот. Когда же ты играешь на выезде, то тебе просто надо приспосабливаться к тому покрытию какое есть.

http://www.gotennis.ru/news/?p=28710#more-28710

FORZA SARITA
Oct 19th, 2009, 12:55 PM
Пеннетта :hearts:
what does the article say?:p

Zamboni
Oct 19th, 2009, 01:01 PM
Пеннетта :hearts:
what does the article say?:p
That Marat is hot:hearts: And she understands he wants to quit now and enjoy life.
She's a bit mad at herself for missing Doha, but she tried, so :shrug: And after the US Open she was tired, like everyone, and the trip to Asia didn't help either.

And she thinks looking good is important for sponsors and such. And there are a lot of goodlooking Russian players.

marinaRU
Oct 19th, 2009, 01:07 PM
That Marat is hot:hearts: And she understands he wants to quit now and enjoy life.
She's a bit mad at herself for missing Doha, but she tried, so :shrug: And after the US Open she was tired, like everyone, and the trip to Asia didn't help either.

And she thinks looking good is important for sponsors and such. And there are a lot of goodlooking Russian players.

Linda, google translate?

Zamboni
Oct 19th, 2009, 01:12 PM
Linda, google translate?
It's not as bad as everyone makes it seem ;)
(unless you want a literal translation)

marinaRU
Oct 19th, 2009, 01:28 PM
also she said about FedCup's final and her rest

FORZA SARITA
Oct 19th, 2009, 01:29 PM
That Marat is hot:hearts: And she understands he wants to quit now and enjoy life.
She's a bit mad at herself for missing Doha, but she tried, so :shrug: And after the US Open she was tired, like everyone, and the trip to Asia didn't help either.

And she thinks looking good is important for sponsors and such. And there are a lot of goodlooking Russian players.

whoretta :lol: safin is playing there so take your chances italian slut:p

Zamboni
Oct 19th, 2009, 01:31 PM
whoretta :lol: safin is playing there so take your chances italian slut:p
They asked her about it because of the interview of course :ras:
And well, she's right. "Everyone can see that" :lol:

marinaRU
Oct 19th, 2009, 01:32 PM
and other one
В понедельник на Кубке Кремля состоялась традиционная предтурнирная встреча четырёх первых номеров посева в женском одиночном разряде с журналистами. Четвёртая ракетка соревнований итальянка Флавиа Пеннета ответила на вопросы представителей прессы, в том числе рассказав о предстоящем финале Кубка Федерации с американками, о своём отношении к футболу и собственной привлекательности.

— Многие русские теннисистки используют футбол в качестве дополнительной подготовки, тренировок. Вам не обидно, что в вашей стране футбол является спортом номер 1 и внимание общественности к футболистам значительно выше, чем к теннисистам?
— Я не играю в футбол ради тренировок. И в любом случае это здорово, потому что играю в него я очень плохо. Что касается популярности итальянского футбола, то это очевидно, что в Италии футбол — спорт номер 1. Впрочем, как и во многих других странах. Никакой ревности в этой связи я не испытываю, просто они играют в свою игру, а я в свою. Да и маркетинг в футболе совсем другой, нежели в теннисе. Я рада, что занимаюсь тем, чем я занимаюсь.

— В прошлом году, выступая в Москве, вы признались, что покрытие кортов в "Олимпийском" вам не очень нравится. Сильное сцепление кроссовок с площадкой, к тому же, корт медленный. Сейчас вы уже успели провести несколько тренировок — как оцените покрытие в этом году?
— Мы просто делимся своими ощущениями, впечатлениями в отношении какого-либо корта. Это всё субъективное мнение. В прошлом году я действительно жаловалась, но, с другой стороны, я сыграла очень неплохо в Москве. Что касается нынешнего года, то я тренировалась не на центральном корте, а на каком-то другом. Он был вполне нормальным.

— Что из итальянской кухни вы любите больше всего?
— Я люблю всю итальянскую еду, но особенно пасту и салат.

http://www.championat.ru/tennis/article-41649.html

FORZA SARITA
Oct 19th, 2009, 01:34 PM
They asked her about it because of the interview of course :ras:
And well, she's right. "Everyone can see that" :lol:

she didn't say he's hot in that interview :o

Zamboni
Oct 19th, 2009, 01:37 PM
she didn't say he's hot in that interview :o
No, she'd do him because she thinks he's so ugly:rolleyes: :p

marinaRU
Oct 19th, 2009, 01:38 PM
Fran, you know it's stupid article

they asked her about her words about Marat and she said - she's really handsome guy

FORZA SARITA
Oct 19th, 2009, 01:39 PM
No, she'd do him because she thinks he's so ugly:rolleyes: :p

well she said this about haas :lol: hot but don't want to do him:p

FORZA SARITA
Oct 19th, 2009, 01:40 PM
Fran, you know it's stupid article

they asked her about her words about Marat and she said - she's really handsome guy

sex is in the air for sucketta/whoretta :hearts:

marinaRU
Oct 19th, 2009, 01:44 PM
in Moscow was the players's party but no photos of Flavia:o

FORZA SARITA
Oct 19th, 2009, 01:45 PM
in Moscow was the players's party but no photos of Flavia:o

busy in hotel room :secret:

marinaRU
Oct 19th, 2009, 01:47 PM
busy in hotel room
:haha:


and no Marat's photos too

marinaRU
Oct 19th, 2009, 05:32 PM
Kremlin Cup top seeds meet the press
19.10.2009

The Italian Flavia Pennetta said the lineup of the tournament is very strong, which is especially true of the Russian players. Sharing her views on the upcoming Fed Cup-2009 finals Italy v US Pennetta said: ”We tried to choose the best conditions for us and the worst for our opponents, so we’re going to play outdoors on a slow clay court. I hope it will make a difference and will help us win the trophy”.

http://kremlincup.ru/db/news/1189

Fantasy Hero
Oct 19th, 2009, 06:17 PM
:lol: Flavia's interviews are anything but boring or common :spit:

FORZA SARITA
Oct 19th, 2009, 07:41 PM
:haha:


and no Marat's photos too

i told you :hehehe:

Kremlin Cup top seeds meet the press
19.10.2009



http://kremlincup.ru/db/news/1189

play indoor with this crazy and cold weather is just pathetic :lol: there are less than 10 degrees now that is middle of october i can't image in november :) happy them :lol:

marinaRU
Oct 22nd, 2009, 02:35 PM
Posted 10/17/2009 @ 10 :00 AM
By Pete Bodo

Quite honestly, Flavia Pennetta's chances of making the Sony-Ericsson WTA Tour Championships in Dough-ha are slim to none. She basically has to win every match she plays for the rest of the year, and she still needs help from her rivals for the remaining slot in the eight-player draw screwing things up. It's hard to imagine that Jelena Jankovic won't be the final qualifier, and if we know her it's entirely possible that she'll then go out and win the blasted thing.


But I wish Pennetta would make it; she's put together one of the better stories of the WTA year, and she's had a long and tough road to travel since the summer of July 2007, when she learned from journalists (and published newspaper photographs) that her de facto fiance, the Spanish star Carlos Moya, had hooked up with a new girl. "They (Pennetta and Moya) had been together for two years and were planning to marry," my pal, Italian journalist and blogger Ubaldo Scanagatta, told me at the US Open. "They were living together, and had bought furniture together. Then she discovered, like everyone else, that Moya was cheating on her with a Spanish TV star."

The break-up that followed was so painful to Pennetta that she lost 16 pounds; at the US Open, she devoted a lot of energy to, as Ubaldo put it, "hiding" from Moya. Her ranking followed her heart - she fell out of the Top 50, but scrambled back to finish that year at no. 40. As Ublado explained, "She had a big job to do to re-build herself."

She accomplished that mission admirably and emerged a better player and perhaps even a better person. Pennetta had a shot at making the WTA finals last year, but disaster struck once again. Her good friend, Frederico Luzzi, died of leukemia at age 28 in October. Pennetta faced a dilemma: If she attended the funeral, she would have to skip the WTA event that week, all but destroying her hopes of making the championships.

Pennetta decided to attend the funeral.

This year, Pennetta caught fire in Los Angeles. Entering the event, she was already thinking of the US Open quarterfinal points she would have to defend in a few weeks time. She responded to the pressure beautifully, winning Los Angeles and following up with a semifinal in Cincinnati. "The pressure was out completely after I won in Los Angeles," she said at the US Open, while trying to rationalize her outstanding summer results. "I started just to play my tennis and that's it. Doesn't feel (like) a lot of tension, except maybe in my first (Open) match. It's always like the first one is the worst, you known. There are so many. . . you think so much, and the pressure is high. I didnt breathe too much in the first one."

But Flavia already knew something about exhaling, and it helped. After a tight-three setter in the first round of the Open, she embarrassed Sania Mirza, feeding her a double bagel. She relented a little against Alexandra Wozniak, giving her a game in each set. Her fourth-round match against no. 7 seed Vera Zvonareva was an entertaining mess as well as a terrific effort by Pennetta: She fought off six match points, which made her opponent cry (Zvonareva is always ready to turn on the faucets, equal-prize money be danged!) and went on to sweep at third set at love.

"I didn't take the count (of the match points) when I was playing," she said later. "But at that point I just was playing very aggressive. Just anyway the match, it was almost over (in the second set tie-breaker) so it's better to play aggressive and not wait. I just was thinking on that."

Pennetta's run was ended in the quarterfinals by Serena Williams, but by then she'd earned a distinction she gave up earning out of loyalty to a deceased friend in 2008. She became the first Italian woman - ever - to make the top 10. Pennetta is a frank, worldly young woman of 27. When she was asked why she thought things had fallen into place for her, she deadpanned: "I don't know, you have to ask my coach."

She paused before continuing: "No, it's just a joke. I think I just start to win more and more matches, and getting more confidence and everything has come. Tennis - it's a very strange sport, because one point can change everything. You have to be very focused, mentally, in all the moments."

And that's an easier assignment to fulfill when you know how to exhale, and understand that no matter how bleak things sometimes appear, you can make them alright in the end.

Zamboni
Oct 22nd, 2009, 03:28 PM
Nice article :)

marinaRU
Oct 23rd, 2009, 02:34 PM
PENNETTA: RISONANZA AL GINOCCHIO
A riposo fino a lunedì, poi un nuovo controllo
Distensione del complesso posteriore esterno del ginocchio sinistro con piccolo versamento: questa la diagnosi per Flavia Pennetta dopo la risonanza al ginocchio sinistro alla quale la ventisettenne brindisina si è sottoposta ieri pomeriggio a Barcellona. Flavia dovrà restare a riposo fino a lunedì, quando si sottoporrà ad un nuovo controllo: intanto ha già iniziato una cura a base di antinfiammatori e fisioterapia.
La numero uno azzurra era rientrata subito da Mosca dopo il ritiro di mercoledì nel primo turno della "Kremlin Cup" contro l'ungherese Agnes Szavay. Flavia, quarta favorita del seeding, incamerato il primo set per 64, aveva abbandonato il campo a metà del secondo parziale con la sua avversaria in vantaggio 3-0 per un problema al ginocchio sinistro. Flavia già dopo tre games aveva chiesto l'intervento del fisioterapista che le aveva appilcato una fasciatura, ma nel secondo set aveva dovuto alzare bandiera bianca.

Fantasy Hero
Oct 23rd, 2009, 02:37 PM
nothing so bad luckily :)

marinaRU
Oct 23rd, 2009, 02:47 PM
she lives in Barcelona?

Fantasy Hero
Oct 23rd, 2009, 02:53 PM
she trains there so she spends a lot of time in Barca

Zamboni
Oct 23rd, 2009, 04:26 PM
I don't think I really understood what's wrong with it, but I guess she'll probably be fine for Fed Cup :)

Escape
Oct 25th, 2009, 06:13 PM
she lives in Barcelona?

She lives in Switzerland ;)
Like a lot ot tennis players do :lol:

Zamboni
Oct 25th, 2009, 06:15 PM
She lives in Switzerland ;)
Like a lot ot tennis players do :lol:
She officially lives in Switzerland, you mean ;)
She also has a (shared) appartment in Barcelona and spends a lot of time in Brindisi too;)

marinaRU
Oct 25th, 2009, 06:24 PM
shared?

Zamboni
Oct 25th, 2009, 06:25 PM
shared?
Yes, with her cousin, a friend and another girl

marinaRU
Oct 25th, 2009, 06:29 PM
Yes, with her cousin, a friend and another girl

I didn't know it :)

Zamboni
Nov 3rd, 2009, 05:41 PM
I'm bored, so went quote-hunting:drool:
Some of my fave Flavia quotes:angel:



"I think I never play like very, very good tennis. [....] most of them I just fight a lot and just try to stay there. "
:lol:


"Anyway, the serve is not my best shot. I know that, and it's -- I improve a lot in the last year, but it's still not very stable."
- selfknowledge, much?


"I am a really fight girl in the court."
:cool:
And the full one of that:
"I am a really fight girl in the court so this is a fight car so I think we are pretty the same"
:bigcry:


"It was a little bit pain, but I can handle.
Until when I can I gonna be on the court, and when I cannot, I stop it. "
:cool:


"Like this."
ok, this needs explanation. She was being a bitch to the ballkids in Rosmalen:spit: (admittedly, these kids sucked)


"Mentally I am a bit up and down"
:lol: .....

Fantasy Hero
Nov 3rd, 2009, 07:50 PM
^:spit: :rolls:

marinaRU
Nov 5th, 2009, 04:44 PM
Barazzutti hails passionate Italians
http://www.fedcup.com/news/newsarticle.asp?articleid=12575

marinaRU
Nov 5th, 2009, 05:25 PM
Пеннетта: Мы в отменной спортивной форме:lol:

Лидер сборной Италии Флавия Пеннетта заявила, что все теннисистки в команде во всеоружии подошли к финалу Кубка Федерации-2009 Италия – США, который состоится в эти выходные - с 7 по 8 ноября в Реджио Калабрия. Напомним, что две недели назад 11-я ракетка мира 27-летняя Флавия в первом круге «Кубка Кремля»-2009 получила травму ноги и с той поры не выходила на корт в официальных встречах.

«Я начала нормально тренироваться и играть на прошлой неделе. Это – отличный шанс для нас. Покрытие корта очень хорошее, да и мы все в отменной спортивной форме», - отметила Пеннетта в четверг на пресс-конференции накануне официальной жеребьевки финала.

За команду Италии выступят все сильнейшие - Флавия Пеннетта (11-я ракетка мира), Франческа Скьявоне (16-я), Сара Эррани (47-я) и Роберта Винчи (64-я). За американскую сборную сыграют Мелани Один (49-я ракетка мира), Ваня Кинг (79-я), Алекса Глэтч (132-я) и Лизель Хубер (одна из лидеров мирового парного рейтинга).

Последний матч с Глэтч сложился для Пеннетты крайне неудачно. Соперницы встречались между собой в стартовом раунде «Ролан Гаррос»-2009, и тот поединок завершился для итальянки форменным разгромом – 1/6, 1/6.

«Я не была готова в том матче. Посмотрим, как все сложится в эту субботу», - сказала в заключение Флавия.

Напомним, что сборная Италии однажды владела заветным трофеем: случилось это в 2006 году.

http://www.gotennis.ru/news/?p=30233#more-30233

Zamboni
Nov 14th, 2009, 01:41 PM
FLAVIA PENNETTA A "DRIBBLING"
"Fed Cup chiusura di un 2009 fantastico"
Flavia Pennetta (nella foto) è stata protagonista oggi a “Dribbling”, la rubrica sportiva del sabato su Raidue. La brindisina, reduce dal trionfo di domenica scorsa in Fed Cup e prima tennista italiana della storia ad entrare tra le top ten del ranking mondiale, ha aperto la sua casa di Brindisi alla troupe Rai. “Questa coppa - ha detto Flavia indicando il trofeo di campionessa del mondo conquistato con la squadra azzurra a Reggio Calabria - ha un significato importante perché è arrivata a conclusione di un 2009 fantastico. La ciliegina sulla torta di una grandissima stagione e me la tengo ben stretta”. Stagione in cui l’azzurra ha anche vinto due titoli Wta (Palermo e Los Angeles, 8 in totale in carriera) e raggiunto per la seconda volta in carriera i quarti di finale agli US Open.
Flavia ha anche mostrato la rassegna stampa del giorno successivo alla vittoria di Reggio Calabria nella finale con gli Stati Uniti. “Mio padre Oronzo è il mio primo tifoso e l’ha raccolta tutta… Lo fa sempre, ha detto l’azzurra.
Poi un salto al circolo di Brindisi in cui è cresciuta e del quale il padre è dirigente. All’ingresso campeggia una grande scritta: Grazie Flavia!.
“Qui è iniziata la mia avventura più che un sogno. Sogno lo è diventato dopo, perché non pensavo certo di diventare una tennista professionista…”, ha raccontato Flavia.
L’azzurra ha quindi ricordato Federico Luzzi, l’azzurro di Coppa Davis scomparso tragicamente poco più di un anno fa, a soli 28 anni, per una leucemia fulminante e suo grandissimo amico. Manca a tutti noi - ha detto - la morte di Federico è stato uno dei momenti più duri della mia vita”.

Fantasy Hero
Nov 14th, 2009, 07:49 PM
Flavia :hugs: she's always so cute when she talks about Federico

spiceboy
Nov 16th, 2009, 12:36 PM
I don't know where to post it :lol:

Flavia will start her season in Auckland :bounce:

Zamboni
Nov 16th, 2009, 12:45 PM
I don't know where to post it :lol:

Flavia will start her season in Auckland :bounce:
Time to open the 2010 cheering thread, I guess:lol:

*opens it*

FORZA SARITA
Nov 17th, 2009, 07:47 PM
http://www.federtennis.it/DettaglioNews.asp?IDNews=44638

Oronzo :cool:

ORONZO PENNETTA
Cuore di papa'
di Amanda Lanari
(da SuperTennis n.6 di giugno 2009)

Vivere il tennis da bordo campo può essere una scelta che si fa per lavoro, se sei un allenatore, oppure per amore se sei un papà orgoglioso come Oronzo Pennetta. Padre di Flavia, Oronzo fa parte della categoria “giusta” di genitori: quelli che sostengono, aiutano e comprendono senza interferire più del necessario nella vita della propria figlia. I suoi ricordi, i suoi aneddoti ed i suoi racconti illuminano Flavia, il tennis e tornei come Roma di una luce ironica, ma anche divertente e soprattutto tenera, come solo un papà “vero” come Oronzo sa essere.

La prima domanda, quella più naturale, è quando hai messo Flavia su un campo da tennis… Te lo ricordi?
Sì, certo è stato al Circolo Tennis Lecce. Flavia aveva più o meno quattro anni ed eravamo in villeggiatura, e lei ha mi seguito in campo mentre stavo giocando un torneo. Ricordo benissimo che aveva un bellissimo vestitino bianco e la foto di lei con quell’abitino e quella bacchettina è uno dei più bei ricordi che conserviamo a casa.

Il tennis è una passione di famiglia?
Io, come ho detto, giocavo e gioco ancora un po’, anche se male… Anche Giorgia, la sorella maggiore di Flavia, se la cava abbastanza bene con la racchetta. Oggi ha scelto il beach tennis ed ha partecipato anche ai Mondiali che si sono disputati al Foro Italico durante gli Internazionali BNL d’Italia.

La scelta di trasformare l’amore di Flavia per il tennis in una professione come è maturata?
Diciamo che è stata una scelta del tutto naturale. Flavia seguiva mia moglie e Giorgia in giro per i tornei e faceva di tutto, perfino la raccattapalle. In poche parole ha sempre respirato aria di tennis. Certo, non pensavamo che potesse diventare una giocatrice professionista…

Perché no?
Perché era difficile immaginare che una ragazzina di una cittadina del sud come Brindisi, che ha frequentato solo SAT e Circoli di Tennis potesse arrivare a livelli tanto alti. E perché nei tornei giovanili, lo sanno tutti, Flavia non eccelleva granché…

Poi cos’è successo?
Michelangelo Dell’Edera ha sempre creduto in Flavia e con lui andavamo tutti i fine settimana a Bari per allenarci… Poi siamo approdati in Federazione quando Flavia aveva circa 16 anni, ed i fine settimana invece di andare a Bari li passava a Roma al centro federale. Il resto della storia lo conoscono tutti…

Flavia ha cominciato ad emergere e a vincere: qual è la vittoria che ricordi meglio?
Beh, una delle prime: il doppio juniores al Roland Garros nel 1999 assieme a Roberta Vinci, che è stato il primo trofeo davvero importante. Poi, di partite e vittorie ce ne sono state tante altre e per me le più importanti sono quelle che ho potuto vivere con Flavia a bordo campo, come la vittoria di Fed Cup contro il Belgio nel 2007 a Charleroi. Le vittorie con la maglia azzurra sono sempre importanti, lo sono state anche le due ottenute quest’anno ad Orleans contro la Francia. Flavia è stata davvero grande ed io mi sono sentito davvero molto orgoglioso di essere suo padre.

Tu sei scaramantico quando si tratta di Flavia e del suo tennis?
Io sono molto scaramantico, ma sono anche uno scaramantico vigliacco…

In che senso?
Nel senso che, se vedo che la partita non va bene preferisco alzarmi e allontanarmi dal campo. Lo faccio anche perché so bene che Flavia si accorge di tutti i miei movimenti sugli spalti e quindi vado via per non crearle ulteriori ansie. Però la partita la seguo lo stesso perché cerco di capire, dal grido della folla, se ha fatto il punto o no. Sono emozioni indescrivibili, che non si possono spiegare…

Qual è il torneo più difficile da seguire, come padre/spettatore?
Forse Roma, perché è davvero un evento speciale e fuori della norma… Mi ricordo che una ventina di anni fa, venimmo a Roma come pubblico e ci trovammo in mezzo ad un grosso acquazzone proprio come quest’anno… Flavia era piccolina e si addormentò per la stanchezza, allora un mio amico mi disse: “Vedrai che un giorno torneremo a Roma da protagonisti”. Quest’anno lui era con noi ed è stato bello ricordare le sue parole.

Parlaci degli ultimi Internazionali, qualche ricordo o aneddoto particolare?
Beh, noi siamo arrivati prima di Flavia e anche questo sembra essere una buona abitudine visto che poi Flavia ha giocato le semifinali di singolo e la finale di doppio a Stoccarda. L’abbiamo potuta abbracciare solo domenica sera, ma ovviamente siamo stati felici di come si è comportata in Germania.

Qual è il consiglio più frequente che dai a Flavia in materia di tennis?
Veramente con me Flavia non vuole proprio parlare di tennis! Ovviamente scherzo, ma in generale io cerco di non intromettermi nel lavoro del suo coach... Io faccio il papà e mi preoccupo che stia bene e che sia abbastanza riposata prima degli incontri. Queste sono le cose che solitamente fa un padre… In campo insisto sempre sul fatto che Flavia creda sempre in se stessa, perché quando rischia poi vince.

Un consiglio che Flavia sembra aver seguito, visto il grosso salto di qualità che ha fatto e i traguardi che sta raggiungendo…
E’ vero è molto migliorata in tanti aspetti, anche nella lettura della partita ed è soprattutto maturata molto fuori dal campo. A volte la guardo sorpreso e mi chiedo: “Questa è mia figlia?”

Perché?
Perché fa delle cose o ha degli atteggiamenti che mi stupiscono positivamente. Vivendo da sola e fuori di casa è sicuramente maturata moltissimo ed ha imparato a gestirsi al meglio. E’ puntuale e precisa in tutto quello che fa, dagli allenamenti, alle partenze, ai vestiti da indossare in campo. Può finire di giocare tardissimo e andare a letto a notte fonda, ma la mattina è sempre puntale anche se ha dormito poco.

Ci sono ricordi particolari dei viaggi fatti assieme a Flavia?
Credo che i tornei che ricordiamo meglio sono quello di Acapulco, dove Flavia è praticamente di casa, e poi ovviamente il Roland Garros e Wimbledon dove andiamo sempre per sostenerla in appuntamenti tanto importanti. Non nascondo, però, che a me gli Slam piacciono anche perché ho la possibilità di vedere tanto tennis di qualità. Quando non gioca Flavia vado sempre in giro per i campi a seguire le partite di altre giocatrici, magari sconosciute.

Un pregio di Flavia?
Direi la sua caparbietà che, ad alcuni, potrebbe anche sembrare un difetto ed invece in questo sport senza la giusta dose di caparbietà non arrivi da nessuna parte.

Concludiamo con un desiderio per quest’anno? Cosa chiederesti al genio della lampada?
Un desiderio da papà: che Flavia si tranquillizzi e non si faccia condizionare dalla pressione di entrare nelle top ten. L’importante è continuare a giocare bene senza infortuni. Il traguardo delle prime dieci arriverà comunque…

Zamboni
Nov 24th, 2009, 06:21 PM
FLAVIA PENNETTA SI CONFESSA
"Tennis fino ai trent'anni, poi voglio un figlio"
"'Quando compiro' trent'anni ho intenzione di appendere la racchetta al chiodo. Mi piace l'idea di diventare mamma'. Parola di Flavia Pennetta (nella foto). "Se avro' trovato l'uomo giusto sicuramente faro' un bimbo: è il mio sogno da sempre metter su famiglia'. Pensa al futuro la numero uno del tennis azzurro che ha confessato questo desiderio in un'intervista al settimanale Chi, che sarà in edicola domani. "Sono una donna molto passionale - sottolinea la 27enne brindisina -: mi piace essere femminile e seducente. Non mi sento in conflitto con il mio corpo d'atleta, non avro' mai muscoli mastodontici'. Flavia al momento dice di essere single: "Tra i campioni del circuito maschile mi piace Tommy Haas - ammette. - Razionalmente eviterei un altro tennista, ma al cuore non si comanda...", aggiunge alludendo al legame avuto con il campione spagnolo Carlos Moya.


More tomorrow, I guess ;)

I don't believe people when they set a date for retirement:shrug: But we all know that if she finds the right man she won't play till she's 35 or so.

FORZA SARITA
Nov 24th, 2009, 07:30 PM
i also want a baby for 2012,let's make it together fla?:devil::haha:

marinaRU
Nov 27th, 2009, 08:27 AM
Matteo Becucci per i “Valori dello Sport” a Roma

Il prossimo 2 dicembre Matteo Becucci sarà tra i protagonisti della quinta edizione dell’evento “Valori dello Sport”. Il cantante livornese, infatti, si esibirà nell’Aula Magna dell’Università LUISS Guido Carli di Roma a partire dalle ore 20.30.

L’ultimo vincitore di “X-Factor” canterà due brani durante la serata di gala che sarà trasmessa, in differita, alle ore 23.00 da Rai Sport Più (digitale terrestre).

Tra i tanti ospiti della serata, intitolata “Lo sport è donna”, ci saranno grandissime atlete come Noemi Cantele, Antonietta Di Martino, Flavia Pennetta, Francesca Schiavone.

http://matteobecucci.fansblog.it/2009/11/25/matteo-becucci-per-i-valori-dello-sport-a-roma/

marinaRU
Nov 27th, 2009, 08:31 AM
Flavia, campionessa in passione
La Pennetta svela il suo lato femminile

Le piace essere femminile e seducente e sa di esserlo. Dentro e fuori dal campo. Flavia Pennetta, campionessa di tennis, al 12mo posto nella classifica mondiale, si svela sulle pagine di Chi e racconta della sua indole passionale, delle sue preferenze in fatto di uomini, annunciando che fra tre anni, magari quattro, appenderà la racchetta al chiodo per diventare mamma..."se avrò trovato l'uomo giusto".

E l'uomo giusto al momento corrisponde, anche se solo idealmente, visto che è già occupato con la 27enne modella e attrice americana Sara Foster, a Tommy Haas, tra i campioni del circuito maschile a piacerle di più: "Razionalmente eviterei un altro tennista, ma al cuore non si comanda".

Il suo cuore ha battuto fortemente per tre anni per il tennista spagnolo Carlos Moya, con cui ha convissuto a Palma de Mallorca fino al 2007. Ora, che è single, da due anni ormai, Flavia Pennetta comincia a pensare alla possibilità di riaprirlo a un altro: "Non sento l'urgenza però, quando arriverà quello giusto sono certa che saprò riconoscerlo". E dovrà essere "carino, intelligente, simpatico e preferibilmente italiano".
Donna passionale, si definisce, forse anche per le sue origini meridionali (è nata a Brindisi) e per nulla in conflitto con il suo corpo da atleta: "Anche perchè non avrò mai muscoli mastodontici come altre. Gli uomini apprezzano di me soprattutto la mia parte inferiore, che è quella che si vede di più. Le gambe e, credo, anche il sedere".

http://www.tgcom.mediaset.it/gossip/articoli/articolo467044.shtml

Fantasy Hero
Nov 27th, 2009, 12:23 PM
Flavia's ass :drool:

:lol:

marinaRU
Nov 27th, 2009, 12:59 PM
TV: LAURA PAUSINI TRA GLI OSPITTI DI VERISSIMO SU CANALE 5
ultimo aggiornamento: 27 novembre, ore 13:57
commenta 0 vota 0 invia stampa

Roma, 27 nov. - (Adnkronos) -Domani alle ore 16, undicesimo appuntamento su Canale 5 con ''Verissimo - tutti i colori della cronaca'', il rotocalco di Videonews, diretto da Claudio Brachino e condotto da Silvia Toffanin, con la presenza in studio di Alfonso Signorini. Ornella Vanoni l'ha definita la vera diva della musica italiana: Laura Pausini sara' protagonista di una lunga e toccante intervista in cui raccontera' dei suoi progetti e della volonta' di fare una pausa lavorativa per dedicarsi agli affetti piu' cari. Questo sabato sotto i riflettori delle interviste vis-a'-vis con Silvia Toffanin saranno: Luca e Alice, ex alunni dell'accademia di Amici che da un anno convivono felici; Alex Britti che torna dopo quattro anni di assenza con un nuovo album. E ancora, la campionessa di tennis Flavia Pennetta raccontera' a Silvia Toffanin il suo lato privato; Claudia Gerini, di nuovo mamma, parlera' del suo nuovo ruolo cinematografico e di come riesca a conciliare il lavoro con la gestione di due bimbe. A Verissimo saranno inoltre ospiti: Oriella Dorella, Annalisa Minetti, Emanuela Folliero, Lory Del Santo, Marina Graziani e Alvin. Tra i servizi: Milena Miconi mostra alle telecamere di Verissimo la sua piccola Agnese, Gerry Scotti presenta in anteprima la nuova raccolta di fiabe curata da Mediafriends dal titolo ''Un arcobaleno di sorrisi'' i cui proventi andranno in beneficenza, e, infine, Verissimo e' andato a Bari a casa di Massimo, il forzuto del Grande Fratello, per sapere come vivono mamma papa' l'avventura nella casa di loro figlio. La regia di Verissimo e' affidata a Roberta Bellini. Il curatore e' Rosa Teruzzi. Il produttore esecutivo e' Margherita Ravasi.

FORZA SARITA
Nov 27th, 2009, 07:51 PM
omg she's becoming the new belen rodriguez of italian tv :lol::help::weirdo:

marinaRU
Nov 28th, 2009, 02:53 PM
TV: LAURA PAUSINI TRA GLI OSPITTI DI VERISSIMO SU CANALE 5

I watched it and understood only Valentino Rossi and idiot(C.Moya:o)

marinaRU
Nov 28th, 2009, 03:56 PM
FLAVIA OSPITE A VERISSIMO SU CANALE 5
"Ora in Italia si parla di tennis femminile"
“Perché noi donne nello sport vinciamo più degli uomini? Forse perché abbiamo la testa più dura, siamo più determinate e decise quando vogliamo raggiungere un obiettivo”. A parlare è Flavia Pennetta (nella foto), ospite del rotocalco di Canale 5 “Verissimo”. Flavia è tornata sul successo dell’Italia in Fed Cup, che ha regalato al tennis azzurro il secondo titolo mondiale in quattro anni: “E’ stato molto importante - ha detto la brindisina - perché in Italia è finalmente si sente parlare anche di tennis femminile”.
Quindi la numero uno azzurra si è raccontata: “In campo sono sempre molto tesa ed aggressiva, fuori sono più rilassata”. Il tennis le ha tolto qualcosa, ma le ha anche regalato tantissimo: “Non ho fatto la classica vita di una ragazzina normale, è evidente. Sono andata via da casa molto presto, ma in compenso ho conosciuto posti meravigliosi, tanta gente e culture diverse. A 27 anni posso dire di aver girato quasi tutto il mondo”.
Sul legame con il papà Oronzo e la mamma Concita: “La mia famiglia in generale è stata molto presente nella mia vita e nelle mie decisioni. Per me è molto importante perché da buona meridionale sono legatissima ai miei cari”.
Un paio di anni Flavia ha attraversato un periodo molto difficile: un infortunio al polso e la fine del fidanzamento con il collega Carlos Moya. “Non è stato facile, perché è complicato tenere separata la tua vita privata da quel che poi fai in campo. Però con il tempo mi sono scoperta più forte e determinata”.
Flavia ha parlato delle sorelle Williams: “Sono molto forti, le migliori in assoluto. Hanno vinto tutto e ora possono permettersi di rilassarsi e di non concentrarsi unicamente sul tennis. Però quando decidono di vincere un torneo lo fanno. Difficile giocarci contro? La prima volta, magari, visto che sono molto imponenti. Poi ti abitui….
Quindi sull’amicizia con Valentino Rossi, campionissimo delle moto: “ Sono sempre stata appassionata di motori, ci hanno presentati ad un Gran Premio e ci siamo scambiati i numeri di telefono. Quando Valentino ha vinto il mondiale gli ho inviato un sms, lui ha fatto lo stesso con me quando abbiamo vinto la Fed Cup”.
Infine il suo rito scaramantico: “Porto sempre al polso un braccialetto di cuoio con una coccinella che mi ha regalato mia nonna”. E sul futuro: “Vorrei giocare fino a 30, 31 anni, poi magari diventare mamma…”.

Krzysiu.
Dec 8th, 2009, 08:55 AM
Flavia scrive per La Gazzetta in edicola oggi.

«Henin più umana e sempre fenomeno»
Parola di Pennetta

Dopo Kim, Justine. Dopo
aver saggiato, in allenamento
a Rosmalen, le condizioni di
Kim Clijsters che stava per rientrare
alle gare e poi ha vinto gli
Us Open di settembre, ho potuto
verificare, nel fine settimana
a Charleroi, anche le condizioni
di Justine Henin, un’altra
grande campionessa belga
che, a gennaio, torna alle gare.
Avevo visto subito che Kim era
in formissima, contenta di tornare,
allegra come sempre. Sapevo
che sarebbe stata subito
super e ho avuto ragione. Con
Justine ho perso 6-4 6-4: io ho
fatto cose nuove e diverse che
provo in allenamento, lei ha fatto
molti errori e qualche doppio
fallo. Si vede che le mancano
partite.Ma sta già abbastanza
bene. Fisicamente, direi che
è la stessa: piccolina, agile,
scattante. Tennisticamente pure,
è sempre lei: straordinaria.
Col solito rovescio a una mano
con il quale può fare davvero
quello che vuole: tocca sempre
la palla in maniera pazzesca,
entra coi piedi ben dentro il
campo, gioca un tennis diverso.
E’ un bene se tornano protagoniste
come lei, con uno stile
spettacolare. Lei e Kim sono
davvero due grandi personaggi
e due grandi campionesse.
Come dice lei, credo che Justine
sia diversa, dentro, come persona.
Dopo la partita, abbiamo
parlato un po’ del distacco che
ha avuto dal tennis: un anno e
mezzo è un bel po’ di tempo. Mi
ha raccontato che cosa ha fatto,
era contenta di aver vissuto
una vita normale, sorrideva
molto, mi ha parlato molto del
ruolo di ambasciatrice Unicef.
Prima era più chiusa. Mi ha detto
che per 4-5 mesi non ha toccato
la racchetta. Poi, da agosto,
ha ripreso ad allenarsi: stesso
allenatore, stesso staff, stesso
tutto.
In campo, a Charleroi, era molto
carica. Come la Cornet, nel
match che ho vinto 6-4 6-0. Ma
Justine sentiva molto questo primo
test, sulla strada del ritorno
ufficiale d’inizio gennaio, a Brisbane.
Si auto-caricava, col pugno,
guardano il suo allenatore.
Insomma: la solita grande
protagonista. Secondo me già
pronta per lottare con le prime.
Del resto, lei non torna per tornare,
ma per vincere Wimbledon.
Quindi, dev’esser subito
di nuovo Henin. E può farcela.

Fantasy Hero
Dec 8th, 2009, 11:55 AM
:lol: nice article anw

FORZA SARITA
Dec 8th, 2009, 12:43 PM
it's good for tennis but not for you flavia:p

Krzysiu.
Dec 8th, 2009, 07:08 PM
Anybody knows if Flavia played with some celebs like Maldini :angel: or whooever?

Zamboni
Dec 12th, 2009, 05:29 PM
Flavia was in French tennis magazine in november, with an (old - from when the season was still going) interview.
flavia-pennetta.com has scans and it's definitely worth a read:hearts: Very nice interview:yeah:

My favourite quote:
"Gabriel and I are like a love story, except that there's nothing between us!"
oh, Flavia:rolls:

marinaRU
Dec 12th, 2009, 05:31 PM
Flavia was in French tennis magazine in november, with an (old - from when the season was still going) interview.
flavia-pennetta.com has scans and it's definitely worth a read:hearts: Very nice interview:yeah:

My favourite quote:
"Gabriel and I are like a love story, except that there's nothing between us!"
oh, Flavia:rolls:

if you know French :help:

marinaRU
Dec 13th, 2009, 02:54 PM
FLAVIA A "QUELLI CHE IL CALCIO..."
Un'emozione grandissima diventare top ten
Tres chic ed elegantissima in tubino nero e decollete dal tacco vertiginoso, Flavia Pennetta è stata ospite di Simona Ventura a "Quelli che il calcio..." la popolare trasmissione domenicale di Rai2. Un veloce botta e risposta per tracciare il profilo della numero uno azzurra, attualmente 12esima giocatrice del ranking Atp, dagli inizi nel club di famiglia agli ultimi fantastici trionfi. "Sono letteralmente cresciuta in un circolo di tennis - racconta la 27enne brindisina - "mio padre era presidente del Ct Brindisi. Ma il tennis non è stato una passione immediata: da piccola praticavo anche tanti altri sport". Lo scorso 17 agosto Flavia è diventata la prima giocatrice nella storia del tennis italiano femminile a sfondare il muro delle top ten: "Non credevo ci fosse tanta differenza tra essere numero 11 o 10 ed invece quando è accaduto mi sono resa conto che fa una grandissima differenza. E' stata un'emozione forte: forse perché mi è successo non da giovanissima l'ho apprezzato ancora di più". Altrettanto emozionante vincere la seconda Fed Cup per l'Italia a Reggio Cala bria contro gli Stati Uniti: "E' stato un grande successo di cui si è parlato tanto. Di solito il tennis maschile richiama di più - sottolinea la Pennetta -: "in Italia no, perchè noi stiamo giocando meglio. Ma se gli uomini avessero vinto la Coppa Davis sarebbe successo il finimondo". Poi le divertenti clip con tre momenti scelti per raccontare, con un pizzico d'ironia, non solo Pennetta ma anche Schiavone. Per Flavia scelti la premiazione di Los Angeles e della Fed Cup, il "diverbio" con la giudice di sedia nella sfida contro la Mauresmo in Fed Cup ("Meno peggio di quello che ha fatto Serena...") ed il match point con tuffo sul campo dopo la vittoria sugli Stati Uniti.
Infine l'appuntamento rivolto a tutti da Flavia per l'evento in programma a Padova il 20 dicembre organizzato per raccogliere fondi per "Fede Lux".

http://www.federtennis.it/DettaglioNews.asp?IDNews=44831

marinaRU
Dec 13th, 2009, 02:55 PM
flavia-pennetta.com has scans of Flavia in the magazine "Chi" plus an interview.

Zamboni
Dec 13th, 2009, 03:15 PM
if you know French :help:
Finally I understand an article about Flavia which others don't understand:lol:

Krzysiu.
Dec 13th, 2009, 07:31 PM
Finally I understand an article about Flavia which others don't understand:lol:

GOATmila Giorgi knows French ;)

marinaRU
Dec 14th, 2009, 08:47 AM
Kim Clijsters about Flavy

La prima Fed Cup l'Italia la vinse proprio contro il Belgio, nel 2006, ma lei era infortunata. A novembre l'abbiamo rivinta e per giunta siamo numero 1 nel ranking per nazioni, anche se nella nostra storia abbiamo avuto solo una top-ten, Flavia Pennetta. Meritiamo il primato?

«Flavia è una delle ragazze più simpatiche del tour e credo che lei e Dinara Safina siano state le due che hanno compiuto i maggiori progressi dopo il mio ritiro. L'Italia ha almeno 5 giocatrici fra le top-50 e questa è la vera chiave del successo in Fed Cup. Poi con due top-20 come Flavia e Francesca Schiavone, e un doppio competitivo, qualsiasi squadra diventa pericolosa».

http://www.lastampa.it/sport/cmsSezioni/tennis/200912articoli/24194girata.asp

Krzysiu.
Dec 14th, 2009, 06:41 PM
Kim Clijsters about Flavy

La prima Fed Cup l'Italia la vinse proprio contro il Belgio, nel 2006, ma lei era infortunata. A novembre l'abbiamo rivinta e per giunta siamo numero 1 nel ranking per nazioni, anche se nella nostra storia abbiamo avuto solo una top-ten, Flavia Pennetta. Meritiamo il primato?

«Flavia è una delle ragazze più simpatiche del tour e credo che lei e Dinara Safina siano state le due che hanno compiuto i maggiori progressi dopo il mio ritiro. L'Italia ha almeno 5 giocatrici fra le top-50 e questa è la vera chiave del successo in Fed Cup. Poi con due top-20 come Flavia e Francesca Schiavone, e un doppio competitivo, qualsiasi squadra diventa pericolosa».

http://www.lastampa.it/sport/cmsSezioni/tennis/200912articoli/24194girata.asp

Flavia è una delle ragazze più troie del tour :tape:

Fantasy Hero
Dec 14th, 2009, 07:00 PM
^ :spit: that's not really nice of you :rolls:

marinaRU
Dec 14th, 2009, 07:09 PM
Flavia è una delle ragazze più troie del tour :tape:

in english

FORZA SARITA
Dec 14th, 2009, 07:35 PM
in english

she's a whore:o

Fantasy Hero
Dec 14th, 2009, 07:39 PM
Flavia is one of the biggest whore of the tour

marinaRU
Dec 15th, 2009, 11:46 AM
LA SQUADRA DI FED CUP AL QUIRINALE
Flavia legge messaggio al Pres. Napolitano
Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano (nella foto grande), ha ricevuto questa mattina al Quirinale le atlete e gli atleti azzurri che, nel 2009, si sono laureati Campioni del Mondo nelle specialità olimpiche e paralimpiche estive. La delegazione sarà guidata dal Presidente del CONI, Giovanni Petrucci e dal Segretario Generale, Raffaele Pagnozzi.

Al Quirinale erano presenti anche Flavia Pennetta, Francesca Schiavone, Roberta Vinci e Sara Errani, le azzurre della squadra di Fed Cup che lo scorso novembre ha conquistato il secondo titolo mondiale in quattro anni battendo finale a Reggio Calabria gli Stati Uniti. Proprio Flavia ha letto il messaggio di ringraziamento al Capo dello Stato: "Ringrazio il Presidente della Repubblica - ha detto la brindisina - che è sempre così vicino allo sport ed ha voluto festeggiare con noi questo traguardo così importante e più in generale lo sport italiano. Abbiamo ottenuto una grande vittoria e siamo orgogliose di essere qui e condividere con tutti i presenti questo momento di gioia”. Quindi le quattro azzurre di Fed Cup, che avevano portato la coppa, hanno posato con il Presidente Napolitano per le foto.

Questi i 32 atleti che sono stati ricevuti al Quirinale: per il Tennis Flavia Pennetta, Francesca Schiavone Sara Errani, Roberta Vinci (Fed Cup), per il Pugilato Roberto Cammarelle (cat. + 91 kg) e Domenico Valentino (cat. 60 kg), per il Nuoto Federica Pellegrini (200 sl e 400 sl), per la Scherma Andrea Baldini (Fioretto maschile individuale e a squadre), Valentina Vezzali, Margherita Granbassi, Elisa Di Francisca e Arianna Errigo (Fioretto femminile a squadre), Stefano Barrera, Andrea Cassarà, Simone Vanni (Fioretto maschile a squadre), Bianca Del Carretto, Cristiana Cascioli, Nathalie Moellhausen e Francesca Quondamcarlo (Spada femminile a squadre), per il Ciclismo Tatiana Guderzo (Corsa in Linea su strada) e Giorgia Bronzini (Corsa a Punti), per la Ginnastica Elisa Blanchi, Giulia Galtarossa, Romina Laurito, Daniela Masseroni, Angelica Savrajuk e Elisa Santoni (Concorso Generale a Squadre - ritmica), per il Tiro a Volo Jessica Rossi (Trap) e Francesco D’Aniello (Double Trap). Per gli Sport Paralimpici i ciclisti Fabrizio Macchi (Crono Lc3), Giorgio Farroni (Crono Cp2 e Gara in Linea Cp2), Michele Pittacolo (Crono Cp4, Gara in Linea Cp4 e Cp4 Inseguimento).

Alla cerimonia hanno partecipato anche i Presidenti Federali delle Federazioni premiati e i Direttori Tecnici delle singole discipline.

Krzysiu.
Dec 15th, 2009, 02:56 PM
They get meetings every day:cool:

Cantele :hearts:

marinaRU
Dec 15th, 2009, 04:36 PM
La Pennetta: «Ora sono donna e mi vedo mamma»
L'azzurra tra la vita da star mondiale del tennis («Quando mi fermano per strada mi sembra sempre strano») e i sogni di tranquillità. «Mi manca un punto fermo. Nel futuro mi vedo a casa»
http://s47.radikal.ru/i115/0912/ea/96bd9eba6a0c.jpg (http://www.radikal.ru)

ROMA, 14 dicembre - Tre lettere, tre iniziali scritte sul corpo, per portarsi addosso sempre qualcosa che le appartenga, in una vita che fa, disfa e chiude in valigia. Tre lettere, tre iniziali, tre nomi, tre amiche per sentirsi meno vagabonda: Flavia Pennetta così viaggia da un continente all’altro, da una terra rossa a un manto d’erba stropicciato, in compagnia del suo passato che riempie il suo presente. L’amicizia sopra a tutto, ché è al di sopra dell’amore o è l’amore stesso, quello più grande che non viene e va, quello che resta dove lo collochi, nello spazio più profondo del cuore, e che resiste nel bene e nel male. Bella questa Flavia, nel sorriso limpido, nei capelli di spilli fitti, negli occhi grandi e scuri che non hanno bisogno di trucco. Agitata, rissosa, polemica, sanguigna, con un perché sempre in bocca, come un bambino a cui non basta mai la risposta. Ma è anche con questo carattere, questa tenacia, che si è arrampicata in cima al desiderio di diventare quello che oggi è. Quando si fermerà, Flavia cercherà il suo punto fermo, il punto di riferimento, forse Brindisi, dove ci sono la famiglia, la sorella Giorgia e le amiche di sempre. Uno sguardo a un tatuaggio che non sbiadisce mai e quelle tre iniziali la porteranno a casa: con il vento che gira a Est e una racchetta a farle da vela, alla fine del giro del mondo.

«Chissà, quando smetterò non saprò come fare. I viaggi continui danno un senso di instabilità, mi manca un punto fermo. Forse è Brindisi, dove ci sono la mia famiglia e i miei amici». Vive tra la Spagna e la Svizzera, ma il tennis la porta sempre in giro. A 27 anni ha smesso di essere una ragazza. «Sono una donna capace di gestirsi e di dare il giusto valore alle cose che contano. Più equilibrata di prima e nel futuro mi vedo tranquilla a casa e... mamma». Intanto è diventata una star, la nostra star del tennis: la prima italiana numero 10 della classifica Wta.«Sono una star? Fa un bell’effetto, ma quando mi fermano per strada mi sembra sempre strano». Arrivare dove è arrivata, dice Flavia, è dura, ma «resistere è ancora più dura. E’ molto faticoso, è un lavoro fisico e mentale. Serve concentrazione. Io, che sono una impulsiva e agitata, ho lavorato con uno psicologo sportivo, per migliorare questo aspetto del mio carattere. Da ragazzina ero polemica, rissosa, protestavo con gli allenatori, volevo sapere il perché di ogni cosa».

Ha sofferto per amore e ha fatto soffrire. Ma quello che conta per Flavia è l’amicizia: di tre amiche porta tatuate le iniziali. Ai suoi amici infatti non rinuncerebbe mai. «Quelli veri, quelli che restano anche quando le cose vanno male; non sopporto l’ipocrisia della gente». E non rinuncerebbe mai anche alla sua indipendenza. «In una relazione cerco di non dimenticarmi di me stessa, di non pensarmi troppo nell’altro». Benedice la diversità tra uomo e donna («non ci capiremo mai, però è anche questo il bello!») e non le dispiacerebbe un invito a cena di Brad Pitt. La Pennetta non sa rinunciare ad andare a cavallo, le piacciono le scarpe e ama la velocità delle macchine e delle moto, poi però è un’inguaribile pantofolaia e durante il tempo libero non le dispiace stare a casa a vedere film in cassetta o su Internet, o a chiacchierare al telefono. Tanta musica di vario genere, ovviamente anche i Negramaro, gruppo pugliese, mentre leggere l’addormenta e il sonno è rigorosamente col buio pesto («un filo di luce mi sveglia»), Flavia è brava anche come cuoca, ha rubato i segreti alla mamma con cui passava molto tempo in cucina e con cui andava a fare la spesa. Alla paella spagnola preferisce il nostro risotto.

Il suo rapporto con i soldi è cauto: «Non danno la felicità, ma ti danno quello che vuoi. Il pericolo è che se puoi avere tutto, poi non sai più cosa vuoi». Avere un sogno ricorrente le farebbe paura («mi chiederei perché»). Tanto ormai Flavia il suo sogno ricorrente lo ha realizzato.

http://www.corrieredellosport.it/Notizie/IlPersonaggio/90096/La+Pennetta:+«Ora+sono+donna+e+mi+vedo+mamma»

Fantasy Hero
Dec 15th, 2009, 04:45 PM
that article is simply great :worship:
Non danno la felicità, ma ti danno quello che vuoi. Il pericolo è che se puoi avere tutto, poi non sai più cosa vuoi

Zamboni
Dec 15th, 2009, 04:50 PM
Flavia:worship::inlove:

FORZA SARITA
Dec 15th, 2009, 08:20 PM
that article is simply great :worship:
Non danno la felicità, ma ti danno quello che vuoi. Il pericolo è che se puoi avere tutto, poi non sai più cosa vuoi

e allora?:p

marinaRU
Dec 18th, 2009, 12:38 PM
VOTE!!!!!!!!!!!

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/bari/notizie/cronaca/2009/18-dicembre-2009/da-d-addario-cassano-zalonevota-personaggio-pugliese-anno--1602175402312.shtml

gsm86
Dec 18th, 2009, 03:22 PM
VOTE HERE!!!

http://www.rai.it/dl/tg1/speciali/ContentItem-182b3ec5-bb9e-4ff6-a3df-4bd4c6993917.html

Santoni?!? :eek:

Flavia and Federica :(

Krzysiu.
Dec 18th, 2009, 07:11 PM
that article is simply great :worship:
Non danno la felicità, ma ti danno quello che vuoi. Il pericolo è che se puoi avere tutto, poi non sai più cosa vuoi

Philosophy of money by Flavia da Brindisi:lol:

FORZA SARITA
Dec 18th, 2009, 07:45 PM
VOTE!!!!!!!!!!!

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/bari/notizie/cronaca/2009/18-dicembre-2009/da-d-addario-cassano-zalonevota-personaggio-pugliese-anno--1602175402312.shtml

why the hell flavia is in this useless list :tape: d'addario,sollecito,amoroso ect. :ignore::weirdo: all attention whores:o

VOTE HERE!!!

http://www.rai.it/dl/tg1/speciali/ContentItem-182b3ec5-bb9e-4ff6-a3df-4bd4c6993917.html

Santoni?!? :eek:

Flavia and Federica :(

now someone should tell me how the hell santoni and lo bianco are leading both with a 37% :spit: even flavia is more popular of them :lol: and i've never heard of santoni before:tape: the winner should be fede but she has only 6% of votes,how is possible?:weirdo:

Zamboni
Dec 23rd, 2009, 08:16 AM
Flavia Pennetta, guardatemi in faccia

Vincenzo Martucci, Sportweek, del 19.12.09

Alla fine Flavia Pennetta ce l'ha fatta nella lunga estate calda del 2009. Ha vinto a Los Angeles, ha battuto Venus Williams a Cincinnati e il P agosto è diventata la prima tennista italiana a entrare fra le migliori 10 del Mondo. Poi. a settembre, ha toccato per la seconda volta i quarti di uno Slam, gli Us Open come nel 2008. E a novembre ha vinto la seconda Fed Cup dell'Italia. L'abbiamo incontrata in un bar di Barcelona, dove si allena con Gabriel Urpi e vive dal 2004. Un giudizio del suo 2009? «Buono. Un inizio senza grandissime cose e poi tanta continuità, e una crescita costante, fino alla chiusura perfetta della seconda vittoria di Fed Cup». È diventata la pruno italiana a entrare tra le prime dieci. «Sono soddisfazioni che restano. Come la gente che ti riconosce per strada e si avvicina al tennis grazie a me. E sono responsabilità che. in altri momenti, mi avrebbero schiacciato». C'osi ha sopportalo le pressioni da favorita in Fed Cup. »L'idea è: "Puoi sempre perdere, ma non dovresti". Ne abbiamo parlato tanto, a Reggio Calabria, alla Fed Cup. io e Francesca (Schiavone): lei aveva ......... .. -.. . portato sulle spalle la squadra tante volte, stavolta toccava a me. E quanto abbiamo ballato e cantato, negli spogliatoi, per alleggerire la tensione: la Errani aveva registrato 250 canzoni di tutti Ì generi. Dalla finale, siamo venute fuori tutte più forti». Chi ha salvato 6 match point agli Us Open, a un'avversaria più forte come la Zvonareva, può superare qualsiasi pressione. «Che mese intenso, quello, e strano: non sentivo la stanchezza. E che partita con la Zvonareva: la vedevo piangere, una solo riguardandomi su YouTube ho capito davvero com’ero arrabbiata. Avevo già vinto e perso partite con match point a favore e contro, ma non avevo mai provato una sensazione di forza tanto intensa». E l'i che ha espresso il massimo? '(No. penso a Stoccarda. prima di Roma: stavo giocando proprio bene, ma il calendario troppo stretto, le avversarie sempre fòrti, il tanto impegno, e... mi sono rotta gli adduttori. Così, ho giocato male in uno Slam importante come Parigi». E quello il torneo che sogna di vincere «Se me lo chiedessero oggi, firmerei subito per un 2010 come il 2009. Ma, soprattutto, auguro a me stessa di non farmi male. Certo. Parigi ha l'atmosfera, ma Wimbledon ha la tradizione. E, comunque, potendo scegliere, io vorrei vincere Roma: sai che figo. solo il pensiero dello stadio pieno. il nostro torneo...». Ora è scesa al numero 12. Rientrare fra le io nel 2010 nara dura. «A parte la Henin che rientra. Kim Clijsters che come è tornata ha vinto gli Us Open, e la Sharapova che sta recuperando, ci sono tante ... . ... giovani che spingono. Io lavorerò. come sempre. i>er migliorare». Eppoi c'è la solita Serena Williams che vorrà riscattarsi dopo lu multa e la diffida per gli insulti al giudice di sedia a New York. «Secondo me non l'hanno graziata; ora starà attenta al comportamento». Li andavo espulsa in Fed Cup contro la Mauresmo. «Sì, ne sono convinta. Subito non me ne sono resa conto, ero talmente arrabbiata, poi quando sono uscita dal campo ero molto dispiaciuta, non mi era mai successo di perdere il controllo e ingiuriare un arbitro. Ho chiesto scusa alla giudice di sedia, lei ha capito che era .stato un momento particolare, che non si ripeterà: dobbiamo essere un esempio». Lei è sempre così trasparente... «Il complimento più bello che mi si possa Ìàre: sci normale, semplice, ti si legge lutto in faccia». .4 proposito di spontaneità: in un'intervista a Le Iene ha confidalo che avrebbe dato volentieri una "bottarella" a Safin... «Altri hanno detto di peggio e non è successo niente. Trascritte, quelle parole dette per scherzo in tv hanno avuto un effetto diverso». A Fla perché le affibbiano sempre un fidanzato diverso, e famoso? «Valentino Rossi, Pozzecco... Amici e basta. Una volta mi hanno affibbiato un calciatore del Milan: neppure sapevo chi era, l'ho cercato su google». Ora la accoppiano a Gullil. «Sì. ho saputo. So chi è. ma giuro non l'ho mai incontrato». Perche' succede, allora? «Perché sembra strano che non ho un compagno. Ma io da due anni non ho più una storia fìssa». E se Carlos Mova tornasse in ginocchio davanti alla sua porta «Ma perché dobbiamo sempre parlare di lui? Basta. Comunque, gli direi: "No. grazie. Tanto tu non cambierai mai: ci provi pure, ma sei fatto così"». Magari, ora che è famosa, per un ragazzo è anche più difficile avvicinare Flavia Pennetta. Come dev'essere il prossimo Lui «Dev'essere un po' tosto, molto sicuro di sé: io sono una testa dura e sono diventata anche egoista, proprio per lo sport che faccio. Eppoi sono molto competitiva in tutto: anche se gioco a carte, se perdo, rosico. In Nazionale facciamo delle seratone a burraco. e valgono anche gli insulti. Che ridere con la Schiavone: siamo diverse, ma andiamo d’accordissimo». Una volta a Formentera... «Subito dopo gli Us Open, ero distrutta, ho fatto 3 giorni di vacanza a Formentera con le solite amiche, Lavinia, mia cugina Fiorella e Cristina. Ci ha raggiunto su una spiaggetta un ragazzo che ha cominciato a parlare con le altre, mentre io giocavo con la sabbia. Poi uno che nuotava lì vicino ha mimato il tennis e ha urlato: "Grazie, ci hai tenuti svegli per tante notti. Grande". E il ragazzo allora ha chiesto: "Mi sembrava che avevi una faccia nota, fai la cubista?". È diventato una barzelletta». Una volta all'Acqua Acetosa... «Dormivo in camera con Roberta Vinci, avevamo 16-17 anni, e un giorno non mi trovava più, cercò ovunque, sotto la pioggia, finché mi trovò sul campo di hockey prato. Ero distesa sull’erba. sotto l'acqua, in mutandine e reggiseno e dicevo: "Basta, non ce la faccio più, voglio prendermi la fèbbre, così mi fermo un attimo"». Poi non sé fermata più. Perché lei sì e i colleghi uomini italiani no? «Sono molto amica di Filippo Volandri e Potito Starace che pure sono arrivati a ridosso dei primi 20 del Mondo. Mah... È anche questione di cicli. O forse loro non ci hanno creduto fino in fondo e. quando è stato il momento di fare il salto di qualità, non si sono dimostrati pronti. Certo noi donne siamo più responsabili, più concrete. Come dico sempre a loro: voi guidate la macchina da 100 anni, noi da 40: forse non la portiamo bene come voi. ma stiamo arrivando».
:hearts:
DJ Sara:lol:

FORZA SARITA
Dec 23rd, 2009, 07:41 PM
E se Carlos Mova tornasse in ginocchio davanti alla sua porta «Ma perché dobbiamo sempre parlare di lui? Basta. Comunque, gli direi: "No. grazie. Tanto tu non cambierai mai: ci provi pure, ma sei fatto così"».

bitch :hearts:

Ci ha raggiunto su una spiaggetta un ragazzo che ha cominciato a parlare con le altre, mentre io giocavo con la sabbia. Poi uno che nuotava lì vicino ha mimato il tennis e ha urlato: "Grazie, ci hai tenuti svegli per tante notti. Grande". E il ragazzo allora ha chiesto: "Mi sembrava che avevi una faccia nota, fai la cubista?"

OMFG :hysteric:

Fantasy Hero
Dec 23rd, 2009, 09:45 PM
^ that's great :rolls:

Zamboni
Dec 24th, 2009, 05:20 AM
I don't understand the bit about Roby:scratch:

FORZA SARITA
Dec 24th, 2009, 08:23 PM
«Dormivo in camera con Roberta Vinci, avevamo 16-17 anni, e un giorno non mi trovava più, cercò ovunque, sotto la pioggia, finché mi trovò sul campo di hockey prato. Ero distesa sull’erba. sotto l'acqua, in mutandine e reggiseno e dicevo: "Basta, non ce la faccio più, voglio prendermi la fèbbre, così mi fermo un attimo.

"i shared my room with roby when we were 16/17 yo, and once she didn't find me so, looked everywhere, under the rain, till she found me on a hockey on grass (:o?) court.I was on the grass, under the water, with on only my panties and a bra and said: stop!i want to get sick so i can stop for a while!"

retardetta :tape:

Zamboni
Dec 24th, 2009, 08:28 PM
:rolls:
I wasn't sure who was looking for who and why they were on the grass;)

And there are field hockey courts in Italy?:speakles: Shocking :p

FORZA SARITA
Dec 24th, 2009, 08:42 PM
why you're surprised?:lol:

Zamboni
Dec 24th, 2009, 08:46 PM
I'm not sure if I ever saw Italy at a main tournament:lol::o

Do you like my sig btw?:devil:

FORZA SARITA
Dec 24th, 2009, 08:50 PM
hockey is not even a pro sport here :lol: so it's not a surprise:p

but it's an old quote :ras:

Zamboni
Dec 24th, 2009, 08:52 PM
Not that old. From that French interview;)

FORZA SARITA
Dec 24th, 2009, 08:55 PM
Not that old. From that French interview;)

and now i have in my mind flavia who sings bad romance: i want your love love love to urpi :spit:

marinaRU
Dec 25th, 2009, 06:35 AM
Brindisino dell'anno: Flavia Pennetta
Flavia Pennetta è il personaggio dell’anno. Anche il sondaggio online di TB l’ha vista
primeggiare. Per dire qualcosa di speciale di lei, che non fosse già stato detto o scritto,
ci siamo rivolti a chi la conosce meglio di chiunque altro. Sua madre.

Flavia è la gioia di vivere. È la classica persona che vede sempre il lato migliore delle cose e non indietreggia mai davanti a una difficoltà. Da piccola…, ma proprio piccola, aveva come suo unico avversario il muro di cinta della nostra casa, contro cui passava le ore a palleggiare con la racchetta di mamma e papà, prima, e poi finalmente con una racchetta adatta a lei, e sempre con una sola pallina…


E così, ogni volta che trovava un muro disponibile a subire le sue ”ire”, si dimenticava di tutti e di tutto.
La decisione di andare a Roma al centro federale è stata presa con molta calma, insieme a tutta la famiglia e solo quando siamo stati sicuri che fosse stata pronta e che avrebbe avuto a che fare con persone di sani principi, prima che con dei buoni tecnici.


In tutti questi anni di crescita personale e tecnica ha imparato a confrontarsi con il mondo intero, ma soprattutto ha imparato a conoscersi e ad apprezzarsi. Ora sa esattamente quanto vale e dove può arrivare solo con la costanza nel lavoro e con una attenta gestione del suo fisico.
La vittoria della Fed Cup quest’anno è stata la ciliegina sulla torta, il modo più giusto, per lei, di concludere un anno fantastico…


È stato un successo che ha un sapore intenso perché sai che te lo sei meritato tutto, e che, soprattutto, ti dà l’energia per rimetterti a lavorare e organizzare un nuovo anno più intenso di quello appena concluso e che richiederà conferme importanti.


Dove può arrivare non lo sappiamo, come non lo sapevamo quando è uscita da casa a quindici anni.
Dire che siamo contenti, soddisfatti, orgogliosi, felici per lei, sarebbe semplificare troppo quello che proviamo ogni qualvolta la vediamo tornare a casa, pochissime per la verità, ma la soddisfazione più grande è sapere che mai e poi mai potrebbe fare a meno della sua famiglia, di sua sorella, dei suoi amici di infanzia con i quali è sempre pronta a condividere le sue gioie ma anche le sue ansie.
Oggi lei ha una nuova responsabilità, diventando la più forte tennista italiana di tutti i tempi (ancora non ci crediamo!), è portata ad esempio per tanti giovani che si affacciano sui campi da tennis ed è simpatico il modo in cui sta entrando nelle case di tanti italiani che forse fino a ieri non conoscevano altro sport che il calcio.


Lei sa stare al gioco, per il momento si diverte ma un domani questa sua capacità di proporsi potrebbe tramutarsi in una nuova professione, perché no?, anche se credo che non uscirà mai definitivamente dall’ambiente del tennis.
Per ultimo lasciatemi dire che la parola “emigrante” non ha sempre un significato negativo. Emigrante è anche colui che non si accontenta di quello che ha a disposizione, emigrare vuol dire mettersi alla prova, vuol dire crescere, imparare, fare esperienze nuove e imprevedibili. Vuol dire rafforzare il proprio carattere, sforzarsi di mettere fuori tutte quelle qualità che spesso non sappiamo neanche di avere; poi sta ad ognuno di noi ottimizzare per il meglio il nostro bagaglio di esperienze, che fa di ciascuno quello che uno è.
Ho sempre pensato che il mestiere del genitore non te lo insegna nessuno, è un crescendo di situazioni e di sentimenti che accompagnano genitore e figlio in un percorso abbastanza... vogliamo dire impegnativo? E spesso l’uno impara dall’altro.


Anche io e mio marito Oronzo abbiamo imparato tanto dalle nostre figlie, Flavia in particolare ci ha dato una bella lezione di vita, e non possiamo altro che augurarle di avere un giorno una figlia come lei.

(TB ringrazia la signora Concita,
Oronzo e Giorgia Pennetta
per la collaborazione e per le foto di Flavia)

marinaRU
Dec 25th, 2009, 06:42 AM
La Pennetta con i baby tennisti
"Tornerò tra le prime dieci al mondo"
http://i063.radikal.ru/0912/35/9a4ba017ca6e.jpg (http://www.radikal.ru)

"Tornerò tra le prime dieci del mondo". Davanti ai bambini che hanno preso parte al Torneo di Natale, Flavia Pennetta si è già proiettata verso il 2010, l'anno che deve essere di conferma ad una stagione speciale. Prima italiana nella storia del tennis ad essere entrata nella top ten, l'atleta brindisina è stata anche grande protagonista con la maglia della nazionale, trascinando le azzurre al secondo trionfo in Fed Cup. "Tra le due cose, non so quale sia stata la più bella. Diciamo che ho vissuto il mio anno di grazia, ma ho tanta voglia di crescere ancora". Come è ormai tradizione, ha fatto un consuntivo della stagione all'Angiulli, dove a coccolarla c'era uno dei suoi primi maestri, il barese Michelangelo Dell'Edera, oggi responsabile tecnico dell'area Sud della Federtennis. "Lui mi ha visto piangere tante volte da bambina, perchè perdevo spesso e a volte non accettavo le sconfitte. Ma ci ho sempre creduto ed è il consiglio che regalo ai giovani che fanno questo sport è quello di non mollare mai".

marinaRU
Dec 25th, 2009, 06:48 AM
Flavia Pennetta: bella e vincente
È bella, brava e soprattutto stravince. Nel tennis e non solo. Il suo sogno segreto? Posare per Max...

L’Italia dello sport è una repubblica fondata sulle donne. Belle, brave e vincenti. Proprio come Flavia Pennetta, 27 anni, la nostra tennista più forte di sempre. La brindisina è l’unica azzurra che sia riuscita a entrare, nell’estate scorsa, nella Top Ten. L’unica in grado di ottenere 15 successi consecutivi (5 a Palermo, 6 a Los Angeles e 4 a Cincinnati), la migliore prestazione italiana di sempre sia in campo femminile sia in quello maschile.

E per chiudere al meglio un 2009 da record, Flavia a inizio novembre ha guidato l’Italia alla conquista della Fed Cup, la “Coppa Davis femminile”, superando in finale gli Stati Uniti. Dopo aver ricevuto il via libera dalla stessa Pennetta - con un suo sms all’una e mezza di notte! -, Max l’ha intervistata in esclusiva.

Flavia, il tuo messaggino notturno ci fa pensare che stai ancora festeggiando il trionfo in Fed Cup: giusto?
«Sbagliato: ho appena ripreso ad allenarmi. Sono una che non va mai a letto prima dell’una e mezza. I festeggiamenti sono stati intensi, le soddisfazioni immense, ma adesso sono tornata al lavoro. Sono pronta a ricominciare».

Quando ti rivedremo nella Top Ten?
«Spero molto presto, magari dopo gli Open d’Australia (18-31 gennaio 2020; ndr). Oggi sono undicesima, mi manca davvero poco per ritornare nel gotha».

Pensi che il grandissimo tennis sia precluso alle giocatrici poco muscolose?
«Ci sono state molte tenniste che, pur non avendo un gran fisico, hanno ottenuto risultati eccezionali. Certo, oggi il nostro sport è molto più muscolare, ma bisogna anche avere talento e tecnica».

Digitando “Pennetta” su Google si ottiene lo stesso numero di risultati della voce “Levi Montalcini”. Cosa ne pensi?
«Sono contenta! Merito, o colpa, anche delle Iene che con la loro intervista mi hanno fatto conoscere al grande pubblico».

Avranno visto una Flavia spigliata, simpatica e... un po’ “hard”. Cambieresti qualcosa di quell’intervista?
«Ma no, mira (guarda, in spagnolo: la sua seconda lingua sta diventando la prima, visto che Flavia vive per lunghi periodi a Barcellona; ndr), quella con le Iene è stata una chiacchierata spontanea, informale, proprio come questa. Sappiamo tutti che tipo di programma è: bisogna guardarlo con il sorriso».

Cambiamo argomento: l’outing di Agassi ti ha sorpresa?
«Mi ha sorpreso soprattutto il fatto che lui odiasse il tennis. Se manca la passione, è difficile fare questo lavoro. Per quanto riguarda il doping, in passato ci sono stati alcuni casi ma negli ultimi anni i controlli sono diventati severissimi. Ogni giorno dobbiamo essere reperibili per un eventuale test a sorpresa».

Cosa pensi delle tenniste “pin-up” russe? Vincono poco, sfilano molto, entrano presto in depressione e poi spariscono.
«Sono molto belle, ma sbagliano: iniziano troppo presto e vogliono tutto e subito, forse per sfuggire a una realtà di vita che non è bella come la nostra. Logico, poi, che si stanchino prima delle altre».

Bella, brava, ricca e famosa. Eppure single: dov’è l’errore?
«Non c’è nessun errore! Sono contenta della mia condizione. Se deve arrivare, l’amore arriva. Più lo si cerca e meno lo si trova».

Sei stata a lungo fidanzata con lo spagnolo Carlos Moya, ex numero uno del tennis mondiale: ma i tuoi colleghi italiani sono scarsi anche a letto? «No, poveri… Ho tantissimi amici tra i tennisti azzurri: tutte persone fantastiche. È solamente un caso se ho trovato l’amore fuori dai nostri confini».

Modella in passerella, starlette da Chiambretti, audace con le Iene: ormai sei pronta per posare per Max…
«Sì, mi andrebbe. Max è un giornale con uno stile alto che mi piace molto. Se lo shooting non dovesse rubare troppo tempo ai miei allenamenti... perché no?».

FORZA SARITA
Dec 25th, 2009, 09:12 AM
mira :happy:

Modella in passerella, starlette da Chiambretti, audace con le Iene: ormai sei pronta per posare per Max…
«Sì, mi andrebbe. Max è un giornale con uno stile alto che mi piace molto. Se lo shooting non dovesse rubare troppo tempo ai miei allenamenti... perché no?».

WTF :weirdo:

Zamboni
Dec 29th, 2009, 09:12 AM
http://tennis.about.com/od/playersfemale/ss/flaviapennetta.htm

I like it, looks like they love her technique as much as I do:lol:

Krzysiu.
Dec 29th, 2009, 03:41 PM
Flavia voted 2nd female athlete in Italia (Gazzetta dello Sport) behind Fede Pellegrini. :cheer:

marinaRU
Dec 29th, 2009, 03:48 PM
Flavia voted 2nd female athlete in Italia (Gazzetta dello Sport) behind Fede Pellegrini. :cheer:

anyway congrats :lol:

marinaRU
Dec 29th, 2009, 05:54 PM
Теннисистки о своей предсезонной подготовке
Ведущие теннисистки на сайте WTA рассказали о том, как проводят межсезонье

Флавия Пеннетта: «Моя подготовка к новому сезону в этот раз началась после нашей великолепной победы в Кубке Федерации, которая увенчала мой успешный сезон. Честно говоря, мои тренировки – это просто часы тяжелой работы, но кроме этого я стараюсь вести и нормальную жизнь. Я встаю в восемь утра и пью итальянский каппучино. После этого в тренажерном зале встречаюсь с Гапи, и мы занимаемся растяжкой, спиннингом, гимнастикой и многим другим. Потом мы до вечера играем на корте с перерывом на обед. По вечерам я беру iPod и отправляюсь на пробежку. Это расслабляет меня и дает почувствовать близость к природе».
http://www.sports.ru/tennis/59554966.html?ext=yandex

Флавия :worship:

marinaRU
Dec 29th, 2009, 06:29 PM
http://s42.radikal.ru/i096/0912/29/e435a10070f2.jpg (http://www.radikal.ru)

Flavia Pennetta on her off-court preparation during the 2009 Sony Ericsson WTA Tour off-season: "My pre-season sessions began this year after the great victory of our Italian Fed Cup team against the USA and after a very good year for me. This is why I'm very motivated to train the best and work hard in order to hopefully do as well next year as this past season.

"To tell you the truth, my training is quite simply hard work and putting in the hours, but I really try to have a 'normal' life as well. This means I wake in the morning at around 8am and have a good breakfast consisting of an Italian Cappuccino and either bread or biscuits. After that, instead of going to an office like most people and friends my age, I go to gym where I meet Gapi, my coach. And there we start with my indoor training based mostly on stretching, exercise bike, gymnastics, wall bar, weightlifting, and exercises in general that involve all my structure and muscle tissue. After a session of about two hours, we move outdoor on court and there we play until lunch time. I have a lunch break of two hours and after that I hit some more balls. In the evening, after my on-court training session, I finish my day with an hour of jogging. I put on my iPod and then I run... it's relaxing and it makes me feel good being close to nature."

Zamboni
Jan 1st, 2010, 06:27 PM
Pennetta: "Ho invidiato la Pellegrini n mio idolo? La Vezzali"

Stefano Semeraro, La Stampa del 28.12.09

Flavia Pennetta il segreto dell'alchimia? «Gabriel (Urpi, coach spagnolo di Flavia, ndr) oltre che un tecnico è un amico. Uno che parla, tanto e di tutto. Un buon allenatore deve essere sempre presente». Agassi ha scritto di odiare il tennis. A lei cosa pesa della sua professione «Quando sono stanca mi fa paura l'aereo. Poi vivere con le valigie in mano». Un momento in cui ha provato un'invidia pazzesca? «Quando ho visto Federica Pellegrini vincere i Mondiali a Roma. Ero contenta per lei, ma le ho invidiato quel successo davanti al pubblico italiano». Anche lei ha dei tatuaggi? «Tre: uno simbolo del fuoco, un altro un "tribale" fatto a 15 anni, e mia madre mi voleva uccidere, poi tre M sul polso per le mie 3 migliori amiche». La sportiva italiana che ammira di più «Vezzali. Campionessa e mamma insieme: non è facile». Lo scherzo più atroce subito? «Sono io che li faccio...». Esempi «In Fed Cup. In hotel scendevo sempre per le scale di corsa. Barazzutti e il dr Parrà, preoccupati, mi dicevano di smetterla. Così una volta gli sono arrivata alle spalle di corsa e mi sono buttata a terra, urlando. Barazzutti prima è rimasto pietrificato, poi ha detto: "Ti odio!". Ci era cascato». A scuola come se la cavava? «Bene in italiano, poi ho la parlantina sciolta e la usavo per evitare le interrogazioni. Malino in matematica». Una cosa che la scandalizza? «I figli maltrattati dai genitori». L'Italia Paese maschilista? «Un pelino sì. Ma sta migliorando». Testamento biologico, matrimoni gay e immunità per i politici: sì o no «Matrimonio tra gay sì: l'amore non cambia. Testamento biologico sì. Immunità per i politici no». Lei è pugliese: metterebbe Cassano in Nazionale? «Perché è pugliese sì». Lei contro il numero 10 dei maschi: come finisce? «Sono fortunata se arrivo a 40 in un game. Con il n. 100 perdo 6-2 6-2. Inizio a giocarmela contro il n. 250-300». In che altro sport vincerebbe? «Pallavolo. Da piccola li praticavo tutti, anche equitazione e danza. Nadal? Si riprenderà? «Ha perso 5-6 kg, si riprenderà». Ultimo libro e ultimo film? «Il cacciatore di aquiloni e Moonlighting: non m'è piaciuto». La cosa più sexy mai messa? «Un vestito nero, con la schiena scoperta». Fra le top-10 e nella storia dello sport nel 2009. E nel 2010 «Spero di migliorare. Non amo gli obiettivi, ma una semifinale in uno Slam...». Lei è andata ad allenarsi in Spagna: l'Italia davvero offre poco ai giovani? «Da noi si sta troppo bene e si fatica a dare il massimo. Ai giovani dico di restare, ma essere molto determinati». Tre qualità dell'uomo che la trasformerà in mamma. «Deve essere sincero e farmi ridere. E poi mi deve piacere esteticamente». Cosa gli cucinerà per conquistarlo «Lasagne o melanzane ripiene, ma non ho molto tempo, quindi lo porto fuori a cena». Meglio in moto con Valentino Rossi o a cena con George Clooney? «La moto». In viaggio di nozze dove? «A Bora Bora». Come chiamerà i suoi figli? «Il maschio non lo so, la femmina Emma». Un personaggio non sportivo che l'ha colpita? «Ho conosciuto James Caviezel, il "Cristo" del film di Mel Gibson: tre ore a parlare, molto interessante». Lei è anche bella: una parte del suo corpo che le piace e una che non le va? «Non mi piace che sono senza punto vita. Invece ho delle belle mani. E anche delle belle orecchie».






Flavia Pennetta: «Credo di essere più brava che bella. Mi spiacerebbe fosse il contrario»

Antonio Giuliano, l’Avvenire del 28.12.09

Quando avevo 7-8 anni passavo le ore a tirare la pallina ( sulle scale di casa e mi divertivo a colpirla con la racchetta quando ricadeva...». È cominciata allora la scalata di Flavia Pennetta versi ) l'olimpo del tennis internazionale. Perla ventisettenne brindisina, che oggi occupa 'undicesima posizione nella classifica mondiale, il 2009 è stato l'anno della consacrazione: ad agosto è diventata la prima it diana ad entrare tra le migliori dieci tenniste del mondo. 15 vittorie consecutive: uji record mai raggiunto dai tennisti del nostro Paese, sia in campo maschile che femminile. Oltre alla conquista con la nazionale a novembre della seconda Fed Cup, la Coppa Davis delle donne. Qua! è stata la soddisfazione più grande del 2009 «È difficile fare una classifica. Non mi aspettavo un anno così strepitoso, anche se ero convinta di essermi allenata bene. Sono molto contenta perché ormai da tempo il tennis femminile in Italia va a gonfie vele». Al contrario di quello maschile... «Abbiamo anche tra gli uomini tennisti che valgono. Però certo se avessimo quali :uno tra i primi dieci del mondo sarebbe stimolante. Tra noi donne c'è una sana competizione che ci spinge continuamente i migliorarci». Come è nata la passione per il tennis ' «Molto spontaneamente. Sebbene abbia una foto in cui a 5 anni avevo già la racchetta in mano, fino a una certa età ho fatto anche danza, basket, pallavolo, equitazione.., Certo i miei genitori mi sono sempre stati molto vicino. E lo sono tuttora. Poi una zia era maestra di tennis, mia nonna mi accompagnava ai tornei... Sono del Sud e qi lindi sono molto legata alla famiglia. È stat i dura andar via da casa a 15 anni, non ho avuto quella tranquillità che hanno avuto molte mie coetanee. Però i sacrifici sono sta ti voluti e ben ripagati». C'è stata mai la tentazione di mollar«? «Quella talvolta riaffiora, quando le cose non vanno come vorresti e sei giù m oralmente. Sono momenti di tristezza, ma poi passano. A volte sei stanca e non hai voglia di allenarti per 6-7 ore al giorno». L'immagine di bella e vincente può aprire scenari diversi come quelle tenniste diventate modelle «Non penso di essere esteticamente a quei livelli e voglio continuare a giocare ancora per anni prima di diventare mamma. Non sarei contenta se si parlasse di me come tennista bella e non brava. Sicuramente se sei carina riesci ad attirare anche l'attenzione degli sponsor e di un pubblico non sportivo: ma ritengo di essere quel che sono per ciò che ho fatto sul campo». Quali sono stati i suoi modelli? «Monica Seles è stata il mio idolo. Ma sono cresciuta grazie a persone "reali" : i miei genitori, mia sorella, i miei allenatori... Fuori dal campo faccio una vita tranquilla. Mi alleno in Spagna e in Svizzera, vivo in un appartamento da sola: dopo gli allenamenti vado al cinema, guardo tutte le serie tv, esco con gli amici...». Uno dei suoi più grandi amici era Federico Luzzi, ex tennista azzurro, stroncato nel 2008 dalla leucemia a soli 28 anni... «In questi giorni sono andata a Padova per un'esibizione in ricordo di Federico e a favore dell'associazione che abbiamo fondato a suo nome contro la leucemia. Il tennis ti porta a essere egoista, a pensare molto a te stessa: quando sei in campo va bene, ma fuori è diverso». Esiste il doping nel tennis? «Ci sono stati casi nel passato. Però oggi i controlli sono molto rigidi: devi far sapere via sms al computer dell'antidoping dove ti trovi ogni giorno. E le visite a sorpresa sono tante. Da me sono già venuti tre volte questo inverno». Alle prossime Olimpiadi ritornerà il doppio misto. È contenta? «Molto. Già il doppio mi diverte, con un uomo ancor di più. Oggi giocherei con Starace, perché siamo molto amici: è fondamentale nel doppio ridere e divertirsi. Altrimenti ti arrabbi...». Quali sono i suoi prossimi obiettivi? «Fare un passo avanti nel grande slam e vincere il torneo di Roma. Sarebbe fantastico essere ricordata come la migliore tennista italiana di sempre. Non e' è un'avversaria in particolare che vorrei superare.


:hearts:

Fantasy Hero
Jan 1st, 2010, 06:41 PM
really nice articles...a slam SF :inlove:

FORZA SARITA
Jan 1st, 2010, 08:12 PM
finally some interesting interviews :hearts: nice read :)
Bora Bora :inlove: whoretta has class :lol:

Fantasy Hero
Jan 1st, 2010, 08:15 PM
^:rolls:

marinaRU
Jan 4th, 2010, 02:23 PM
Top seed Flavia Pennetta also made it safely through the opening round, taking just 70 minutes to beat American veteran Jill Craybas 6-2, 6-4.

The Italian world number 12 admitted to some nerves before her first outing of the new season and did not feel on top of her game.

"I'm really happy because I didn't think I played my best tennis but I was able to go through this match," she said.

She will now play the winner of the match between Carla Suarez Navarro of Spain and Romanian qualifier Edina Gallovits.

http://sport.iafrica.com/news/2144840.htm

marinaRU
Jan 5th, 2010, 11:19 PM
WTA Auckland: Flavia Pennetta “vincente” anche nel primo match del 2010 (VIDEO)

http://www.livetennis.it/post/37067/wta-auckland-flavia-pennetta-vincente-anche-nel-primo-match-del-2010

marinaRU
Jan 12th, 2010, 01:30 PM
Flavia Pennetta, Medibank International, January 11, 2010

MEDIBANK INTERNATIONAL
January 11, 2010
SYDNEY, NEW SOUTH WALES
F. PENNETTA/S. Stosur
6-3, 6-1


Q. Flavia, just take us through the match.
FLAVIA PENNETTA: I'm really happy. You know, she's a very good player. Difficult to play when somebody play home. You know, all the crowd is for her.
I was a little bit nervous in the beginning, but she also was nervous. I think she didn't felt so well today. She was feeling too much the pressure, and I just take the chance all the time she give to me.

Q. Obviously coming off of a finals appearance in Auckland, how do you feel your form is at the moment?
FLAVIA PENNETTA: I'm a little bit tired actually now. But it's normal. I just arrived yesterday in the afternoon. Strange time, the weather is different, so you need time to just get used to.
Actually, I have to play doubles now and I have to be ready for tomorrow for play another match.

Q. And just quickly, what do you feel worked particularly well for you today?
FLAVIA PENNETTA: Well, I think my return was very good. And all the time she was feeling so much pressure when she has to serve because my return was so good.
I think normally she play with more first service, and today it doesn't work a lot. Also, I was moving pretty good today and my forehand was good. Everything was in a good position today.

http://www.tennisnews.com/exclusive.php?pID=30224

marinaRU
Jan 26th, 2010, 07:18 PM
Schiavone looks for repeat success
Francesca Schiavone, along with Flavia Pennetta, was the main catalyst to Italy winning the Fed Cup by BNP Paribas title back in November.

Schiavone, who made her Fed Cup debut in 2002 and has since compiled a 20-13 winning record, seems to reserve her best tennis for the annual team competition.

In 2009, she was unbeaten in Fed Cup play, including an impressive victory over Russia’s Svetlana Kuznetsova, the reigning Roland Garros champion, in the semifinals.

Schiavone knows, however, that it will be hard for Italy to retain the trophy in 2010 – not least because Corrado Barazzutti’s team faces a difficult trip to Ukraine in the first round, being played in Kharkiv on 6-7 February.

“It’s tough because we play the first round against a big team like Bondarenko, Bondarenko,” said Schiavone, referring to the Ukrainian sisters, Alona and Kateryna, who are both currently ranked inside the world’s Top 35.

“We have to pay attention and play very good, at a very high level. They play at home, that’s a good step for them. We are 50/50. We have to stay focussed and enjoy our play like we did all the year last year.”

Italy defeated USA 4-0 in last year’s Final, with Schiavone overcoming Melanie Oudin on the opening day. The next night, players and fans joined together to celebrate the country’s second title in three years.

“We had a big party and every one was drunk, so I don’t remember much,” joked Schiavone. “It was a big moment for Italy, a big moment for me, Flavia, Roberta and Sara. We are a great team.”

http://www.fedcup.com/news/newsarticle.asp?articleid=12660

can imagine it :D

marinaRU
Feb 3rd, 2010, 02:55 PM
press conference _ Ukraine and Italy
http://sapronov-tennis.org/?p=press&type=article&area=&page=1&id=967

marinaRU
Feb 5th, 2010, 01:55 PM
FED CUP / Ucraina-Italia, parla Francesca
'Per noi sara' una delle sfide piu' difficili'

La brindisina proprio da domani indosserà la nuova linea di abbigliamento per il tennis Adidas, il suo nuovo sponsor.

http://www.federtennis.it/DettaglioNews.asp?IDNews=45366

Fantasy Hero
Feb 5th, 2010, 02:07 PM
Flavia got sposered by Adidas :rolls:
who was right Linda? :hehehe:

FORZA SARITA
Feb 5th, 2010, 03:01 PM
Flavia got sposered by Adidas :rolls:
who was right Linda? :hehehe:

me:p

Fantasy Hero
Feb 5th, 2010, 03:06 PM
me:p

i said that first :ras:



:lol:

Zamboni
Feb 5th, 2010, 03:22 PM
I didn't say you were wrong :p
Just that the she wore these shoes before.

Adidasclone:unsure:

marinaRU
Feb 9th, 2010, 04:31 PM
Pennetta : « Contente d'être arrivée »

Tête de série n°2 de ce 18eme Open GDF SUEZ, Flavia Pennetta revient d'un week-end éprouvant en Ukraine pour la Fed Cup. Malgré la fatigue, l'Italienne est ravie d'être à Paris.

Flavia Pennetta, comment vous sentez-vous après ce week-end de Fed Cup ?
Bien. Un peu fatiguée mais bien parce que ça a été un week-end positif, divertissant et qui s'est surtout bien fini. C'est la chose la plus importante. En plus, j'ai de la chance parce que j'ai un jour de plus pour récupérer. Je suis très contente d'être arrivée.

Cette année pour une fois, l'Italie n'a pas battu la France ?
Oui, c'est vrai pour une fois ! Nous allons jouer contre d'autres équipes très fortes mais je crois que c'est la première fois depuis longtemps que nous ne sommes pas dans le même tableau que les Françaises.

Donc vous vous attendez à un accueil plus chaleureux du public français que les fois où vous l'avez rencontrée en Fed Cup...
Evidemment. Quand on joue la Fed Cup, le contexte est différent. Si on est en France, il est normal que les supporters soient à fond derrière leur équipe et inversement en Italie. Ici, le public a toujours été sympa. Je ne vois pas pourquoi ça changerait.

Pourquoi avez-vous eu besoin d'une wild-card ?
Parce que j'ai loupé mon inscription sur Internet. Je ne suis pas très douée avec le web.

Vous avez réalisé votre meilleure saison sur le circuit l'an passé. Quelles sont vos ambitions pour 2010 ?
Déjà, j'aimerais confirmer ce que j'ai fait l'an dernier. Cela ne va pas être facile. Après, je vais essayer de faire un pas en avant. En espérant que ça marche.

http://www.tennis-open.net/news.php?nid=171&lang=fr


yeah, Flavia and Internet...

Fantasy Hero
Feb 9th, 2010, 06:17 PM
flavia is always so banal and boring on her interviews...why didn't she say just: french crowd is shit? :rolls:

marinaRU
Feb 13th, 2010, 05:13 PM
Pennetta : You have to be humble

Despite her defeat by Lucie Safarova, Flavia Pennetta believes she played a good game. Number two seed at the 18th Open GDF SUEZ just considers that her opponent put forward a high quality game.

Flavia, the match started out well for you when you won the first set. What happened after that?
It was a really good game. We both played great, it was really some very top level tennis. It's true that I started out well in the first set, but in the second set, I couldn't grab both opportunities I had. But she really played very well. You have to know how to be humble.

Maybe your serve didn't work as well as it did earlier in the week.
No, I don't think it was that. I think that I served well throughout the whole game. It wasn't much different from the other games. The only difference is that she is left handed and I have only ever played right-handed players. Maybe my serve doesn't hurt left-handers as much as it does right-handers.

What is the different about playing against left-handers?
All the angles and the game solutions are different and I might have been destabilized. But let's just say that I'm satisfied with the way I played this game.

Does her kind of game bother you?
No, not especially. She plays in time and doesn't offer much variety. It's just that she played really well, like she's been doing since the week started.

Has the week been good all the same?
Yes. It could have been better, but it was still pretty good.

http://www.opengdfsuez.com/tips.php?detail=388902&language=uk

tea
Feb 17th, 2010, 04:12 PM
One of my favourite tennis observers wrote an article on Flavia. Worth reading IMO.

Glimpsing Flavia
by Steve Tignor 02/16/2010
http://tennisworld.typepad.com/thewrap/2010/02/glimpsing-flavia.html

It was a weekend of small surges and modest triumphs. [...cut...] For me, though, the small triumph of the weekend was the chance to see another woman briefly flash across the radar screen before vanishing again, the way she always does. That was Italy’s Flavia Pennetta, who made a strong run in Paris before finally getting out-bashed by Safarova 6-4 in the third in the semifinals. This is the way it works with Pennetta. She shows up on the fringes of my tennis-viewing life—saving multiple match points in a dramatic win over Vera Zvonareva at the U.S. Open before losing in the next round, upsetting Maria Sharapova in Los Angeles, belting out a victory song with her teammates after their Fed Cup title victory, and giving the chair umpire the finger in another Fed Cup match (I think it’s the same ump who did the Serena-tirade semi at the Open, ironically enough). Maybe it’s because my sightings of Pennetta are so limited that makes them such a pleasure.

Or maybe it's something more, something slightly indefinable about her and the way she carries herself. Like all Italian players, from Adriano Pannatta and Antonio Zugarelli in the 1970s to Francesca Schiavone and Potito Starace today, the pleasure begins with the musical quality of her name. But what’s striking about Pennetta is that, compared to most of her peers, she makes you feel like you’re watching a woman rather than a girl play tennis. This is partly a function of her age—she’ll be 28 on Thursday—but it’s a quality she’s had for a while now. It’s also a function of her nationality; rather than being limited to a fist-pump and a pony-tail flip, Pennetta expresses a wide range of emotions on court without ever getting depressingly negative. It may even be partly a function of her dress; I always liked the clean, elegant white Tacchini number that she’s sported over the years.

But what Flavia offers as much as anything else is a change of pace from the WTA norm, circa 2010. She has black hair rather than blonde. She isn’t rail thin, 6-feet tall, or a physical specimen. Like the rest of the women, she’s a baseliner with a two-handed backhand, but she’s not a flat-hitting basher, either. There’s a satisfying straightforwardness and simplicity to her game, but it never appears one-dimensional. If Pennetta lacks killer power from behind the baseline, she can nevertheless hit every shot with authority. It may be meat and potatoes tennis, but it has flavor and low-key flair. Watch Pennetta set up to serve; instead of Sharapova-esque calculation, she does it with the fluid little strutting ball bounce of the born jock. She’s a link to the women’s game before the more programmatic Eastern bloc brigade was loosed on the sport.

That’s also why Pennetta, despite playing virtually every week and working her way up from No. 292 in 2001 to No. 11 at the end of 2009, will remain on the tour’s fringe. Against Safarova in Paris, she hung with the younger player by defending well and taking her opportunities to attack when they came. But in the middle of the third set, the Czech took control with the depth and flat force of her strokes, particularly her service returns. Pennetta couldn’t defend against that forever. Having come up in the late-90s, before the Russian revolution and the consequent spike in power and athleticism, she doesn’t hit with the same abandon as the women ahead of her in the rankings. Pennetta may not melt down too often, but there’s a ceiling to her game.

After 13 years as a pro, she knows it. Pennetta can show deep anger and histrionic frustration on the court—witness the aforementioned middle finger—as well as despair, which is often accompanied by a weird gesture where she holds her racquet strings a centimeter from her face. It’s hard to tell whether she wants to hide behind them or smack them straight into her forehead, à la Mikhail Youzhny. Either way, you feel her pain. But she doesn't let it drag her all the way down, like, say, Zvonareva does at her worst. There's a sense of stability to Pennetta that may paradoxically allow her to show as much emotion as she does. And when the pain and the match are over, there’s her smile, full, toothy, genuine.

Last week, I talked about how tennis is often reduced to a single either/or—Roger or Rafa, Chrissie or Martina. The tours are often reduced in a similar way—10 years ago, it was “all the men can do is serve”; today it’s “all the women can do is bash and shriek.” But again, the diverse, individualistic, world-spanning nature of the pro game always comes back to prove otherwise, to prove that with each match you might just see something different, something you like. And then it might be gone again, off the radar screen, the way Pennetta disappeared before I could see her play a full set on Saturday. Before she left, I had time to notice, with some dismay, that she had ditched the classic Tacchini for a more standard yellow-and-black Adidas get-up. I also had time to notice that, like everything else with Flavia—her name, her age, her rage, her wins, her losses, her smile, her career-long struggles to improve—she wore it well.

Zamboni
Feb 17th, 2010, 05:30 PM
Great article indeed. It sums Flavia up pretty well:hearts:

I agree with nearly everything he says :)

Fantasy Hero
Feb 17th, 2010, 06:00 PM
lovely article :yeah:

Zamboni
Feb 19th, 2010, 06:06 PM
Pennetta Carries Italian Flag
RITURAJ Borkakoty

17 February 2010,
DUBAI — Flavia Pennetta may not be the poster girl of tennis, but the current world number 11 is the torchbearer of the sport in her country.

She was the first Italian ever to reach the top 10 in the world of women’s tennis. And the soft-spoken Italian doesn’t shy away from admitting that she is indeed proud of the achievement.

“Last year, you know, I made it to the top 10. It was very nice,” Pennetta told Khaleej Times after her 6-4 6-1 first round victory over Hungary’s Melinda Czink at the Dubai Tennis Championships on Monday night.

“I really think I am one of those lucky ones, you know, as I can remember so many good things in tennis. To be in the top 10 for the first time and to become the first Italian ever to reach there, it was really nice.”

The two-time US Open quarter-finalist had a glint in her eye when this scribe asked her about the unforgettable victories in the Fed Cup.

“Fed Cup wins were really nice, you know. We are still playing. We always love to play for our country. We have a good team because we are still together for about three years. Nobody wants to be the star of the team. We try to help each other all the time. Maybe that’s why we won with a good team,” said Pennetta who helped Italy win the women’s tennis’ biggest team event in 2006 and 2009. Pennetta also has an enviable record against Grand Slam winners Justine Henin, Martina Hingis, Venus Williams, Amelie Mauresmo, Maria Sharapova and former world number one Jelena Jankovic.

“How do I often manage to beat these top players? Well, to put it simply, when I play the very good players, I play very good tennis.

“When I enter the court and see that they are better than me, I try my best. So, I always try to win. I never think that I will not have any chance against them. So maybe that’s the reason. I always believe that I can do that…”

Pennetta, whose next opponent is Andrea Petkovic of Germany, is confident of her success against the top players here in Dubai if she wins her next match.

“I know there are so many good players here. So if I get the chance to play the top seeds, I will try to do the same things.

“This tournament has one of the best fields. Everyone wants to play here. It’s going to very tough for everyone to play.”

The 27-year-old says her aim in 2010 will be to play at her best in every tournament.

“Well, the year is just starting. I know I have to do the same things. I have to play very well. My aim will be to play my best tennis in all tournaments.”

Flavia Pennetta has returned to Dubai after a decade.

“I was here in 2000. I know that was a long time ago. This tournament is very nice. And the city, well, I just arrived yesterday night. So I haven’t got lot of time to see things. Everyone talks nice things about Dubai. So I will definitely see the nice places here.”

These quotes:lol:
They must have altered them a lot "Well, to put it simply...", I can't see her say that:lol:

Fantasy Hero
Feb 20th, 2010, 08:27 AM
Flavia :rolls:

marinaRU
Feb 20th, 2010, 02:45 PM
Tennis Celebrities to Participate in Event Benefitting Walk Now For Autism

KEY BISCAYNE, Fla., Feb. 19 /PRNewswire/ -- For the fourth consecutive year, ten tennis celebrities of the present and legends of the past will play at the center court as part of the exclusive IV Annual Tennis ProAm which benefits Walk Now For Autism, now affecting 1 out of every 110 children.

Guillermo Vilas, Andres Gomez, Nicolas Lapentti, Guillermo Canas, Gisela Dulko, Flavia Pennetta and Feliciano Lopez are among the celebrities invited to participate in this tennis event, sponsored by Biscayne Capital. These guests who team up with 10 amateurs will be on hand for tennis followed by a Private Cocktail Party scheduled to take place at the Ocean Club Tennis Center on March 22, 2010, at 5pm.

http://www.prnewswire.com/news-releases/tennis-celebrities-to-participate-in-event-benefitting-walk-now-for-autism-84774967.html

marinaRU
Feb 22nd, 2010, 03:22 PM
Pennetta Show

I tatuaggi, la paura di amare e i massaggi ai piedi «che mi fanno impazzire»

Non chiamatela Flavia Pennetta, chiamatela Pennettova. Come i telecronisti russi quando la osservano prendere a pallettate (oppure a chianconi, come dice lei in slang pugliese) la Sharapova, la Dementieva, la Hantuchova e compagnia bella. Perché nessuna italiana, nel tennis moderno, si è spinta così in alto. Otto vittorie nel circuito Wta, due volte ai quarti degli Us Open e primo posto in Federation Cup con le azzurre della squadra femminile.
Un filotto di 15 vittorie che lo scorso 14 agosto, a 27 anni, l’ha fatta schizzare nella top ten della Wta, con in tasca un bottino da tre milioni di dollari e relativi endorsement pubblicitari con Belstaff e Gatorade.
La migliore italiana di sempre, si è detto. Anche se a scavare negli archivi salta fuori che Annelies Ullstein Bossi, tedesca naturalizzata, negli anni Quaranta aveva già centrato l’obiettivo.
«E chissenefrega», dice Flavia addentando una bistecca al sangue e sorseggiando ginger scuro, la bibita preferita. Più longilinea di come appare durante i match in tv, dove sembra una torretta sparamissili ben piantata a fondocampo, arriva all’appuntamento con la sorella Giorgia, che lavora presso la piccola raffineria che papà Oronzo gestisce a Brindisi: la DueP, ex Pennetta Oil. Flavia è bella di una bellezza da cotta estiva, da compagna di classe che ti fa perdere la testa in gita. Radiosa se sorride. Meno da seria, quando si accentuano le labbra sottili insieme a un filo d’inquetudine che esorcizza mandando sms dal suo BlackBerry.
Penso alla vita di una tennista e mi vengono in mente due parole: solitudine nera.
«In effetti siamo atleti particolari. Non abbiamo una squadra alla quale rendere conto e possiamo pure licenziare l’allenatore, che paghiamo noi. Occorre molta ambizione per farcela».

L’alleato migliore contro la saudade qual è?
«Skype. Lo uso per non vedere i film da sola».

Racconta.
«Semplice: chiamo le amiche che vivono a Barcellona, la città dove mi alleno. Loro girano la webcam verso lo schermo della tv e ci guardiamo il film insieme».

Tennista disperata.
«Ma no, è carino! Se qualcuno parla faccio pure shhhh!!».

Urge fidanzato.
«Per ora non sono a caccia. Quando le cerchi, le storie non arrivano mai».

Chi ha detto: “Ormai sono diventata acida”?
«L’ho detto io. Certe botte fanno male...» (il riferimento è alla storia col tennista Carlos Moya, che ha lasciato Flavia Pennetta due anni fa, quando già convivevano da un po’, ndr).

Quanti uomini hai avuto da allora?
«Pochi. Due o tre. Ho incontrato persone che avrebbero meritato più fiducia. Ma ormai ho paura, e li ho allontanati».

Secondo l’oroscopo dovresti essere invece “in grado di amare in modo totale, con grandi sentimenti e grandi tragedie”.
«Tutto vero, almeno per le tragedie. Ma non sono tipa da scenate. Tengo tutto dentro e le mie tragedie si traducono in pianti dirotti e solitari».

É vero che tutte le donne Pesci adorano i massaggi ai piedi?
«É vero, impazzisco appena me li tocccano. Se qualcuno mi dà confidenza tac, gli piazzo subito un piedino in mano da massaggiare. Meglio ancora le mani, specialmente la destra, che è sempre un po’ dura».

Le tre “M” tatuate sul polso cosa significano?
«Sono il ricordo di un momento difficile, a livello personale e sportivo. Uscivo da un infortunio al polso e la rottura con Carlos era fresca. Le mie solite amiche, quelle dei film su Skype, per tirarmi su hanno iniziato a chiamarmi la Mejor del Mundo Mundial, una frase che non ha senso, un po’ come “la mejo der mejo” in spagnolo maccheronico. Mi ha fatto star bene, e ho deciso di farmi il tatuaggio».

Tempo fa ti sei beccata il tifo mangiando bianchetti crudi, eppure continui imperterrita a cibarti di sushi. Questo dice qualcosa sul tuo carattere?
«Dice solo che sono golosa. E che il pesce crudo è troppo buono per rinunciarvi».

Magari dice che sei capocciona.
«Capocciona no. Cioè, un po’. Magari tignosa. Una che vuole sempre sapere il perché delle cose».

Snervante.
«Parto sempre col freno a mano tirato. Quando mi propongono una novità la mia prima risposta è sempre “no”. Un automatismo. Per fortuna il tempo mi sta aiutando a essere più morbida».

In Spagna lavori con un motivatore. Tre cose che hai imparato da lui?
«A controllarmi, a non essere perfetta e a non essere egoista. Il tennis ti rende viziata». (Giorgia, seduta a fianco, annuisce platealmente).

A proposito di autocontrollo: bello il video in cui mandi a quel paese l’arbitro durante un match contro la Mauresmo. Era un vaffain spagnolo o in pugliese?
«Sono partita in pugliese e ho finito in spagnolo: Cabròn! Quando mi rivedo su YouTube penso: ma quella non sono io! Una bravata che mi è costata 4.000 dollari di multa».

La Mauresmo si è ritirata per le troppe pressioni, un po’ come la Manaudou nel nuoto. Alla faccia della leggendaria forza di carattere delle donne.
«Ma infatti sono tutte chiacchiere. Conta il singolo individuo con le sue ambizioni. Quest’anno ci sono i mondiali di calcio? Si parlerà di quanto sono bravi i maschi. una ruota che gira».

Una volta, di Serena Williams hai detto: «è davvero un animale». Bellezza e preparazione atletica sono in contrasto?
«Gioco a tennis, e per farlo devo essere forte, anche se qualcosa in femminilità si perde. Odio la mia pancia ad esempio, l’addominale obliquo, che sembra quello di un uomo. Ma mi serve per le rotazioni, e devo tenermelo così».

Ho notato che tra le prime 10 del ranking Wta non ci sono più bellezze scintillanti. Esclusi i presenti: è il momento della rivincita delle racchie?
«Beh, la Dementieva è carina, dai! A me invece sembra che il livello medio si sia alzato. Magari in campo sono penalizzate, ma se poi le vedi fuori ti accorgi che sono davvero notevoli».

E allora che c’è, una selezione all’ingresso?
«Ma no, la selezione la fa il campo. Poi, arrivati a un certo livello, gli sponsor certe cose le guardano. Diciamocelo, a ’sto mondo gira tutto intorno alla stessa cosa».

Che cos’è mancato al 2009 per essere un anno perfetto?
«Una vittoria al Roland Garros. Avevo dei problemi all’adduttore e non avrei dovuto partecipare, e invece, testona, ci sono andata lo stesso, e non è andata bene».

Una vittoria che renderebbe il 2010 pari al 2009?
«Vincere Roma. E una semifinale del grande slam».

E poi scriverai un libro. Titolo: la mejor del mundo mundial.
«Sì, me l’hanno proposto e credo che lo farò. Un libro nel quale si parlerà di tennis ma soprattutto di me, di chi sono e come sono cresciuta. Fresco e spontaneo, come credo di essere io».

Vedo che in gara mordi spesso la pallina. Che sapore ha?
«Fa schifo, ti rimangono tutti i peletti in bocca. Ma con qualcuno te la devi pur prendere quando perdi, o no?».

MAGIKARPETTA
Feb 22nd, 2010, 05:23 PM
Wonderful interview! Thank u Marina! ;)

Zamboni
Feb 22nd, 2010, 05:28 PM
First time in ages an interview doesn't make much sense to me even after running it through Google translate :(
I got some things though:)

MAGIKARPETTA
Feb 22nd, 2010, 07:58 PM
First time in ages an interview doesn't make much sense to me even after running it through Google translate :(


Cause it isn't fortunately a trivial interview :D

I will translate it when i will have free time

Zamboni
Feb 22nd, 2010, 08:02 PM
I got the thing about watching movies with her friends, how sweet is that?:awww:

Fantasy Hero
Feb 22nd, 2010, 08:31 PM
she said what the 2 M means :eek:
and she will write a book :spit:

marinaRU
Feb 22nd, 2010, 08:35 PM
and what does it mean?

Zamboni
Feb 22nd, 2010, 08:37 PM
A book? No, Flavia, please :o :tape:

marinaRU
Feb 22nd, 2010, 08:43 PM
A book? No, Flavia, please :o :tape:
come on, it will be interesting to read:lol:
especially, if she will write about private life with pics:p

Fantasy Hero
Feb 22nd, 2010, 08:43 PM
3 M = Mejor del Mundo Mundial

Zamboni
Feb 22nd, 2010, 08:47 PM
come on, it will be interesting to read:lol:
especially, if she will write about private life with pics:p
I have never yet read an autobiography that I liked. Never. Not even the Dalai Lama's :p




Mejor del Mundo Mundial:lol:

tea
Feb 23rd, 2010, 06:29 AM
I didn't get much from this interview too.:( Thanks for translation in advance.:D

come on, it will be interesting to read:lol:
especially, if she will write about private life with pics:p

Recently, we read one TV show transcript that was full of things that are better left in private:tape:, so are you sure you want the whole book, in hundreds of pages, of the similar stuff?:lol:

marinaRU
Feb 23rd, 2010, 10:04 AM
I didn't get much from this interview too.:( Thanks for translation in advance.:D



Recently, we read one TV show transcript that was full of things that are better left in private:tape:, so are you sure you want the whole book, in hundreds of pages, of the similar stuff?:lol:

why not?? :lol:

ps C днем защитника отечества!!!:)

MAGIKARPETTA
Feb 24th, 2010, 04:38 PM
Tattoos, the fear of loving and feet massage "that make me crazy".
Don’t call her Flavia Pennetta, call her Pennettova. As when Russian commentators calls her when they watch her punching (hitting “chianconi”, as she calls it in Apulia slang) Sharapova, Dementieva, Hantuchova and the rest.
Cause no Italian player, in modern tennis, has gone so high in the rank. 8 tournament won in WTA tour, 2 times in US Open QF, first place in Fed Cup with Italian team.
15 win in a row that on 14 August, at 27 years old, made her jump in WTA top 10, with 3 milion $ in her pocket plus engagements with Gatorade and Belstaff.
“The best Italian player ever” they called her. Although searching the archives shows that Annelies Ullstein Bossi, a German-Italian player, in 40’s, had already reached that goal.
“it doesn't matter to me”, says Flavia, biting an undercooked steak and sipping dark ginger, her favorite drink. More long-limbed, as she appears during the match on TV, where she seems a turret-bomber well planted at the baseline, she arrives at the rendezvous with her sister Giorgia, who works for a small refinery wich dad Oronzo manages in Brindisi: the “DueP”, ex “Pennetta Oil”.
Flavia is beautiful, with a beauty of a summer love, with a beauty of a classmate that makes you lose your head during a trip. If she smiles, she’s radiant. Less when she becomes serious, when her thin lips are accentuated, with a wire inquetude that she exorcises sending SMS with her BlackBerry.

I think to the life of a tennis-player and I can think two words: black solitude
“"In fact we are special athletes. We don’t have a team which we can refer to, and we can even sack the coach, which we pay. It requires tremendous ambition to succeed. "

What’s the best ally against solitude?
"Skype. I use it to avoid seeing the film alone. "

Tell..
"It’s simple: I call my friends who live in Barcelona, the city where I practice. They turn the camera towards the TV screen and we watch the film together. "

Desperate tennisplayer!
"No!, he's cute! If someone speaks, I say shhhh! too".

You need a boyfriend…
“for now, I’m not hunting love. When you look for it, it never happens”


Who said: "Now I became sour”?
"I said. Some traumas are hard ... "(referring to the history with tennis player Carlos Moya, who left Flavia Pennetta two years ago, when we already lived together for a while ').

How many men have you had since then?
"Few. Two or three. I met people who deserved more confidence. But now I'm afraid, and I have moved them away. "

According to the horoscope you should instead be "capable of loving in a total way, with great feelings and great tragedies. "
"All true, at least for the tragedies. But I’m not a girl who makes shows. I keep everything
inside me and my tragedies consists in tears and lonely. "

Is it true that all Pisces-women adore feet massages?
“That’s true! I become mad when they touch them. If someone gives me confidence, once I put one foot in hand to be massaged. Better again my hands, especially the right, which is always a bit 'harsh'.

What the three "M" tattooed on your wrist mean?
"They are the memory of a difficult, personal and sporty period. I was emerging from a wrist injury and the rupture with Carlos was cool. My usual friends, those ones of films on Skype, to cheer me up, started to call me “la mejor del Mundo Mundial”, a sentence with no sense, a bit as the "mejo der mejo" in Spanish slang. It made me feel good, and I decided to give me a tattoo. "

Some time ago you caught typhoid eating uncooked dough, but you keeps going to eat sushi. This says something about your character?
"He says just that I'm greedy. And that raw fish is too good to pass up. "

Maybe says you're stubborn…
"Stubborn no. That is, a bit. Maybe mangy. One that always wants to know the why of things. "

Unnerving!
"I always start with the handbrake on. When I propose something new, my first answer is always "no." Automatism. Fortunately the weather is helping me to be softer. "

In Spain you work with a motivator. Three things you learned from him?
"To control me, to not be perfect and not to be selfish. Tennis makes you spoiled. " (Giorgia, sitting at his side, nods blatantly).

About self-control: it’s nice the video in which you insults the referee during a match against Mauresmo. Was it a Spanish or Apulian insult?
"I started with Apulian and I finished in Spanish: “cabron!” When I see myself on YouTube I think “but that's not me!” A stunt that cost me $ 4000 in fines.

Mauresmo has withdrawn because of too many pressures, some like Manaudou in swimming. In spite of the legendary strength of character of women…
"But in fact they are all talk. It counts only the individual with his ambitions. This year there is the Soccer World Cup? People will talk how good are males. It’s spinning wheel.

You once said of Serena Williams: "It is really an animal." Beauty and athletic train are in conflict?
"I play tennis, and for that I must be strong, even if something gets lost in femininity. I hate my belly for example, the abdominal oblique, which looks like a man one. But I need to do rotations, and I have to keep it in that way. "


I noticed that among the top 10 WTA ranking there are no longer shiny beauties. Except from you, is it the moment of revenge of the uglies?
"Well, Dementieva is pretty, come on! It seems to me that the average level has risen. Maybe when they are on court they are penalized, but if you see them out of court, then you realize that they are indeed remarkable. "

So what is it, a selection before enter?
"No!, the selection is made by the court. Then, having reached a certain level, the sponsors look at certain things. Let's face it, in this world all tourns around to the same thing. "

What failed in 2009 to be a perfect perfect?
"A win at Roland Garros. I had some problems with a leg and I should not take part of the tournament, but instead, my hard head, I went anyway, and did not go well. "

A victory would make the 2010 equal to 2009?
"Winning in Rome. And a Grand Slam semifinal”

And then you’ll write a book. Title: la mejor del mundo mundial.
"Yes, I have proposed it and I think I will do. A book in which it is called tennis, but especially me, of who I am and how I grew up. Fresh and spontaneous, as I believe that I am. "

I see that during matches you often eat the ball. It taste like?
"It's disgusting, it’s yellow hairs remains in your mouth. But you also have to blame someone when you lose, or not?



I tried to translate it. I hope you can understand better now! :wavey:

marinaRU
Feb 24th, 2010, 04:49 PM
ALberto :kiss:
thank you :hug:

Zamboni
Feb 24th, 2010, 06:02 PM
Thanx a lot:smooch:
It's a nice interview :) But still, no, don't write a book!

marinaRU
Feb 24th, 2010, 06:10 PM
How many men have you had since then?
"Few. Two or three.
it's nice that she doesn't know it exactly :p

marinaRU
Mar 1st, 2010, 01:56 PM
Flavia, i tacchi a spillo e… Brad Pitt

Flavia Pennetta è senza dubbio uno dei vanti del tennis italiano. Ventotto anni, 1 metro e 72 per 58 chili, è undicesima nella classifica mondiale ed è la prima tennista italiana a essere entrata nella Top 10 Wta. Purtroppo non fortunatissima la sua recente partecipazione al Barclays Dubai Tennis Championships, dove è stata sconfitta dalla numero 8 del ranking mondiale Agnieszka Radwanska nel terzo round e ha rimediato anche un infortunio.

Si può consolare comunque con una carriera fin qui fantastica, che le è valsa anche la “chiamata” di adidas quale testimonial per i propri prodotti. Ed è proprio da quest’ultima notizia che siamo partiti nell’intervistare Flavia Pennetta, sempre più nel mirino dei top brand per la sua bellezza, oltre che per la sua bravura. “Sono orgogliosa che un brand come adidas abbia pensato a me – spiega a LuxSport -. È una grande opportunità poter essere assistita da un team così valido. Il nome parla da sé… Non c’è bisogno che dica quanto validi siano i loro prodotti, la tecnica e lo studio che ci sono dietro a questo mondo che accompagna grandissimi sportivi. Sono sicura che faremo un bellissimo percorso insieme“.

Sei già stata scelta come testimonial di altri marchi? Come ti trovi in questa veste?
Sì, sono stata scelta come testimonial per Belstaff e per Gatorade, così come per la Regione Puglia, la mia terra. Settori differenti, ma sempre di altissimo livello nel loro stile e per i loro valori. Poter lavorare e quindi rappresentare persone che amano il tennis e che mi stimano e apprezzano per come gioco e per quello che riesco a comunicare dentro e fuori dal campo è l’aspetto più importante.

Che cosa pensi dell’abbigliamento delle tenniste? Esprime sufficientemente la vostra femminilità o vi “castiga” troppo?
Mi piace, non credo sia troppo castigato, anche se a dire il vero in campo io penso solo a giocare e giocare bene. Non mi piacerebbe indossare dell’abbigliamento troppo sexy e passare il limite della sportività. Quando si scende in partita, il mondo esterno resta fuori e si pensa solo all’avversario e a rimanere concentrati. Avere completi da gioco in cui ti senti a tuo agio è fondamentale.

Fuori dal campo ancora scarpe da tennis o tacchi a spillo?
Le scarpe con i tacchi alti mi piacciono moltissimo e devo dire che ne ho anche tantissime. L’unico problema è che alla fine non le metto praticamente mai. Quando esco con i miei amici va a finire che vincono sempre le scarpe da ginnastica, più comode e più “sicure”. Però, quando ho delle serate di gala o delle feste mi concedo il rischio di un tacco 8/9, anche se la mia autonomia è molto bassa Certo, non nego che faccio sempre attenzione, pensa se cadessi da lì, è facile immaginare che cosa significherebbe…

Le tue passioni al di fuori del campo di gioco.
Mi piace molto andare a cavallo e in moto, o correre sui circuiti con auto sportive.

Per quale oggetto di lusso saresti disposta a fare una follia?
Per uno yacht a motore grandissimo.

Quali sono il tuo “collega” e la tua “collega” più fashion, secondo te?
Maria Sharapova è senza dubbio la più fashion e molto bella, tra i ragazzi Roger Federer è sicuramente il più “fashion”, ma a livello di classe e stile.

Cambieresti una vittoria a Wimbledon con un mese su un’isola deserta con Safin?
E’ uno scherzo??? No mai!!! Neanche per Brad Pitt!!!

Per te il lusso è…
Il lusso è una parola che può significare molte cose e di solito viene accostata alla ricchezza, ai soldi. A mio avviso, lusso significa poter fare quello che più si vuole e si desidera e avere l’indipendenza per farlo, ma non dettata dalle possibilità economiche.

marinaRU
Mar 2nd, 2010, 02:43 PM
Flavia Pennetta: «Di me, preferisco le mani»

Se non fosse stata una tennista cosa sarebbe diventata?
«Non mi viene in mente niente. La vita mi avrebbe portato a fare altre scelte che invece non ho dovuto fare. Avrei forse studiato. Comunque sia, uno sport lo avrei fatto, mi piace fare un po' di tutto, ma non so se sarei riuscita a raggiungere i risultati che ho ottenuto nel tennis».

Lei indosserà per i prossimi tre anni la linea per il tennis Adilibria dell'Adidas. Quanto tiene all'eleganza nell'abbigliamento in campo?
«Il fatto di vestire Adidas mi piace molto, sono contenta che mi abbiano scelto. Posso indossare cose carine, femminili e soprattutto comode. Ed è proprio la comodità la cosa più importante per me, non posso stare attenta se l'abito mi stringe o mi dà fastidio da qualche parte mentre gioco».

Tessuti tecnologici e femminilità possono dunque coesistere?
«Uso i capi adidas già da un mese e posso dire di trovarli comodi e al tempo stesso sfiziosi. Certo avere qualcosa come dico io di più "fru fru" per giocare sarebbe complicato».

Riesce a trovare tempo per altre attività sportive?
«Ho poco tempo per altri sport, quando finisco la giornata di allenamento sono stanca, mi riposo e comunque preferisco fare altro».

E' attirata o pratica discipline body&mind, come yoga o pilates?
«Ho iniziato a fare pilates quest'anno e mi piace, bisogna avere il controllo del proprio corpo. Mi rilassa e questo mi aiuta un po' perché sono portata ad accumulare tensione e un po' perché sono sensibile ai movimenti muscolari. Me l'hanno consigliato per fare stretching e ora mi sta piacendo molto. Lo pratico due volte a settimana».

Cosa le ha insegnato il tennis nella vita di tutti i giorni?
«Ad avere molta pazienza in generale: devi ripetere la stessa cosa all'infinito, in modo sempre più preciso e millimetrico. E questo ti può annoiare. Mi ha aiutato anche a crescere prima del tempo, non da un punto di vista dell'indipendenza economica ma per la capacità di organizzarmi e di badare a me stessa. A 15 anni già prenotavo alberghi e voli da sola».

Quando è in giro per il mondo a giocare per i tornei del circuito riesce a trovare tempo per il relax magari frequentando spa locali?
«Vado spesso nelle spa. Soprattutto quando sono fuori per i tornei. Finita la settimana se ho la mattinata libera prima di un volo vado in un centro benessere e mi faccio fare manicure, pedicure, massaggi al viso e al corpo. Guardo quali proposte hanno e scelgo, in generale comunque preferisco trattamenti tranquilli, rilassanti, di quelli che fanno addormentare. Frequento a Verbier un centro molto bello. Ma quando sono a casa ho troppe cose da fare, è più facile che entri in una spa quando sono in giro».

E' rigorosa con l'alimentazione? Segue una dieta?
«Lo facevo quando ero più piccola, seguivo la dieta a zona. Mi ha insegnato a mangiare in modo equilibrato. Oggi non seguo una dieta specifica ma mangio naturalmente in modo sano: tanta verdura, insalata, carne, pesce. Poca pasta. Quando sono in giro per il mondo mi piace provare di tutto, dal giapponese al thailandese».

Qual è la parte del suo corpo che più apprezza?
«Non ce ne è una che preferisco. Forse, a pensarci bene, le mani».

I suoi prossimi impegni?
«Partiremo per gli Stati Uniti dove staremo quattro settimane, poi mi aspetta la semifinale di Federation Cup e i tornei di avvicinamento al Roland Garros. Un calendario sportivo fitto, ma è così dal primo gennaio fino ad ottobre».

Ha in programma di tornare a vivere e ad allenarsi in Italia?
«Per ora non ci penso. Sto bene in Svizzera. Certo sono molto legata alla mia famiglia e ai miei amici di giù. Poi possono capitare tante cose, potrei incontrare qualcuno».

Quale consiglio darebbe alle ragazzine che vorrebbero intraprendere il tennis a livello agonistico?
«Si devono soprattutto divertire. Lo dico perché vedo ragazzine di 12, 13 anni spinte magari dai genitori a scelte non opportune per la loro età. Io fino a 14, 15 anni ho vissuto un'adolescenza normale, non facevo allenamenti massacranti. Se una poi ha talento e vale veramente farà altre scelte. Ma questo deve accadere più avanti».

Ma qual è il profilo psicologico della tennista vincente?

«Occorre essere molto convinte di se stesse. Serve determinazione e convinzione nei propri mezzi. Ma questo non vale solo nel tennis».

marinaRU
Mar 2nd, 2010, 02:44 PM
why she's not Russian... ?!!! it will be easier to read her interview :D

marinaRU
Apr 2nd, 2010, 05:02 PM
Dulko y Pennetta ganan y disfrutan (video)
http://espndeportes.espn.go.com/news/story?id=994683&s=ten&type=column

Zamboni
Apr 2nd, 2010, 05:09 PM
Oh my:hearts:

Flavia speaking Spanish:lick:

tea
Apr 2nd, 2010, 05:33 PM
How great Google translates from Spanish.:eek: No need to concentrate in singles when you have so much fun in doubles.:D

Zamboni
Apr 2nd, 2010, 05:40 PM
How great Google translates from Spanish.:eek: No need to concentrate in singles when you have so much fun in doubles.:D
Indeed :D

"mi ex amiga y actual compañero de dobles" :rolls:

tea
Apr 2nd, 2010, 05:43 PM
"mi ex amiga y actual compañero de dobles" :rolls:
Too good.:hysteric: You can't blame them in lack of sense of humour.:lol:

marinaRU
Apr 10th, 2010, 04:59 PM
Flavia Pennetta, the No.2 seed, didn't take long to join Suárez in the final, routing Sara Errani in one minute shy of an hour, 61 61. Errani held serve once late in each set but apart from those only had game points in two other games.

"I think Sara was more tense than normal, but she's young and plays well, and will have many more chances to beat me," Pennetta said of her good friend Errani. "Matches against friends are very difficult, especially mentally."

Pennetta will be playing her 19th Tour final, going 8-10 in her first 18. It is her second final of the year, having fallen in the Auckland final in January.

"Having arrived late from Miami, I haven't played my best. But little by little I've been getting better. Carla is a very good player. I will have to play my best."

http://www.sonyericssonwtatour.com/news/20100410/suarez-back-in-final-pennetta-awaits_2256076_2020547

Zamboni
Apr 10th, 2010, 05:30 PM
Flavia Pennetta, the No.2 seed, didn't take long to join Suárez in the final, routing Sara Errani in one minute shy of an hour, 61 61. Errani held serve once late in each set but apart from those only had game points in two other games.

"I think Sara was more tense than normal, but she's young and plays well, and will have many more chances to beat me," Pennetta said of her good friend Errani. "Matches against friends are very difficult, especially mentally."

Pennetta will be playing her 19th Tour final, going 8-10 in her first 18. It is her second final of the year, having fallen in the Auckland final in January.

"Having arrived late from Miami, I haven't played my best. But little by little I've been getting better. Carla is a very good player. I will have to play my best."

http://www.sonyericssonwtatour.com/news/20100410/suarez-back-in-final-pennetta-awaits_2256076_2020547
True. Sara was having more problems playing a friend than Flavia did.

If today wasn't her best, we're gonna have fun this clay season ;)

marinaRU
Apr 19th, 2010, 03:50 PM
http://ubitennis.quotidianonet.ilsole24ore.com/sport/tennis/2010/04/19/320453-flavia_gatorade_matrimonio.shtml
(+video)

marinaRU
Apr 19th, 2010, 04:43 PM
http://www.gazzetta.it/Sport_Vari/Tennis/19-04-2010/flavia-pronta-la-fed-cup-603700655359.shtml
(+video)

marinaRU
Apr 20th, 2010, 06:30 AM
Pennetta: "Ora la finale
Poi torno in Top Ten" (http://www.repubblica.it/sport/tennis/2010/04/19/news/pennetta_vuole_fed_cup-3470269/)

Fantasy Hero
Apr 20th, 2010, 11:41 AM
Flavia winning the Olympics in London :inlove:

Zamboni
Apr 21st, 2010, 05:25 PM
Intervista alla Pennetta: “Per me il sesso non è un gioco”

Marilù Simoneschi, Diva e Donna del 27.04.10

Miami nei primi giorni di aprile si è un po' tinta dei colori del tricolore, grazie al successo della nostra Flavia Permetta nel torneo di doppio femminile giocato e vinto in coppia con l'argentina Gisela Dulko. Per la bellissima e grintosa tennista pugliese una soddisfazione e il settimo titolo in carriera. Da dividere con l'amica argentina, oltre a un assegno di 237.000 euro, anche un'immensa soddisfazione festeggiata con una cena argentina in omaggio alla propria partner in gara. L'abbiamo raggiunta, appena rientrata nell'appartamento di Barcellona dove vive da qualche anno. Poco dopo lei è volata a Marbella vincendo anche quel torneo e risalendo alla 15esima posizione del ranking mondiale. Con la Dulko siete davvero amiche «Sì, mi trovo molto bene con Gisela anche fuori dai campi di tennis. Tra noi c'è fiducia e confidenza e, se una sbaglia, l'altra può riprenderla senza che pianti il muso. Ci piace fare delle cose insieme come lo shopping. Gisela è una "fashion victim" e dovunque andiamo nel mondo mi trascina con sé per negozi fino allo stremo delle forze, altro che la fatica degli allenamenti! Alla fine mi lascio contagiare e compro anch'io sandali tacco 12, anche se so che non potrò metterli mai, per il rischio di slogarmi una caviglia». Cos'altro le piace fare? «Vivo da sola in questo appartamento di 60 metri quadri che è il mio rifugio, e mi assomiglia molto: come me è ordinatissimo, ama i colori chiari e il silenzio. Se sono libera mi sveglio tardi, recupero la fatica dormendo a lungo e poi faccio pulizie, metto in ordine, mi cucino qualcosa. Ho tanti amici e mi piace uscire, ma amo anche restare sul divano a leggere un libro o a parlare al telefono con mia nonna Isa, che da Brindisi mi chiama ogni settimana per una specie di "terzo grado". Lei rappresenta una vera "autorità" in una famiglia in cui vige il matriarcato: io, mia sorella, mia madre e poi zie e cugine in quantità. Poveri maschi da noi sono davvero in minoranza!». TRADIZIONI Lei gira il mondo: le mancano l'Italia e la famiglia «Altroché: è davvero difficile pensare di stare lontana dai miei per mesi. Il profumo di casa lo identifico con le melanzane alla parmigiana di mamma: appena rientro le divori)». Una sua giornata tipo? «Sveglia alle 7 e 30, doccia veloce, spremuta d'arancia, toast e cappuccino. Allenamento fino alle 13.30, poi un pranzo leggero o ancora sport fino alle 18. Poi riunioni, interviste e finalmente a casa. Se sono troppo stanca, mangio di latte e cereali guardando un film». Una vita quasi monastica: e le sue dichiarazioni contro l'astinenza prima delle gare? «La penso proprio così: l'amore fa bene e prima di una gara aiuta a scaricare la tensione. Ma occorre un fidanzato». Dopo la rottura col collega spagnolo Carlos Moya non si è più innamorata «Purtroppo è proprio così. E non mi trincero dietro le solite frasi: "Non ho tempo per l'amore...". È l'amore che sembra essersi scordato di me! Mio padre e mia madre sono sposati da ben 35 anni e mi dicono: "Pensa a giocare e a vincere clio quando arriva quello giusto te ne accorgi"». Perché è finita la sua storia con Moya? «Non c'è un particolare motivo, una lite, un tradimento. Piuttosto direi che non c'era più l'emozione dei primi tempi: allora perché andare avanti per abitudine...». Come se lo immagina questo uomo ideale? «Brillante, simpatico e pronto alla battuta». Ed è gelosa dell'uomo che le sta vicino? «Direi il giusto. Certo, devo potermi fidare, anche se come tutte le donne anch'io sono stata tradita». E ha tradito «Poche volte, ma è capitato. Ma è quando le storie stavano per giungere al capolinea. Per questo, pur desiderando di star di nuovo in coppia, guardandomi allo specchio mi consolo dicendo: “Flavia, prima o poi quello giusto arriverà, del resto meglio soli, che male accompagnati!”


:smooch:

tea
Apr 21st, 2010, 05:36 PM
"I have no time for love ... It is love that seems to have forgotten me!"
:awww:

Reading the title scared me at first.:lol:

FORZA SARITA
Apr 21st, 2010, 08:23 PM
i really wanna see if her home is that small :rolleyes::p

Fantasy Hero
Apr 25th, 2010, 02:36 PM
Il sorriso che porta in finale l'Italia per la quarta volta in cinque anni è quello di Flavia Pennetta. "In questi due match ho dimostrato quanto sono cresciuta - spiega la numero uno azzurra -: riprendere partite che improvvisamente si complicano prima non mi riusciva. Sul 5-2 lei ha infilato sei vincenti di fila...eppure sono riuscita a non deconcentrarmi". Ancora una volta in finale dunque."Sembra facile ma non lo è - sottolinea Flavia -. In Ucraina per esempio è stato sicuramente difficile. Nessuna di noi è la numero uno o la numero due del mondo ma la nostra squadra è la più forte del mondo. Bello giocare nello Stadio Pietrangeli, fantastico il calore del pubblico: scendere in campo a Roma è sempre entusiasmante. Se potessi scegliere l'evvarsario della finale - aggiunge la 28enne brindisina - preferirei gli Stati Uniti: magari dopo la finale ci scappa anche una piccola vacanza. Ad ogni modo siamo concentrate su noi stesse: non stiamo troppo a guardare le altre". A proposito delle "altre", c'è da dire che alla Nazionale, tutte le italiane rispondono sempre presente. "Ci teniamo tanto alla Nazionale ed a rappresentare il nostro paese - precisa Flavia. - Siamo molto legate a questa maglia e lo dimostriamo ogni volta che scendiamo in campo. Questa quarta finale in cinque anni è importante non solo per il tennis femminile ma per tutto lo sport italiano. Abbiamo formato una squadra compatta, con un grande equilibrio e questo non è facile, soprattutto tra le donne". Splendido il rapporto con capitan Barazzutti: "Corrado ci conosce bene - sottolinea Flavia: - sa come dirci le cose, come spronarci ed anche quando lasciarci stare.... Ha sempre dimostrato di valere tanto: prima come giocatore ed ora come capitano".

Un problema alla spalla, vistosamente evidenziato da un cerotto rosso nel match della prima giornata, ha impedito alla numero uno ceca Lucie Safarova di scendere in campo. E così è toccato a Petra Kvitova giocare nella poco invidiabile posizione di dover assolutamente vincere. "All'inizio della partita ero molto nervosa e contratta - dice - del resto avevo saputo di dover giocare soltanto un paio d'ore prima del match.... Comunque sono soddisfatta per come ho giocato. Il pubblico ha incitato ovviamente la Pennetta ma è stato comunque corretto".

nice one :p

FORZA SARITA
Apr 25th, 2010, 02:39 PM
flavia you played against 2 players ranked outside of top50 so stop talking like you've beaten 2 GS winners :lol:

marinaRU
May 2nd, 2010, 04:11 PM
Marketing - Flavia Pennetta testimonial di "Biancamano"

L'azzurra Flavia Pennetta, attesa agli Internazionali a partire dal prossimo 3 maggio, è diventata testimonial dell'azienda "green" Biancamano.

Biancamano è quotata sul mercato Expandi ed ha deciso di sponsorizzare la più forte tennista azzurra per sviluppare sinergie in ambito educativo/sociale. Nata nel 2004 dalla fusione di Aimeri Ambiente (opera nel settore dei servizi di igiene urbana) e di Ponticelli (gestione impianti di smaltimento dei rifiuti), oggi è una holding con circa 3500 dipendenti e più di 3 mila automezzi industriali operante in 18 regioni italiane. Biancamano vuole sviluppare con la Pennetta (già testimonial Gatorade e Adidas) il progetto "Riciclando simpara". Per portare nelle scuole l'educazione al rispetto dell'ambiente e al riciclo dei rifiuti.

http://www.sporteconomy.it/articolo-Marketing-Flavia-Pennetta-testimonial-di--Biancamano--_32662_14_1.html

Fantasy Hero
May 2nd, 2010, 08:39 PM
Flavia is selling her self :sobbing:

FORZA SARITA
May 2nd, 2010, 08:47 PM
give her few euro and she will do everything :speakles:

Fantasy Hero
May 2nd, 2010, 08:52 PM
:hehehe: :inlove:

Zamboni
May 2nd, 2010, 08:55 PM
At least she finally gets some sponsors:shrug:

Zamboni
May 5th, 2010, 07:51 PM
FED CUP VS BALI - Parla Flavia
"La Federazione ci tutelera'"
Non poteva mancare un accenno alla questione della concomitanza la finale di Fed Cup con gli Stati Uniti (6-7 novembre) ed il Masters di Bali nell'intervista dopo match di Flavia Pennetta agli Internazionali BNL d'Italia, dove la 28enne brindisina, eliminata in singolare dalla Safarova, è ancora in corsa nel doppio (è nei quarti). "Ancora non ho avuto modo di parlare col Presidente - ha detto la numero uno azzurra - ma sono sicura che ci aiuteranno, ci saranno vicine e ci tuteleranno. Anche l’anno scorso parlammo con l’ITF ma non è cambiato nulla. Speriamo che non ci penalizzino ancora una volta, dobbiamo essere messe tutte nelle stesse condizioni. Penso che la soluzione migliore - ha aggiunto Flavia - sia quella che tra l’altro è già in vigore in Coppa Davis, ovvero riconoscere alle giocatrici i punti anche in Fed Cup. È una proposta che abbiamo già avanzato ma per ogni cambiamento ci vuole molto tempo e noi attendiamo …". Certo, il problema sarebbe risolto qualificandosi al Masters delle migliori: "Per due anni l'ho sfiorato. Quest’anno non sarebbe male centrare l’obiettivo".

Hmm I don't think anything is gonna happen. Players council voted against points for Fed Cup last year (sth like 6-1...thanx, Francesca;)), I don't think they will change their mind this year.
So Flavia and Fran will miss the points, but will surely get a nice bonus from the FIT if they win again ;)

Oh and this is not the moment to talk about Doha:lol:

Fantasy Hero
May 5th, 2010, 08:33 PM
^ no indeed :lol:

marinaRU
May 6th, 2010, 07:47 AM
Pennetta: 'E' stata una giornata no, un peccato'
La tennista brindisina commenta l'eliminazione a Roma: 'A lei e' girato tutto per il verso giusto'


Flavia Pennetta non cerca scuse per l'eliminazione al secondo turno degli Internazionali d'Italia. 'E' stata una giornata no, non servono tanti giri di parole - ha detto la tennista brindisina - E' un peccato sia successo proprio a Roma. Volevo fare bene a tutti i costi e forse proprio questo alla fine ha inciso negativamente'.

L'azzurra è stata nettamente battuta (6-1, 6-2) dalla ceca Safarova: 'A lei è girato tutto per il verso giusto, mentre io sono incappata in una giornata no. Peccato, mi sentivo bene e avevo tante aspettative per questo torneo'. Tutte le italiane sono state eliminate nella giornata di ieri: 'Ci siamo incrociate e scherzando ci siamo dette che siamo state proprio brave ad uscire senza vincere nemmeno un set'.

http://www.sportmediaset.mediaset.it/news/2010/05/05/6133604.shtml

Fantasy Hero
May 6th, 2010, 03:05 PM
Poor girls :awww: i feel really sorry for them, it should have been really terrible for them to face the press :hug:

marinaRU
May 6th, 2010, 04:59 PM
Flavia regina di stile ed eleganza
Nonostante la delusione per la sconfitta al secondo turno contro la Safarova, Flavia Pennetta (nella foto) - che è ancora in gara nel doppio femminile - si è già assicurata un primo trofeo: grazie al giudizio della giuria composta da giornalisti è stata indicata come vincitrice del Premio Eleganza Compeed, prima italiana ad aggiudicarsi l’ambito trofeo. Per i giornalisti che l’anno votata, Flavia dimostra come il tennis del XXI secolo sia uno sport sempre più in evoluzione, con le donne a fare da apripista coniugando stile, fascino e vittorie.
La premiazione si è svolta sul "Pietrangeli" prima del match dei quarti del doppio che vede l'azzurra e l’argentina Gisela Dulko opposte alle russe Kirilenko/Pavlyuchenkova: il trofeo è stato consegnato da Lea Pericoli e Nicola Pietrangeli, che nel 2008 hanno tenuto a battesimo il Premio Eleganza.

http://www.federtennis.it/DettaglioNews.asp?IDNews=46765

Zamboni
May 6th, 2010, 05:05 PM
Elegance Award:hearts::worship:

FORZA SARITA
May 6th, 2010, 08:33 PM
:spit: and :weirdo:

marinaRU
May 19th, 2010, 08:58 AM
Flavia Pennetta: "Tengo más tensión en una pasarela que en un partido de tenis" (http://www.marca.com/2010/05/18/tenis/1274209339.html) (+vid)

Fantasy Hero
May 24th, 2010, 05:17 PM
Flavia has told today on the Gazzetta della Sport that she feels good and so, but the funniest thing was the advice she got from Rafa: "when you are in danger just focus on pushing the ball to the other part of the net not too close to the lines" :rolls: Flavia Pusheretta :spit:

tea
May 24th, 2010, 05:27 PM
^ :lol: Knowing Rafa, this is no wonder he advices to push the ball. Don't listen to him, girl!

gsm86
May 24th, 2010, 08:16 PM
http://www.rolandgarros.com/en_FR/news/articles/2010-05-24/201005241274704440714.html?promo=rss

FORZA SARITA
May 24th, 2010, 08:30 PM
no wonder why she's so passive on clay :weirdo:

Fantasy Hero
May 24th, 2010, 08:51 PM
anw this noon i watched her match she wasn't that passive :eek: she was really aggressive with the return too :lol:

FORZA SARITA
May 24th, 2010, 09:00 PM
she played a brit on clay :)

Fantasy Hero
May 24th, 2010, 09:14 PM
:rolls:

marinaRU
May 26th, 2010, 09:49 AM
If Flavia Pennetta were a dish…

Ranked world No. 15, Italy’s Flavia Pennetta puts her talents (and sense of humour) to good use by answering our “if you were” questionnaire.

If you were a country?
Italy! Obviously.

If you were a city?
Rome. I come from Brindisi in the south-east but I’ve fallen in love with Rome. I love its beauty, its shops, its heritage, its history…

If you were a dish?
A pizza.

If you were a film?
Gladiator.

If you were a song?
Moving by Macaco.

If you were an historic event?
The Olympic Games. I was lucky enough to take part in the 2008 Games in Beijing. I will remember entering the Olympic Stadium with the Italian team for the rest of my life.

If you were a car?
A Porsche 911. Fast and sexy…

If you were a concert?
U2. All the way!

If you were a drink?
A Mojito.

If you were a tournament?
Acapulco. It’s fantastic – right in the middle of a resort, plus there’s a nightclub at the hotel. The weather is always fine. It’s like being on holiday.

If you had special powers?
I’d like to be able to fly.

If you were a TV series?
Lost.

If you were a footballer?
Cannavaro. He’s the only one I can think of. I’m not a big football fan.

If you were a sport other than tennis?
Beach tennis. I love it, and it’s so fun. My sister Giorgia is a beach tennis pro – she plays on the European beach tennis circuit.

If you were a time of day?
The evening.

If you were a piece of jewellery?
A watch.

If you were an item of clothing?
A pair of jeans.

If you were a place in Paris?
The Louvre.

If you were a time in history?
The feminist movement.

If you were a romantic location?
Up the Eiffel Tower with a glass of champagne

Fantasy Hero
May 26th, 2010, 09:53 AM
:rolls: at this

Fantasy Hero
May 26th, 2010, 08:41 PM
http://it.eurosport.yahoo.com/video/26052010/45/intervista-flavia-pennetta.html
interview

MAGIKARPETTA
May 28th, 2010, 06:43 PM
http://www.youtube.com/watch?v=SOlPNwmZs48

Zamboni
May 28th, 2010, 08:04 PM
http://multimedia.quotidianonet.ilsole24ore.com/?tipo=media&media=10514

I wish I could speak Italian...is she butting into the interview?:lol:

Fantasy Hero
May 28th, 2010, 09:36 PM
http://www.youtube.com/watch?v=SOlPNwmZs48

she seems to be not scared of facing her :eek: :worship:

marinaRU
Jun 8th, 2010, 04:06 PM
Pennetta star a Gallipoli
per il Premio Barocco



di Giuseppe Albahari

GALLIPOLI - Fabrizio Frizzi ce l’ha fatta a presentare la 41ma edizione del «meraviglioso» Premio Barocco di Gallipoli: ha superato la concorrenza «interna» di Carlo Conti (premiato con la Galatea Salentina del maestro Egidio Ambrosetti, quest’anno più aurea che mai) ed ha veleggiato sicuro, tra voci di «ragazzi che hanno lasciato una canzone» coccolati da una sempre brava Emanuela Aureli-in-versione-Antonella Clerici, del coro dell’orchestra Terra d’Otranto (le sonorità dei maestri diretti da Antonio Palazzo), di Renzo Arbore (chapeau per il ricordo di Nicola Arigliano), di Alessandra Amoroso.

Premi e certezze: Emilio Solfrizzi (nostalgia di barzellette), Flavia Pennetta (è una sex symbol), Enrico Mentana (ha una «passionaccia») Maria Grazia Cucinotta (L’inganno d’un invidiato lenzuolo), Gerard Depardieu (e qui la parentesi serve per dire che la consegna delle «chiavi del Salento» non lascerà acque chete). Premi e imprenditori: Angelo Maci, Luigi Blasi e Francesco Amadori.

L’immensità la vedi tutta nel tango, e che tango, di Natalia Titova e Samuel Peron; «la dolcezza» nella statua di cioccolato di Manuela Arcuri (ancora tutti a demolire e sgranocchiare cioccolata, un’ora dopo il collegamento); «la solidarietà» è il tratto caratteristico del Premio Barocco, edizione 2010, nelle parole del patron Fernando Cartenì. Il regista Sergio Di Blasi affida l’arrivederci all’anno prossimo alle note di Azzurro: quale messaggio migliore per la nostra Nazionale ai Mondiali di calcio?

marinaRU
Jul 20th, 2010, 05:36 PM
Flavia Pennetta e lo Sweat Test del GSSI

http://www.megamodo.com/201075583-flavia-pennetta-e-lo-sweat-test-del-gssi/

Fantasy Hero
Jul 20th, 2010, 05:56 PM
^ that's like...i'm trying to find a way to make the miracle happened again

marinaRU
Aug 2nd, 2010, 12:42 PM
raid nel deposito della Pennetta Petroli
Maxifurto di carburante nell'azienda del papà di Flavia
Colpo da 40mila euro messo a segno il 23 giugno scorso
Colpo da 40mila euro messo a segno il 23 giugno scorso

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/campania/media/foto/2010/07/07/pennettapetroli--190x130.jpg
La Pennetta Petroli


BRINDISI— Maxifurto di carburante alla zona industriale del capoluogo messapico ai danni del deposito di carburanti Pennetta Petroli Maripen Srl, di proprietà della nota famiglia della tennista Flavia Pennetta. Il colpo è stato messo a segno la notte del 23 giugno scorso, ma la notizia si è diffusa solo a tre settimane di distanza. Quarantamila euro, a tanto ammonta circa il valore del furto messo a segno da un gruppo - come credono gli stessi proprietari - di professionisti del mestiere.

La banda è entrata in azione superando i controlli del servizio di vigilanza ed incurante delle telecamere piazzate alla zona industriale a difesa delle aziende. Secondo una prima ricostruzione dei fatti svolta dalla polizia che indaga sui fatti, i malviventi hanno scavalcato il muro di cinta, individuato il carburante (gasolio agricolo e benzina verde) e con l’aiuto di pompe lo hanno trasferito in un autocisterna, di proprietà dell’azienda, con la quale hanno poi sfondato il cancello d’entrata e si sono dileguati facendo perdere le proprie tracce. Un colpo da addetti ai lavori, perchè maneggiare il carburante richiede una grande esperienza data la sua pericolosità (si può incendiare, può dare luogo ad esplosioni). Diecimila i litri di carburante rubato per un valore di circa 12-13 mila euro, non coperti da assicurazione, che insieme col furto dell’autocisterna fanno lievitare i costi del danno fino a circa 40 mila euro. A denunciare il fatto, la mattina dopo è stato lo stesso amministratore Giovanni Pennetta, una volta giunto in azienda e trovato il cancello divelto, capendo così che qualcuno era penetrato in azienda con intenzioni tutt’altro che pacifiche. Al vaglio degli investigatori i filmati delle telecamere poste a vigilare la zona industriale di Brindisi.

La speranza, per i proprietari è che l’obiettivo abbia catturato qualche particolare utile per risalire ai responsabili. La Pennetta Petroli Maripen Srl è un’azienda con 40 anni di storia, fondata dai fratelli Pennetta, tra i più noti Giampiero attuale presidente del Consiglio comunale e Oronzo, padre della celebre tennista Flavia, tra le dieci atlete più forti al mondo. «In quarant’anni - Oronzo Pennetta - non avevamo subito un danno simile. Qualche furto si, ma di lieve entità. La cosa ci lascia con l’amaro in bocca. Qualcuno è entrato in casa nostra ed ha fatto un furto serio per la sua entità. Chi ha agito sapeva bene cosa fare. Andare avanti così non è semplice, speriamo almeno che ci facciano ritrovare il mezzo che ci serve per lavorare. Come imprenditore sono amareggiato, c’è troppa disperazione in giro ed i furti dilagano. Forse in questa Città servirebbero più occasioni di lavoro».

Zamboni
Aug 5th, 2010, 05:34 AM
Time for another PLAYER CAR CONFESSIONS. This week, our special guest is fiery Italian Flavia Pennetta. Now, we’re coming to you from the La Costa Resort and Spa in San Diego where the only car is a golf cart, and since I just don’t see Flavs as the ‘tool around the sand traps’ kinda gal, we’re putting our lazy feet up on a veranda instead.

Flavia, besides playing killer tennis, your personality has made you a fan favorite. People want to party with you. I want to party with you. What would a night out on the town with Flavia be like?

Flavia Pennetta: [Smiles.] The easy thing all the time is the most beautiful. Dinner and then go in the bar and have a drink. I prefer to go to the bar and not the disco, because when you’re in a place where you can talk and there is nice music, you can communicate with people. And then dance!

What are we dancing to?

Everything. Italian songs, Spanish, Black Eyed Peas…

On the WTA Superfans site, you said the toughest thing about being a girl was “finding a man with balls”. [She laughs.] How tough is it to find a man with anything when you’re globetrotting playing pro tennis?

We travel so much, so it’s not easy to stay with us. You cannot see us really often. We have to make some choice sometime, we have to think about ourselves first, so it’s not nice for the other person.

What would a guy who wants to date you have put up with or understand about your life in order to do that?

I travel, I have to work, I have to practice. I cannot go out every night, I have just like four days only and then six weeks of tennis tennis tennis. I think there are a lot of guys, they like to do that. It’s not something crazy. For the moment I didn’t find the right one so I’m still focused on my work, my friends, my family…

And dancing.

And dancing, of course... [laughs]

You did a TV interview in Italy, “Le iene.” It got a lot of play. (In it, she talked about all sorts of naughty things, but it basically boiled down to everything in life your mother warned you about.)

They asked me about everything! And you have to answer really quick, you cannot think. They make a question and you have to answer like this [she snaps her fingers]. It’s hard, they try to…

Get you.

Yeah. It’s funny.

Without getting into all the gory gory, you were asked which male players you, er…fancied. I’ll name a couple and you say the first thing that comes to mind. Ready? Tommy Haas.

Nice guy. [Laughs]

I think you may have said he was the most beautiful guy on tour.

Yeah, I think he’s one of the most beautiful.

How about Marat Safin?

Nice guy. [She laughs. And laughs. I can wait.] Nice guy.

I’m sensing a pattern. Okay, a couple of the guys who didn’t seem to rate with you were Roger Federer and Rafael Nadal. Why not?

Well, Rafa is one of my best friends so it’s not easy to see a relationship with one of your best friends. I never think about that because we know each other for a long time, and he was one of the best friends of my ex-boyfriend [Carlos Moya], so it’s something I never think about. And Federer because I think he’s a nice guy, good looking, and something different because it’s really elegant when you see him on the court, it’s something you cannot see anymore. [But] he has his wife for a long time and I know her for a long time also, so it’s something you never think about. You think they are good friends but not to have something with them.

They’re no Marat Safin and Tommy Haas is what you’re saying. [She laughs.] I get hounded by people asking me why you’re not on Twitter.

I don’t like to be all the time on internet. And you have to do something every day almost, no? You have to be in touch with the people and say what you’re doing, what you’re not doing. Gisela [Dulko, her good buddy on tour] has one with her boyfriend, so I know how it’s working and I’m not that, how do you say…structured. I can try.

I have a feeling that you’d be making a lot of people happy. [She smiles.] When we chatted last year you said tennis’s popularity in Italy was growing but was still somewhat niche. You hadn’t cracked the top 10, Francesca hadn’t won the French Open. How is tennis in Italy these days?

Oof. Really good now. In Italy now tennis is really popular. I hope just to have some good guy, a man, to do the same thing. In Italy there are a lot of good male players, talented, unbelievable, but then we lost everyone.

For now the ladies are going to have to do the heavy lifting. You guys are in yet another Fed Cup final.

We’re going to be back in San Diego in November. It’s going to be a long trip again. I don’t know if the sister Williams is gonna play. I think it’s a good chance for them to play a final, but we’re gonna be there like always. We will see what happens.

That sounds like a threat. I like it. Flavia, thanks for chillaxing with us out here. This place is a resort spa, I think next time we should get mani pedis.

I love it!

Cucumbers on our eyes… And then we’ll go dancing.

Perfect. But we have to bring Gisela with us, huh?

Can she dance, she just had an ankle thing?

No no, we can wait five, six days and then she’ll be okay.

Then we’ll hit the clubs.

[laughs] Ciao!


-----

"We're gonna be there like always" - just so we all know;)

FORZA SARITA
Aug 5th, 2010, 08:48 AM
always these slutty questions :o

Fantasy Hero
Aug 5th, 2010, 04:28 PM
:rolls:

Zamboni
Aug 5th, 2010, 04:29 PM
always these slutty questions :o
There's a reason she kind of regrets that interview;)

Fantasy Hero
Aug 5th, 2010, 04:31 PM
well the journalists consider her as a slut that's why :o :lol:

Zamboni
Sep 2nd, 2010, 08:28 AM
NEW YORK - Flavia Pennetta e Sara Errani condividono la stessa voglia di vincere e lo stesso sorriso. Un sorriso contagioso. E dopo due vittorie così nette e meritate è tutto ancora più facile. "Sono stata sotto di un break nel secondo set - spiega la Pennetta - ma non ho mai perso la convinzione di poter recuperare e vincere. Così è stato. Sapevo che la mia avversaria era in grado di mettermi in difficoltà con il suo gioco, ma non le ho mai lasciato l'iniziativa". Determinazione, convinzione, consapevolezza. In queste ragazze c'è tutto. "Teniamo moltissimo ai risultati - continua Flavia - siamo supercompetitive. Mettiamo tutte noi stesse in campo, in allenamento come in partita. Viviamo di grandi emozioni, siano esse positive come dopo una vittoria o dolorose. Questo ci rende certamente più forti".

Primo set: no way.
Secondo set: non ci provare, bella.
Questo il titolo dei due film dei set con i quali Flavia Pennetta ha regolato l'ungherese Szavay per 6-1, 6-4 per accedere al terzo turno.
Nel primo set Szavay metteva in campo più che altro le sue visibilmente precarie condizioni fisiche (la sua gamba destra era stretta in una fasciatura ad altezza coscia). Nei primi tre games c'erano tre break, due a favore di Flavia che poi si involava 6-1 in un amen. Nel secondo set la Szavay cominciava a “mattonare” i suoi colpi con maggiore continuità, complice un rallentamento di Flavia. E prova il colpo gobbo del medical time out per rompere ulteriormente il ritmo di Pennetta. Per essere chiari: la gamba della Szavay aveva realmente dei problemi. Ma il suo tirare cannoni a destra e a sinistra mal si conciliava con un bisogno sanitario così estremo e urgente. Specialmente dopo aver ottenuto il break che la portava due a uno e servizio nel secondo set. Sì perchè in quel momento l'ungherese decideva di interrompere il match per ricevere cure. L'organizzazione si rivelava un po' impreparata, perchè passavano almeno sette minuti prima dell'arrivo della fisioterapista e poi altri tre (abbondanti) di cure. Alla ripresa Szavay teneva il servizio facile facile e si issava a palla per il doppio break sul servizio di Flavia. Qui Pennetta è stata brava a far capire all'avversaria che non era il caso di provarci. É risalita caparbiamente, ha tenuto il servizio e ha recuperato il break di svantaggio dopo il successivo cambio campo. Ha così potuto condurre il punteggio in un territorio agevole, cioè sul 5-4 a suo favore. In quel momento l'ungherese al servizio ha sentito la pressione e la personalità di Flavia, è partita male nel game ed ha ceduto al primo di due matchpoint. Bella prova di carattere quindi per Pennetta, che al terzo turno avrà in sorte Shaar Peer, con la quale ha perso 6-2 al terzo ad Indian Wells quest'anno.
“In quell'occasione non ho perso bene, non è stata una buona partita” ci ha confessato Flavia nella conferenza stampa post-partita. “La Peer è una che lotta, anche qui ha vinto una volta una partita pazzesca contro Francesca, recuperando un punteggio disperato. D'altronde” ha aggiunto con un sorriso “sono ormai poche le giocatrici che non lottano”.
Stuzzicata sull'argomento si è lasciata andare “I primi due nomi che mi vengono in mente sono Benesova e Zakopalova. La prima ha un talento pazzesco ma gioca come se non le interessasse. La seconda mi ha battuto a Wimbledon: anche lei sembra stia lì quasi per forza, poi tira delle bombe pazzesche”
“Ci pensi ancora, all'occasione mancata a Wimbledon?” le abbiamo chiesto
“No” è tornata a sorridere “Già il giorno dopo non ci pensavo più, perchè dovevo pensare al doppio”.
Mancano due partite per onorarela cambiale dello scorso anno. Il prossimo scoglio è appunto l'israeliana Peer. Poi, in lontananza, si vede Venus. Ma intanto c'è da sudarsi la partita di venerdì. Titolo proposto per quel film “Shahar, fatti più in là”.

http://multimedia.quotidiano.net/?tipo=media&media=11590

Fantasy Hero
Sep 2nd, 2010, 08:03 PM
:haha: this article is so funny but I really like it :yeah:

FORZA SARITA
Sep 2nd, 2010, 08:18 PM
she's so true about the czechs :lol:
i still remember that match fran vs shahar :hysteric: fran wasted millions of mp's :(

marinaRU
Sep 7th, 2010, 07:00 PM
Flavia & Gisela Rally Into QFs

NEW YORK, NY, USA - The No.1 seeds in the doubles lost the first set but steamrolled from there, as Gisela Dulko and Flavia Pennetta scored a 67(7) 61 62 win over No.13 seeds Monica Niculescu and Shahar Peer.

Dulko and Pennetta had six set points in the first set, three at 5-4 and another three in the tie-break, but failed to convert. They came back with a vengeance, taking the next two sets in just over an hour to move into the quarters.

"At 5-4, 40-15 we waited for their mistakes a little bit, and they didn't make them," Dulko commented afterwards. "After the first set we calmed down a bit and just started thinking about our game. It was good from there."

Dulko and Pennetta have won five titles this year, four of them at the Premier level. "We have a very good relationship. We are friends, we go to dinner, we get along, we spend a lot of time together," Dulko said about Pennetta. "We understand each other on the court too. We complement each other."

marinaRU
Sep 15th, 2010, 12:27 PM
Gisela & Flavia: First To Qualify
http://www.sonyericssonwtatour.com/javaImages/6b/e/0,,12781~9047659,00.jpg

Gisela Dulko and Flavia Pennetta became the first doubles team to qualify for the season-ending WTA Championships - Doha 2010, set to take place for the third consecutive year at the Khalifa International Tennis Complex in Doha from October 26 to 31, and offering prize money of $4.45 million. Dulko and Pennetta will make their first trip to the prestigious Championships as a team after a successful season highlighted by winning five titles - more than any other team on Tour. It's also the first time that both players qualify for the year-end Championships in either singles or doubles.

"It is very exciting to qualify for the WTA Championships. We are thrilled to play in the prestigious event for the first time in each of our careers and look forward to competing in Doha against the best doubles teams in the world," Dulko said.

"I'm so happy to qualify with Gisela as we are close friends on and off the court and it is very special for us," Pennetta added. "We have worked very hard this year and reaching the Championships is a perfect way to end the season."

Dulko and Pennetta have played 13 tournaments together in 2010, winning five titles to take their career tally together to eight. Earlier this season, they compiled a 17-match winning streak - the longest on Tour since March 2007 (when Cara Black and Liezel Huber won 22 straight), which garnered three consecutive Premier-level titles at Miami, Rome and Stuttgart; their run was finally stopped by the Williams sisters in the finals of Madrid.

They won two more titles in the second half of the year at Bastad and Montréal. They also reached the quarterfinals or better at all four of the majors, including the semifinals of Wimbledon. They are 40-8 as a team so far this season, and Dulko also won another title with Edina Gallovits on the clay of Bogotá.

"I congratulate Gisela and Flavia on qualifying for the WTA Championships for the first time in their careers," said Stacey Allaster, Chairman and CEO of the WTA. "They are an exciting and charismatic team and have worked incredibly hard to become the most consistent doubles champions during 2010. Gisela and Flavia will make a great addition to the doubles roster during the WTA's season finale in Qatar and it's great that the fans will be able to watch them compete with the best doubles teams on Tour."

http://www.sonyericssonwtatour.com/news/20100914/gisela-flavia-first-to-qualify_2256076_2154055

Fantasy Hero
Sep 15th, 2010, 12:33 PM
Gise :scared: she looks like a tranny :tape:

and Flavia's shirt :tape:

FORZA SARITA
Sep 15th, 2010, 04:01 PM
what the hell is wearing magikarp :o
dumbo :happy:

Fantasy Hero
Sep 15th, 2010, 04:12 PM
it's magikarp's skin decoloured :eek:

Fantasy Hero
Sep 15th, 2010, 04:26 PM
i told ya :eek:
http://img94.imageshack.us/img94/2298/ahahawr.jpg


Magikarpetta and tranny friend

Urolog
Sep 16th, 2010, 11:21 AM
http://kuznetsky.ru/images/kuznetsky.gif (http://www.kuznetsky.ru)

Простатит (http://www.kuznetsky.ru) – самое распространенное урологическое заболевание мужчин любого возраста. Широкое распространение «научных» суждений и недостаток достоверной информации привели к формированию преобладающего мнения среди пациентов, что хронический простатит (http://www.kuznetsky.ru) – неизлечимая болезнь, неизбежно приводящая к бесплодию, импотенции и прочим, фатальным для мужчин проблемам. Подобное отношение приводит к тому, что многие пациенты опускают руки и упускают благоприятный момент для устранения заболевания. Хочу сразу заметить, за более чем 20-летнюю практику лечения хронического простатита (http://www.kuznetsky.ru) (синдрома хронической тазовой боли) не было ни одного пациента, которому не удалось помочь.
Необходимость внесения ясности заставило обобщить информацию об этом «загадочном» заболевании и постараться изложить ее в доступной форме.
Выделяют несколько форм простатита. Подробнее....

Так же читайте на сайте:

интерстициальный цистит (http://www.kuznetsky.ru)
интерстициальный цистит (http://www.kuznetsky.ru)
лечение цистита у женщин (http://www.kuznetsky.ru)
хронический цистит (http://www.kuznetsky.ru)
импотенция (http://www.kuznetsky.ru)
инфекции передаваемые половым путем (http://www.kuznetsky.ru)
лечение хронического цистита (http://www.kuznetsky.ru)

marinaRU
Sep 16th, 2010, 12:10 PM
ЭТО ЧТО ЕЩЕ ЗА ХРЕНЬ?!

Fantasy Hero
Sep 16th, 2010, 12:28 PM
^ i was wondering the same :lol:

-don't ask to write that in russian anw :p -

Fantasy Hero
Sep 18th, 2010, 12:06 PM
http://i47.tinypic.com/1239v12.png

Zamboni
Sep 21st, 2010, 04:37 PM
Int. A Flavia Pennetta: “il mio tenero Vale”

Piero Valesio, tuttosport del 21.09.10

Flavia e Valentino: sarebbe una storia d'amore di una bellezza più unica che rara. Due stelle di valore assoluto, due leader dello sport mondiale, due, tipi, due belli. Anche se, non se abbia a male Valentino, su questo piano vince Flavia e pure alla grande. Sarebbe una grande storia ma non lo è nel senso che i due sono «solo» amici e non da poco. E gli amici si compattano quando è il momento del bisogno. Forse è anche per questo che la Pennetta ha deciso di spostarsi di 350 chilometri (la settimana scorsa si stava allenando a Barcellona) e di concedersi una domenica al fianco del suo grande amico in crisi di risultati. Al fianco nel senso letterale del termine visto che ha assistito alla corsa a bordo pista. Ha sofferto per lui, lo ha spronato e consolato alla fine quando il risultato ha messo in luce in modo incontrovertibile che la sua stagione, la più sfortunata della sua carriera, è sostanzialmente finita; anche al di là dei risultati che potrà raggiungere nelle ultime gare. Flavia, è venuta a soccorrere l'amico in difficoltà? «Valentino Rossi non ha bisogno di soccorso, mai». Affermazione impegnativa. «Ma è vero: lui ha sempre un atteggiamento positivo, come persona. Anche quando la sfortuna ti perseguita, e lui quest'anno ne ha avuta tanta, devi essere bravo a capire che così come è arrivata poi se ne va, di colpo. E tu devi essere pronto a cogliere l'attimo per riprenderti. Se ti lasci andare le opportunità di riscossa arrivano e tu non le vedi». Forse Vale svolterà fra qualche mese, quando inizierà una nuova vita in Ducati. «Rossi sulla Rossa è una grande cosa, Ma provo già nostalgia della Yamaha per lui...» In che senso? «Io mi affeziono alle cose. La Wilson mi ha già detto che l'anno prossimo dovrà giocare con una racchetta serigrafata in modo diverso rispetto all'attuale e io non vorrei: di- pendesse da me giocherei sempre con la stessa Lui ha preso la Yamaha quando era una moto che non andava e l'ha trasformata nella miglior moto al mondo...Mi dispiace che adesso la lasci». Andiamo al sodo. Cosa le piace di Rossi? «Lui è Valentino Rossi». E se si chiamasse Franco Pautasso? nome non c'entra. C'entra il fatto che come pilota è unico. Prendi il sorpasso di Barcellona, l'anno scorso. Una cosa del genere la fai solo se se la vuoi fare con tutto stesso. E se sei in grado di capire tutto in quel momento, di vedere tutto. Essere tutto questo vuol dire essere Valentino Rossi». E come uomo? «Beh... Quel sorriso ti lascia senza parole. Ma è il sorriso di uno che potrebbe tirarla all'infinito e invece è rimasto il ragazzo semplice che è sempre stato. E' pieno il mondo il gente che se la tira da morire e che non ha combinato un cavolo nella vita E poi è cocco lo». Coccolo? «Sì. Tenero. In pista invece è sia così». C'è un tennista che, secondo lei, può essere paragonato a Valentino per carisma, forza, talento... «Nadal, senza dubbio. In primo luogo per un motivo: Rafa, come Valentino, se ti li trovi davanti già ti mettono pressione. Non è la stessa cosa che dover giocare e correre contro qualcuno altro. Il carisma ti investe. E poi hanno in comune anche un altro aspetto: entrambi quando preparano la gara non sono mai soddisfatti. C'è sempre qualcosa che non va nel mezzo o nella racchetta, nel campo o nelle loro condizioni. Poi per sai, e puoi esserne certo, che appena comincia la partita o la gara per loro sarà tutto diverso. Vale per ha una cosa in più». Quale? «Pratica uno sport dove si rischia la vita. Per appassionarsi ad uno sport così, diciamolo,tutto a posto non devi essere. Devi avere qualcosa in più». O forse qualcosa in meno. Se pensi troppo sei finito. «Per devi avere una percezione straordinariamente ampia di quello che ti succede intorno. Molto pi di una persona normale. E Valentino ce l'ha queste percezione, come nessun altro». Come siete diventati amici? «Ci hanno presentati a Wimbledon quando lui è venuto invitato da Roger Federer e Mirka. Gli hanno presentato centinaia di persone fra le quali anch'io. Ma per fortuna sapeva chi ero...Poi a Valencia siamo stati messi in contatti da amici comuni e poi mi ha invitato al Gran Premio. Da allora ci sentiamo e ci mandiamo Sms,,.». Lui risponde? «Questa è una particolarità che abbiamo in comune: siamo lenti». «Lenti nel senso che uno scrive all'altro e poi prima che arrivi la risposta...I miei amici mi dicono: hai sempre il teléfono in mano e quando si tratta di rispondere ad un messaggio ci metti dei giorni anche lui è così». Vale soffre. Domenica è andata proprio male. «Gli e l’ho detto: arrivano momenti così nella vita. Periodi in cui tutto ma proprio tutto sembra che congiuri contro di te. Ma poi quei periodi si dissolvono con la stessa rapidità con cui si sono presentati. Basta aspettare e stare vigili in modo da approfittarne. E Valentino è vigile, vigilissimo». Flavia c'è una domanda che, come dire, aleggia ogni volta che si parla di lei e di Rossi, insomma, che riguarderebbe voi due e il rapporto che vi lega... «Non la voglio nemmeno sentire, questa domanda. Tanto la conoscete già la risposta”.


Flavia parla anche di tennis

E' giusto parlare anche un po' di tennis con Flavia Pennetta. Se non altro perché durante la trasferta americana pre-Us Open si è diffusa una vocina flebile flebile che diceva più o meno così: Flavia non giocherà la finale di Fed Cup contro gli Stati Uniti a novembre. Perché non vorrebbe rinunciare al Master-bis di Bali che è concomitante e perché, insomma, sarebbe un po' stizzita per il fatto che la Schiavone è seguita da Corrado Barazzutti in giro per il mondo (Corrado è un dipendente della Fit) e lei invece si accolla in toto le spese del suo coach, Gabriel Urpi. Cose pi da (ahinoi) maschietti del tennis azzurro che non da biscampionesse del mondo. Flavia, è vero che ha pensato di non giocare a San Diego? «No, ma scherziamo. Come potrei non giocare? La riflessione che sto facendo è pi ampia: ho una certa età, ormai e se penso al prossimo anno, non certo a questo, credo che qualcosa dovrà cambiare nell'organizzazione della mia stagione. Nel 2010 io ho giocato già pi di 180 partite...». Questo vuoi dire che Panno prossimo potrebbe saltare degli appuntamenti di Fed? «No. E comunque vedremo. Il primo turno, ad esempio, sarà in Australia e io sarà già lì per l'Open: sarebbe assurdo se non mi fermassi. Dico che è necessario, a parte la situazione creata da questo calendario assurdo, guardarsi attorno: il problema è che dietro a noi senatrici non vedo molto”

I dont like the last part:tape:

Fantasy Hero
Sep 21st, 2010, 05:03 PM
i read only the last part...but what she said is the truth Linda :shrug:
probably she meant all the fed cup team...not only her and Fran :p

FORZA SARITA
Sep 21st, 2010, 05:38 PM
i hate nadal and rossi and she's friends with both :o
she said play too much and then i'll never miss a FC match :o you're a mess gurl :p

Fantasy Hero
Sep 21st, 2010, 05:54 PM
yeah she suffers of brain death :rolls:

marinaRU
Oct 13th, 2010, 07:15 AM
http://www.ivg.it/2010/10/alassio-la-tennista-flavia-pennetta-testimonial-per-raccolta-differenziata-foto/
(with video)

Fantasy Hero
Nov 1st, 2010, 11:55 AM
"La nostra coppia è nata per caso, possiamo dire che ha funzionato", scherza la Dulko. La coppia di "gordi", le "veline" del tennis, il doppio delle "belle". I soprannomi si susseguono con le vittorie. Niente follie stavolta per il successo a Doha. I capelli non cambieranno colore. E il prossimo anno sarà ancora Dulko/Pennetta. "Puntiamo ad uno Slam, non importa quale. Ci accontentiamo di uno qualsiasi dei quattro". I trofei di cristallo sono lì, luminosi, appoggiati sul desk delle hostess, guardati a vista. Accarezzati. Troveranno posto accanto a quelli già ricevuti per la leadership 2010. "Sono dei premi speciali, che arricchiscono una carriera. Questa vittoria è dedicata a tante persone, dalle nostre famiglie ai nostri allenatori. Ma io non posso non dedicare questo successo a Federico Luzzi, sono sicuro che lui ci abbia supportato in questa stagione straordinaria. E il prossimo anno faremo bene anche in singolare".

:haha: :haha:

FORZA SARITA
Nov 1st, 2010, 01:39 PM
yeah sure :lol:

Fantasy Hero
Nov 1st, 2010, 01:56 PM
:haha: Gise will def some random big seed right to get trushed to a nobody :lol:
Flavia...is there still something to add? :haha:

MAGIKARPETTA
Nov 1st, 2010, 03:13 PM
"La nostra coppia è nata per caso, possiamo dire che ha funzionato", scherza la Dulko. La coppia di "gordi", le "veline" del tennis, il doppio delle "belle". I soprannomi si susseguono con le vittorie. Niente follie stavolta per il successo a Doha. I capelli non cambieranno colore. E il prossimo anno sarà ancora Dulko/Pennetta. "Puntiamo ad uno Slam, non importa quale. Ci accontentiamo di uno qualsiasi dei quattro". I trofei di cristallo sono lì, luminosi, appoggiati sul desk delle hostess, guardati a vista. Accarezzati. Troveranno posto accanto a quelli già ricevuti per la leadership 2010. "Sono dei premi speciali, che arricchiscono una carriera. Questa vittoria è dedicata a tante persone, dalle nostre famiglie ai nostri allenatori. Ma io non posso non dedicare questo successo a Federico Luzzi, sono sicuro che lui ci abbia supportato in questa stagione straordinaria. E il prossimo anno faremo bene anche in singolare".

:haha: :haha:

The most important thing is to believe, Flavia :lol:

Zamboni
Nov 6th, 2010, 07:43 PM
If there's an Italian equivalent of a chatty Kathy, it's Flavia Pennetta, because the woman can talk. And talk and talk and talk. You see it in singles matches, but in doubles matches the chatter is non-stop. Chatty Flavia can talk when she’s serving or receiving, before and during points, to herself, to her partner, pretty much to anyone, often and constantly.

She also knows how to use her words off the court. I saw it on a practice court in Cincinnati, where she and Daniela Hantuchova sat, leaning in towards each other, and chatted away like gossiping schoolgirls; meanwhile their coaches kept looking over to see if they were ready to hit tennis balls again.

Italy Pennetta is her usual talkative self here in San Diego; it was especially evident at the draw ceremony, which was held at SeaWorld (a sea lion named Clyde made a special appearance, naturally). On stage, as several officials gave speeches, Pennetta chatted up her teammates. She’d turn to Roberta Vinci on her left, commenting perhaps about something in a speech, a gesture from a member of their camp, or the impact US midterm elections will have on healthcare reform.

Sometimes, Chatty Flavia turned to Francesca Schiavone. Once, after a quick conversation with a relatively serious-looking Schiavone, Pennetta reached behind Schiavone to tug at the elbow of captain Corrado Barazzutti, who decided against having a protracted conversation with her at that moment. That was fine with Pennetta, who had other thoughts to express later and simply turned to share them.

Often the words were just part of the fun. During practice in the morning, after a spirited game of mini-soccer, Pennetta and Vinci collected tennis balls. Pennetta took one ball, lined it up as if her racquet were a golf club, and took a tee-off stance. She took a big swing, driving the ball past Vinci’s baseline, resulting in an exchange of wisecracks in Italian. They were having fun.

I asked an Italian radio journalist about Pennetta’s ability to talk often and much. “Italians talk a lot!” she said, laughing. Does she talk more than the average Italian then? The journalist didn’t hesitate: “She is from South Italy,” she said, adding hand gestures this time. “And they talk and talk and talk.”

So true:happy:
Flavia's talking is really unstoppable:lol: I love how she is just always talking, even during service routines or whatever. She must also be one of very few players to talk back to their coach then they call him on court:lol:
And during these kind of ceremonies she just never pays attention, lol

MAGIKARPETTA
Nov 6th, 2010, 07:53 PM
Flavia http://butchfemmeukrainbow.com/images/smilies/blabla.gif :lol:

Priscilla.
Nov 6th, 2010, 08:13 PM
Flavia http://butchfemmeukrainbow.com/images/smilies/blabla.gif :lol:


http://www.youtube.com/watch?v=sDocL7AfIRo

FORZA SARITA
Nov 6th, 2010, 08:35 PM
Flavia http://butchfemmeukrainbow.com/images/smilies/blabla.gif :lol:

:rolls:

marinaRU
Dec 27th, 2010, 04:59 PM
SPORT Flavia Pennetta: una tennista al top in cerca di fidanzato
http://www.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fwww.leiweb.it%2Fiodonna%2Fasc olto%2F10_a_flavia-pennetta-intervista-oggetti-del-cuore.shtml&h=5f1d8

MAGIKARPETTA
Dec 28th, 2010, 08:34 AM
La nuova Pennetta «Single e orgogliosa»

Marco De Martino, il messaggero del 28.12.2010

Il tennis non regala immortalità, ma in qualche caso fa camminare sulle acque a lungo. Come Babbo Natale, anche Flavia Pennetta ha il dono dell'ubiquità visto che in una sola mattinata riesce a materializzarsi al circolo Angiulli di Bari a premiare i vincitori del torneo under 12, all'hotel Hilton di Lecce per ritirare la stella al merito del Coni provinciale, a Fasano per inaugurare una scuola elementare, al teatro comunale di Rosa Marina per una conferenza sullo sport organizzata dal Rotaract e infine al circolo tennis Brindisi per allenarsi con Francesca Schiavone davanti a una scolaresca festante. Il "guaio" è che le vacanze sono già finite: Flà infatti sta preparando le valigie perché oggi parte per Brisbane, Gold Coast,.Australia, dove il 3 gennaio comincia la stagione 2011. Non ci posso credere... «E invece sì, guardavo poco fa il biglietto dell'aereo, torno tra sei settimane, martedì 8 febbraio. Debutto a Brisbane, poi gioco Sydney, quindi vado a Melbourne per gli Open d'Australia e infine mi trasferisco ad Hobart per Australia-Italia di Fed Cup. Siamo le campionesse in carica, lei capisce...». Pronti via e subito un tour da mal di testa... «Ormai è la norma, a 14 anni sono andata via da casa, a 22 sono andata a vivere e ad allenarmi in Spagna, nel 2009 ho giocato 128 match e quest'anno addirittura 139, record del circuito Wta, tanto che ho chiuso cotta. Questa vita da girovaga, mi creda, non è poi granché, ma quando dopo una sconfitta mi ritrovo a guardare il soffitto di una camera di hotel mi consolo pensando che avrò tempo per avere una vita normale più avanti. Perché io una vita normale prima o poi l'avrò, questo è certo». Mentre adesso, ritmi da reparto presse... «Fare i conti è facile. Passo un mese e mezzo a Barcellona dove c'è il mio allenatore Gabriel Urpi; un mese e mezzo in Svizzera dove ho la residenza e un appartamento in affitto di 65 metri quadrati a Verbier, tutto di legno, carino, dove ho messo un po' di cose mie tanto per far finta di sentirmi a casa; e infine venti giorni in Italia. Il resto, dunque, sono otto mesi di aerei? viaggi, nastri che restituiscono i bagagli, hotel, allenamenti, tornei. Quando i miei amici mi mandano le foto dei loro weekend, o delle loro cene, mi sento una marziana. Ma insomma non spacco pietre in miniera e poi questo lavoro l'ho scelto io. Perché io sono sola, non dipendo da una squadra, decido io, quindi se al mattino mi sveglio e non ho voglia di allenarmi lo posso fare benissimo. Solo che poi se perdo sto male e pago io». Lei gioca meglio adesso che è single di quando era fidanzata con Moya. Nel 2007 era a pezzi ma poi ha messo in fila tre anni fantastici... «Nel 2007 sono stata a un passo dal ritiro, troppe cose brutte tutte insieme, l'operazione al polso, il crollo in classifica, la rottura con Moya. Per carità, lui si è innamorato di un'altra e nella vita ci sta, solo che me l'ha detto per telefono lo stesso giorno in cui sono uscite le foto con lei, ecco. La botta è stata pesantissima, penso di aver perso dieci chili in una settimana, che dio lo maledica per sempre... Ma ne sono venuta fuori, con coraggio». Come ha fatto? «Merito di Guglielmo, il mio psicologo. Prima non ci credevo, poi invece ho capito che è fondamentale perché da dentro non puoi vedere come sei fuori. Certo a Moya forse un giorno dovrò dire grazie perché la sofferenza del distacco mi ha fatto scoprire cose che di me non conoscevo, come la forza, la grinta, la capacità di reazione. E appena sono stata bene di testa è cambiato tutto perché anche la palla ha preso a viaggiare rapidissima». Un uomo accanto è importante per una sportiva? «Dipende. Da una parte ti aiuta, ti completa e puoi confidarti con lui, ma se il tuo obiettivo è solo la vittoria, e al tuo compagno bene o male devi stargli dietro, forse allora è meglio che stai sola con il tuo coach. Papà me lo dice spesso, "a Flà dopo sta' botta sei diventata acidella", ma è la verità: se stai con un altro tennista lui sicuramente comprende i tuoi viaggi e lo stress, ma se poi tu sei a Tokyo e lui è a Parigi, e tu non vedi l'ora di perdere per raggiungerlo, allora è finita». Nel 2009 lei è stata la prima italiana a entrare nella top-ten, quest'anno invece è stata la prima a diventare numero 1 in doppio e a vincere il Masters. Diverso? «L'ingresso tra le prime dieci è stata una sensazione unica perché l'Italia aspettava un risultato così da 30 anni, da Barazzutti, però devo aggiungere che è stato un traguardo atteso, voluto e su cui ho lavorato con tutte le mie forze. L'incredibile stagione di doppio che abbiamo messo in piedi con Gisela Dulko, invece, è stata soprattutto una sorpresa, cominciata per caso perché siamo amiche e diventata sempre più emozionante con la vittoria in 7 tornei. Siamo forti perché i ruoli sono definiti, lei dolce e io dura». Ha mai pensato che senza tutti quei doppi forse la storia del Roland Garros sarebbe potuta essere diversa? Se avesse vinto in due set con la Wozniacki, poi... «Di sicuro sono arrivata a Parigi stanca di testa e il torneo non l'ho preparato al meglio. E' vero che con Francesca l'ultima volta avevo vinto 63 60, che la Dementieva si è ritirata e che con la Stosur non ho mai perso, ma non ho rimpianti. Nel ranking di singolare sono passata da 12 a 24, ma la soddisfazione di essere la prima del mondo in qualcosa è fantastica». Quali sono i sogni per il 2011? «Non tanto tornare tra le prime 10 in singolare, quanto piuttosto diventare una giocatrice migliore. Devo incattivire il servizio, dare più pesantezza al dritto e poi fare più volée, andare di più a rete, fare più punti, essere più espressiva, perché da dietro mi logoro troppo e non posso fare il punto sette volte ogni volta» (finally she maybe understood it :clap2:). Sciolga un vecchio mistero, quando si allena con gli uomini che fa? «Con un top-ten non vedo palla, col numero 600-700 perdo, forse mela gioco con un under 18 forte, ma non è detto. Ogni volta che in Spagna gioco contro Nadal è un'esperienza pazzesca, sembra una tempesta contro un ombrello, dopo due scambi sono già appiccicata ai teloni di fondo, la palla rimbalza a due metri di altezza e il peso sembra quello di un macigno.:lol: No, tra uomo e donna nel nostro sport tra fisico e potenza c'è troppa differenza. Federer? Purtroppo no, mai giocato con lui, ma sarebbe una delizia. Prima o poi troverò il coraggio di chiedergli di fare due palle». Come sarà il suo prossimo uomo? «Italiano, bello, moro, divertente, che mi sappia sorprendere, sincero. Di sicuro non sarà un tennista, di sicuro mi sposerò, avrò tre figli e vivrò in Italia. E magari farò la capitana di Fed Cup, o il presidente della Federazione, a Binaghi l'ho già detto». A proposito, che ci fa con tutti i soldi che guadagna? Solo di premi già viaggia verso i 5 milioni di dollari... «Mi crede se le dico che non lo so? Se ne occupano papà e mamma, anche se non ho ancora capito chi veramente decide il da farsi. Io seguo un po' le valute perché il nostro prize-money è in dollari, ma quest'anno come premio per Doha mi sono comprata giusto un paio di stivali di Gucci. Sogni per il 2011? «Stare bene, dare tutto, giocare al massimo gli Slam e Roma che è diventata la mia nuova città. Ho firmato per due anni con il Circolo Canottieri Aniene sposando in pieno il programma di Giovanni Malagò, niente serie A ma un progetto olimpico con le altre campionesse che mi porterà a Londra 2012. Poi tirerò una riga e farò il punto. L'Italia non incoraggia molto chi fa sport, non è certo l'America, ma io spero di avere altri traguardi».

Zamboni
Dec 28th, 2010, 02:10 PM
Love her honesty in interviews :)

marinaRU
Jan 5th, 2011, 05:32 PM
Flavia's Off-Season



How did the stars of the WTA spend the off-season? In the lead-up to the Aussie Open, wtatour.com will be helping answer that question...

Flavia Pennetta had a stellar 2010, particularly in doubles, winning seven titles with Gisela Dulko, with whom she finished the year as the No.1 doubles team in the world. Here's the Italian trailblazer in her own words...

On her off-season training regime...
"My daily regime was pretty much the same as last pre-season: training, training, training! I always do two sessions in a day, one in the morning and one in the afternoon. In the morning I try to focus on fitness by doing gym and body activities like treadmill, bike and weights; in the afternoon I play tennis."

On time off...
"This pre-season was a bit short for me since after the Fed Cup final I had surgery on my left eye. I had to stop for two weeks, which was my only "relaxing". It wasn't a great way to relax, but I couldn't do it in a different way! At Christmas I went back home to my family. To be together with my sister and my friends and to eat so many delicious things my mother cooked was great!"

On 2010...
"With Gisela we really did something special! We began to play doubles together because we are very good friends but we didn't expect to be so good together on court... so game after game we are now the No.1 team in the world!"

On 2011...
"Pre-season training is very important because it is the time to work on faults and to analyze what must be done better in the new year. Together with Gaby, my coach, we decided to play fewer tournaments than in 2010. Statistics and media said that I was the player who played the most in 2010 and that I travelled so much, like three times around the world! I hope to do as great this year."

Zamboni
Jan 27th, 2011, 03:25 PM
Dulko y Pennetta jugaran la final del Australian Open en Vivo por ESPN

Gisela Dulko y la italiana Flavia Pennetta, primeras favoritas, alcanzaron la final del torneo de dobles femenino del Abierto de Australia, su primera definición en un torneo Grand Slam.

La gran final será tramsmitida por ESPN y ESPN HD en la madrugada del viernes a partir de la 01.00, hora de Buenos Aires.

Dulko y Pennetta, que acumulan juntas diez títulos además de otras cuatro finales, pero nunca de un torneo grande, superaron en la semifinal al dueto formado por la estadounidense Liezel Huber y la rusa Nadia Petrova, terceras cabeza de serie, por 6-4 y 7-5.

La argentina y la italiana, primeras en la clasificación mundial de dobles femenino, disputarán el título a la bielorrusa Victoria Azarenka y la rusa Maria Kirilenko, duodécimas favoritas, que se impusieron a las segundas cabezas de serie, la checa Kveta Peschke y la eslovena Katarina Srebotnik por 6-2 y 6-4.

Dulko se mostró feliz ante “la experiencia nueva”, que afronta y que “significa mucho”.

“Significa mucho para mí. Es mi primera final en un Grand Slam. Es una experiencia nueva para mí y estoy muy feliz”, destacó la tenista argentina, número uno del ránking de dobles femenino.

“Flavia ya ha vivido esta experiencia” (jugó la final del Abierto de Estados Unidos con Elena Dementieva, frente a la estadounidense Lisa Raymond y la australiana Samantha Stosur).

“Ya nos conocemos todas en el circuito. No creo que haya sorpresas y además ya nos hemos enfrentado contra ellas”, añadió la tenista sudamericana, que no rehuye de la condición de favorita en la final.

“Somos favoritas. Para eso somos las número uno y las ganamos la última vez”, dijo la argentina aplaudida por su compañera, Flavia Pennetta, que alabó el talante positivo de Dulko.

“Ante todo me gustaría disfrutar de la final. A veces ocurre que te pones nerviosa, tensa y sales de la pista con otra sensación, sin haber aprovechado el momento”, subrayó Pennetta.

“Así salimos de la semifinal de Wimbledon. Con mala sensación. Pero por el juego. Entre nosotras nunca ha habido malas sensaciones”, dijo Pennetta, que desveló que ambas responden al nombre de “Gordi” cuando son reclamadas por su compañera.

“La condición de numero uno del mundo nos ayuda. No nos genera presión. Al revés. Nos echa para adelante”, dijo Dulko.

“Somos bastante de seguir un ritual en la pista”, añadió Pennetta.

“Una siempre siente nervios. Sobre todo al principio. Pero en la primera ronda y en la última, en la final. El viernes también será así, seguro”, concluyó Dulko.


Gordi:tears:

peanuts
Jan 28th, 2011, 07:58 AM
I hope its okay to put in here her post-match interview in doubles. ;) This is Dulketta's interview after winning the AO 2011 doubles title. :yeah:

http://www.australianopen.com/en_AU/news/interviews/2011-01-28/201101281296203847885.html

Q. What did you tell yourself when you were a set and break down? How did you turn it around?

GISELA DULKO: Well, we were like in shock. I think a set and 4 1 down, in the changeover, we were like looking each other and saying, C'mon, we play less than an hour. We cannot finish the match playing less than an hour in the final.

I don't know. We just tried to went for it, don't try to wait for them, try to play more aggressive. Because I think till this moment we couldn't find a good way to play, to win the match. So we just keep fighting and trying.

FLAVIA PENNETTA: And she was playing unbelievable three games. From 4 1 was playing unbelievable.

Q. Could you feel the momentum change when you started getting on top?

FLAVIA PENNETTA: Yes, everything was change. For us was a little bit better because when you are down, you don't have nothing to lose, so you just keep going.

But for the other team, was really tough. Because when you have the chance, you have a ball for 5 1, it's almost finished, then you're starting the third set, it's like really tough to come back in the game.

I think in the third set we play really well, really aggressive. We was doing our job, our game all the time. So that's why we're here now.

Q. Azarenka struggled in the third set.

GISELA DULKO: I think maybe she start to be a little bit more, you know, nervous and to miss more balls than in the beginning. I think they play very good in the first set.

Well, I think maybe because she start to go down a little bit, and then Maria maybe as well. But I think most important for us that we keep fighting. In the end we believe we can turn the match, so...

It was good.

Q. Flavia, you're the first Italian to win any Australian Open trophy. Is that special for you?

FLAVIA PENNETTA: I'm happy. Yes, it is. It's always special, you know. It's a Grand Slam. It's something really amazing for me.

Last year we played so well. We won The Championships, so many good tournaments, but we didn't make any final or we didn't win any Grand Slam.

So we start really well to here and I hope to do the same thing in the next one.

FastScripts by ASAP Sports

peanuts
Jan 28th, 2011, 08:10 AM
Often the words were just part of the fun. During practice in the morning, after a spirited game of mini-soccer, Pennetta and Vinci collected tennis balls. Pennetta took one ball, lined it up as if her racquet were a golf club, and took a tee-off stance. She took a big swing, driving the ball past Vinci’s baseline, resulting in an exchange of wisecracks in Italian. They were having fun.

Haha! I sometimes do this when I play tennis. :lol: Glad to know I'm not the only who does this goofy thing on a tennis court. :p

Zamboni
Jan 28th, 2011, 03:27 PM
I'm sure she picked that up from Urpi, he does it like all the time:lol:

peanuts
Jan 28th, 2011, 03:40 PM
I'm sure she picked that up from Urpi, he does it like all the time:lol:

:lol: It must be a fun coaching relationship. I've never seen anyone do that in any of the courts that I played. It can scratch your racket's frame if you're not careful so I guess that's why people in tennis clubs doesn't do it. ;)

wiwa
Feb 5th, 2011, 12:43 PM
A quite detailed post match interview of Flavia:

http://www.fedcup.com/en/news/audio/aussies-and-italians-review-rollercoster-day.aspx

Fantasy Hero
Mar 29th, 2011, 09:03 PM
Flakira's new single :cheer:

Don't you warn me?
http://img14.imageshack.us/img14/5479/252f57db31d16232350.jpg

uPudE8nDog0

Amelio League:
You were playing as a brainless in a fed-cup match
When I met you
I aced you out, I broke you up, and moved you around
played like GOAT till the eM-Pe
Now two blinks later on you've got that shot out of a feet
this finger has been so fast out of you
But don't forget it's me who asked to warn you bau bau
And I can tell you’re a bitch, down too
Chorus :
Don't, don't you warn me?
You know I can't believe it when I hear that you didn’t see it
Don't, don't you warn me?
You know I don't believe you when you say that I missed it.

It's much too late to find
You think you've changed your mind
You'd better change it back or we will both be sorry

Don't you warn me baby? Don't you warn me oh
Don't you warn me baby? Don't you warn me oh

Flakira:
I was playing as an empress in a fed-cup match
That is kinda true
But even then I knew I'd find a much better fame
Either with or without you
The few matches I have won have been such good times
I still own you
But now I think it's time I get my fame on my own
I guess I’m just a puta you know too
(Chorus)
Don't you warn me baby? Don't you warm me oh
Don't you warn me baby? Don't you warn me oh
(Repeat four times and fade)

chmath
Mar 29th, 2011, 09:27 PM
^^^ LOL! LOVE IT! Classic!

peanuts
Mar 30th, 2011, 03:32 PM
^^I was a bit confused to see this on the media zone instead of the videos thread. :oh: I've already made my comments in Gaspa's chat thread but still LOL LOL LOL. :haha: Gaspa. :bowdown:

Zamboni
Apr 15th, 2011, 07:35 PM
Nel film Limitless, (in uscita oggi al cinema) il protagonista diventa un uomo brillante e di successo, il suo segreto è una pillola. Nel 2007, sei stata la prima italiana a essere rientrata nella Top 10 della classifica mondiale WTA e ora, da poco (Febbraio 2011), sei prima nella classifica del ranking del doppio. Qual è il segreto di questi risultati?
Il segreto ve lo potrò dire solo quando smetterò di giocare, quindi bisognerà aspettare ancora un po'! Scherzo, anche se credo che il vero segreto sia la grande passione per il tennis che ti aiuta a sostenere l'impegno giorno dopo giorno. Ti aiuta a porti degli obiettivi sempre più alti e cercare di raggiungerli in modo da non avere mai rimpianti.

Quali sono invece gli "effetti collaterali" dei tuoi risultati?
Il rovescio della medaglia c'è quasi sempre. L'effetto collaterale più significativo è la stanchezza dovuta all'attività fisica agonistica ma anche ai tanti spostamenti per i tornei in giro per il mondo.

Quando sei costretta a cambiare continente, come fai a fare a trovare la giusta energia e a gestire eventuali momenti di debolezza?
Ho visto nel tempo che il corpo umano si abitua a tutto. Io lo alleno da quando sono piccola visto che ho iniziato a giocare molto presto e di conseguenza a fare fin da allora tanti spostamenti, tanti cambi di abitudini, fusi orari e climi diversi. L'importante è mangiare sano, cibi nutrienti ma non pesanti, bere moltissima acqua e appena posso mi riposo.

L'anno scorso Francesca Schiavone, ha vinto il Roland Garros. Tutti hanno parlato della sua bravura ma nessuno ha parlato anche del fattore fortuna. Tu cosa pensi a riguardo? Ci vuole anche un pizzico di fortuna ogni tanto che insieme al perfetto timing non guasta?
Credo che nello sport come nella vita in generale la fortuna è sempre importante, ma bisogna anche saperla riconoscere e coglierla. Francesca ha vinto ma non certo per fortuna era in condizioni di gioco superiori alle altre.

Che rapporto hai con Francesca Schiavone?
Buono, molto buono, ci rispettiamo molto sia come amiche che come tenniste. Siamo due professioniste con i nostri caratteri differenti e proprie caratteristiche per questo c'è molta stima. L'una per l'altra, credo, siamo stimolo e sprono per fare sempre meglio. Non ti nascondo che quando siamo in trasferta per le Fed Cup ne facciamo di cotte e di crude…

Qual è la tua giornata tipo e quale il prodotto che non deve mancare giornalmente?
Ho 3 allenamenti al giorno, in campo, preparazione atletica e poi di nuovo in campo. La mia giornata inizia (operativa) alle 9:30 e poi va avanti fino al pomeriggio tardo. Naturalmente con un break per pranzo. Acqua e integratori generici che non mancano mai.

Qual è invece la tua dieta tipo prima di un grande appuntamento?
Appuntamento sportivo? (sorride) Quasi sempre lo stesso… carne e tanta verdura e poi frutta. La pasta quando sono all'estero la mangio poco e mi rifaccio quando torno a Brindisi da mamma. I dolci e la cioccolata mi piacciono ma preferisco il salato. Vado matta per il giapponese e nonostante abbia avuto il tifo (pazzesco lo so…) continuo a mangiarlo appena posso.

Ti riconosci nella definizione di tennista più sexy d'Italia?
Cosa? Ma chi ha detto così?! No, non credo… Certo non nego che quando metto i tacchi 12 (che adoro), mi sento e bella. Mi piace andare a fare shopping, per esempio con Gisela Dulko quando abbiamo vinto la finale di Roma o la finale di Miami stavamo per svaligiare i negozi, però è un gioco e per questo è divertente.

Cosa riconosci di più o meno nelle grandi tenniste avversarie rispetto a voi italiane?
Non so dire se è di più o di meno… Noi italiani abbiamo per carattere vedute più ampie però non so è difficile generalizzare. In altri casi la struttura fisica, per esempio, io posso anche allenarmi allo sfinimento ma non mi verrà mai il fisico delle Williams…

Finally a decent interview again;)

Fantasy Hero
Apr 15th, 2011, 07:43 PM
it was a nice one and :eek: she didn't tell the same things :lol:

chmath
Apr 15th, 2011, 08:00 PM
it was a nice one and :eek: she didn't tell the same things :lol:

Indeed! Thx for posting Linda babe! If the so-called 'autobiography' is along the same lines, then it will be interesting indeed. Let's wait and see...:worship:

Fantasy Hero
Apr 15th, 2011, 08:10 PM
^ +1 :yeah:

wiwa
Apr 17th, 2011, 06:09 PM
http://blog.oregonlive.com/tennis/2011/04/gisela_dulko_and_flavia_pennetta_the_comeback.html

It is the second article of Douglas Perry about Flavia. He's a fan obviously :)

Karlas efforts have been recognized :wavey:

chmath
Apr 17th, 2011, 06:34 PM
http://blog.oregonlive.com/tennis/2011/04/gisela_dulko_and_flavia_pennetta_the_comeback.html

It is the second article of Douglas Perry about Flavia. He's a fan obviously :)

Karlas efforts have been recognized :wavey:

Thx for posting, the narrative is indeed...unique! :lol:

Fantasy Hero
Apr 21st, 2011, 01:35 PM
Flavia is used in 1/2 of the stuttgart's final adv on eurosport :lol: :awww:

wiwa
Apr 21st, 2011, 01:46 PM
She was the Porsche-girl in 2009

http://www.youtube.com/watch?v=syn4M8BhHHQ&playnext=1&list=PLAA3BCFE2DF907D4B

Zamboni
Apr 21st, 2011, 04:56 PM
The Porsche video:inlove:
I am a really fight girl on the court so this is a fight car so I think we are pretty the same, you know? :inlove :bigcry:

Her English is beyond cute there:awww: "so come with me and just look it" :lol:

Fantasy Hero
Apr 21st, 2011, 05:13 PM
http://img25.imageshack.us/img25/6213/yeahed.jpg
fuck yeah :sobbing: my first top 3 win :sobbing:

MAGIKARPETTA
Apr 21st, 2011, 05:18 PM
http://img25.imageshack.us/img25/6213/yeahed.jpg
fuck yeah :sobbing: my first top 3 win :sobbing:

What game is?:)

Fantasy Hero
Apr 21st, 2011, 05:40 PM
wta tennis :)

chmath
Apr 21st, 2011, 06:38 PM
Gaspa, on what console?